L’Assemblea dei sindaci approva il nuovo Statuto della Provincia di Varese

La Provincia ha dato largo spazio ''alle pari opportunità e alla maggiore efficienza nell'amministrare le zone il territorio''

09 giugno 2015
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateLaghiLuineseMalpensaSaronnoTradateVarese Città
Statuto 1

Il nuovo statuto della Provincia di Varese incassa anche il voto unanime dell’Assemblea dei sindaci. E proprio i primi cittadini del Varesotto, al termine della votazione, hanno sancito con un applauso l’approvazione definitiva del documento.
Mancava ancora un passaggio istituzionale, ovvero l’Assemblea dei sindaci, per completare il percorso di condivisione delineato a fine dicembre dal Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi e portato avanti in questi mesi dal Consigliere provinciale e Presidente della Commissione ad hoc Alfonso Attardo. 

E proprio ieri i Sindaci si sono riuniti a Villa Recalcati per approvare l’importante documento che fissa le norme fondamentali dell’organizzazione dell’Ente.
Durante l’assemblea i consiglieri Alfonso Attardo, Marco Magrini e Alberto Tognola hanno ripercorso il cammino intrapreso con i consiglieri provinciali di maggioranza e minoranza e gli amministratori locali e hanno evidenziato una serie di punti strategici che caratterizzano il documento: “E’ stato fatto un ottimo lavoro sui principi fondativi. Abbiamo dato grande attenzione alla questione delle pari opportunità, previsto la possibilità di creare zone omogenee che consentiranno un’amministrazione più efficiente e vicina al territorio e infine abbiamo voluto attribuire un ruolo importante all’Assemblea dei Sindaci, che non sarà un mero organo di controllo, ma assumerà un ruolo propositivo, consultivo e decisorio nell’ottica di un ampio coinvolgimento dei cittadini nella gestione dell’Ente di Area vasta”.
Anche il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi ha espresso la propria soddisfazione: “Fin dalla prima Assemblea dei Sindaci ho chiesto di adottare un metodo il più condiviso possibile e che prevedesse il coinvolgimento anche dei consiglieri provinciale di minoranza e di tutti i nostri amministratori. Colgo anche l’occasione per ringraziare il segretario generale della Provincia Francesco Tramontana per il suo apporto professionale indispensabile alla stesura del documento. E’ stato un lavoro lungo e complesso e se oggi abbiamo raggiunto questo importante risultato lo dobbiamo alla grande collaborazione di tutti. A dimostrazione di questo vi sono ben due votazione del testo all’unanimità, ovvero quella del Consiglio provinciale e quella dell’Assemblea dei Sindaci. Ora anche la Provincia di Varese può dire di avere la propria carta costituzionale”.

Statuto 2

LE TAPPE PIU’ SIGNIFICATIVE DEL PERCORSO CONDIVISO CON I SINDACI

27 novembre 2014 Durante il consiglio provinciale viene istituita la Commissione per la predisposizione dello Statuto, strumento che conterrà le norme fondamentali dell’organizzazione dell’Ente. La commissione è così composta: Alberto Tognola e Alfonso Attardo (Civici e democratici), Marco Magrini (Insieme per una provincia civica), Ennio Imperatore (Liberi per la provincia), Silvano Gardelli (lega Nord).

27 dicembre 2014 Si riunisce a Villa Recalcati l’Assemblea dei sindaci per la prima discussione della bozza dello Statuto e in proprio in quell’occasione il Presidente della Provincia di Varese si impegna a tracciare le linee guida del percorso da condividere con i primi cittadini. «Lo Statuto lo faremo insieme ai sindaci. Sarà un percorso che coinvolgerà il Consiglio provinciale e l’Assemblea dei sindaci, poiché questo importante documento non può essere approvato solo dalla maggioranza, ma deve avere la più ampia condivisione».

Marzo 2015 L’amministrazione provinciale guidata dal Presidente Vincenzi organizza una serie di incontri sul territorio per presentare la bozza dello Statuto e condividere le osservazioni con amministratori e funzionari locali al fine di arrivare a un testo che abbia la più ampia condivisione possibile. Gli incontri si sono tenuti a Cassano Valcuvia, Varese, Arcisate, Tradate, Vergiate, Busto Arsizio e Saronno.

29 maggio 2015 Il Consiglio provinciale con voto all’unanimità adotta il nuovo statuto della Provincia di Varese. «Ora – ha dichiarato il consigliere provinciale e presidente della Commissione Statuto Alfonso Attardo – porteremo il documento in Assemblea dei sindaci per l’approvazione definitiva. Il testo è stato ampiamente condiviso con tutti gli amministratori comunali e abbiamo lavorato in maniera positiva anche nella Commissione con i consiglieri di minoranza».

8 giugno 2015 L’Assemblea dei sindaci si riunisce a Villa Recalcati e approva all’unanimità il nuovo Statuto dell’Ente.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio