La Riforma della Sanità va in porto. I Cinquestelle salgono sulle “barricate”

La commissione regionale Sanità ha approvato il testo, facendo decadere gli emendamenti dell'opposizione. Macchi (M5S): ''E' la dimostrazione della non volontà di ascoltare il territorio''

28 ottobre 2015
Guarda anche: Busto ArsizioGallarateMilanoSaluteVarese
pronto-soccorso

La Commissione Sanità, approvando oggi a maggioranza (contrari M5S, PD e Patto Civico) un emendamento illustrato dal Presidente Fabio Rizzi (Lega Nord), ha confermato i contenuti dell’allegato alla Riforma della Sanità
sull’organizzazione territoriale in Ats (Agenzie di tutela della salute) e Asst (Aziende socio-sanitarie territoriali). Questo emendamento ha fatto decadere tutti quelli precedentemente illustrati dalle minoranze.

“Nessun emendamento ci ha convinto della necessità di intervenire con eventuali modifiche prima di mettere alla prova la Riforma – ha spiegato Rizzi – non c’è stata da parte nostra alcuna volontà di limitare i contributi delle minoranze, ma di fatto in questo momento i loro suggerimenti mettevano sul tavolo solamente una serie di
ipotesi: meglio procedere, allora, con l’attuazione della riforma così come approvata in estate e valutare sul campo eventuali interventi correttivi”.

“Faccio un appello perché ci sia almeno una riflessione sulle indicazioni che arriveranno dai Ministeri – ha evidenziato la Vice Presidente del Consiglio, Sara Valmaggi (PD) – con questo emendamento la maggioranza si è premurata di tutelare la legge così com’è e la sua stessa tenuta politica”.

“Non c’è nessuna fibrillazione politica, ma un accordo convinto – ha replicato il Vice Presidente della Commissione, e correlatore della legge, Angelo Capelli (NCD) – la legge recepirà l’indicazione del ministero della Salute, non ci sarà alcuna discussione in merito”.

Per Paola Macchi (M5S) l’emendamento approvato oggi a maggioranza “è la dimostrazione della non volontà di ascoltare il territorio”.

La Commissione Sanità ha anche approvato all’unanimità la proposta del Piano quadriennale regionale per le politiche di parità e di prevenzione e contrasto alla violenza di genere. Il documento, illustrato da Anna Lisa Baroni (Forza Italia) ha due finalità: quello di prevenire e far emergere il fenomeno attraverso anche campagne di informazione e sensibilizzazione. E sostenere e accompagnare a una vita indipendente le vittime di violenza. Per garantire l’attuazione del presente piano verranno utilizzate risorse nazionali e regionali e dei fondi strutturali (POR
regionale 2014/2020).

Tag:

Leggi anche:

  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.
  • Calcio – Il Varese si presenta ufficialmente e va in ritiro

    Oggi è il giorno del raduno, ieri sera si sono tenute le presentazioni ufficiali della nuova dirigenza biancorossa: è così che il Varese si appresta a vivere da protagonista la prossima stagione in serie D. Primo acquisto fra tutti mister Salvatore Iacolino, lo specialista di questa categoria: