Ippodromo di Varese: uffici rimessi a nuovo

Conclusi i lavori alle strutture incendiate nel febbraio 2014

20 luglio 2015
Guarda anche: Varese Città
ippodromo

Gli uffici dell’Ippodromo sono stati rimessi a nuovo dopo l’incendio del febbraio 2014. Oggi è stato effettuato un sopralluogo l’assessore al Patrimonio Giuseppe Montalbetti e il dirigente Marco Roncaglioni.
«I lavori sono stati effettuati in tempo per la ripresa della stagione ippica – ha detto l’assessore – : il progetto è stato realizzato dagli uffici comunali del patrimonio in tempi rapidi, ringrazio di questo i progettisti, il dirigente Marco Roncaglioni e il capo attività Massimo Figlioli».

I fatti – Il progetto di “risanamento conservativo” è stato redatto a seguito dell’incendio occorso alla palazzina uffici della concessionaria Società Varesina Incremento Corse Cavalli nella notte tra il 27 ed il 28 febbraio 2014. E’ stata fatta denuncia di sinistro alla Fondiaria SAI Ass.ni e sono stati nominati i periti di parte. La società assicuratrice risarcisce tutti i danni occorsi all’immobile di proprietà comunale.
I lavori – Come ha precisato l’architetto Roncaglioni, «i lavori sono stati realizzati in 40 giorni, e i locali sono già stati consegnati alla Società Incremento Corse per la gestione».
Fin da subito non è stata presa in considerazione la possibilità di demolire la porzione di fabbricato interessato dall’incendio. Gli studi sono stati volti al recupero dell’immobile attraverso il rinforzo delle strutture portanti esistenti e il rifacimento delle solette. E’ stata invece demolita e ricostruita la scala che collega il primo piano al secondo in quanto quella esistente era già di dimensioni ridotte per la quantità di persone che ne usufruisce. Si è poi proceduto alla pulizia con idropulitrice ad alta pressione con un detergente apposito per il disincrostamento dal nero fumo, oltre che alla rimozione dei serramenti, delle controsoffittature, dei sanitari, degli apparecchi da riscaldamento e di tutti gli arredi.
Sono stati rimossi anche i massetti e dei pavimenti e sono state consolidate le murature portanti esistenti al primo e secondo piano. Dopo il ripristino, sono state rinforzate le travi e i pilastri in acciaio esistenti, rifatti gli intonaci, costruite la nuova scala e la controsoffittatura. Infine sono stati rifatti l’impianto elettrico, di riscaldamento e di condizionamento (quest’ultimo non esistente prima) e i due bagni; un bagno è stato adattato per disabili al piano terreno dell’edificio.
Sono stati sostituiti tutti i serramenti (compresi i vetri del secondo piano, scoppiati durante l’incendio), interni ed esterni.
I costi – Il costo complessivo dell’intervento è pari a 286 mila euro coperto dall’assicurazione.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio