Inizia la stagione al Teatro Duse di Besozzo

9 spettacoli all’insegna della varietà

08 Gennaio 2019
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloEventi

 

Prenderà il via in gennaio al Teatro Duse di Besozzo la Stagione teatrale 2019, organizzata e promossa dall’Amministrazione Comunale, una realtà ormai consolidata che nel corso degli anni ha visto crescere il suo pubblico.
Il sindaco Riccardo del Torchio: “Anche quest’anno l’Amministrazione Comunale ha lavorato di concerto per riuscire a proporre una stagione completa e varia, con il Teatro Duse sempre più punto di riferimento per il territorio, dove vengono ospitati spettacoli di qualità, con particolare attenzione anche a temi sociali che oggi ci coinvolgono tutti, un modo per arrivare a diverse fasce di pubblico, con l’augurio che la nostra sala sia sempre più un luogo di incontro culturale e aggregativo, aperta a tutti”.

Benvenuti a teatro! il titolo della rassegna con 9 spettacoli all’insegna della varietà, con spettacoli scelti tra le proposte di compagnie professioniste del panorama nazionale, accanto a compagnie locali che si distinguono per qualità e contenuti, con una finestra sugli spettacoli dedicati al dialetto locale.
L’assessore alla cultura Silvia Sartorio, responsabile della stagione teatrale: “Abbiamo scelto tra i professionisti compagnie nuove e diverse tra loro, per offrire agli spettatori spettacoli che solitamente non arrivano dalle nostre parti. Autori classici reinterpretati con uno sguardo all’attualità, opere brillanti e tematiche contemporanee, musica dal vivo inserita negli spettacoli e la presenza di un autore molto amato come Andrea Vitali, sono i punti forti della programmazione. Cercando di contenere il costo degli spettacoli e dell’abbonamento, con riduzioni per gli studenti fino a 25 anni, vogliamo far conoscere la bellezza e il potere comunicativo del teatro nelle sue tante forme.”

Si parte il 19 gennaio con la commedia brillante, Cena al 14 bis ispirata al film francese Le PrÈnom, proposta dalla compagnia varesina Connessioni Teatro. Ambientata ai giorni nostri, si dipanerà tra situazioni imbarazzanti e tragicomiche, equivoci e rivelazioni inaspettate sul presente e sul passato dei protagonisti.
A Febbraio la compagnia del Teatro Scientifico di Verona rappresenterà Oggi è Otello, una riflessione che parte dalla famosa opera di Shakespeare, sull amore malato: il lampo della gelosia e la prigione del sospetto, dramma di ieri e di oggi. Nello spettacolo passato e presente si intersecheranno creando un interscambio e un dialogo tra personaggi dal vivo contemporanei e personaggi antichi proiettati in video. Un altro tema importante come il cyber bullismo sarà trattato nello spettacolo Nella rete del Teatro del Buratto di Milano, serata ad ingresso gratuito†indirizzato anche a studenti e famiglie.
In marzo la compagnia Teatro in mostra di Como presenterà un omaggio teatrale al cinema italiano ispirato a Divorzio all italiana di Pietro Germi, ironico ritratto della mentalità e delle pulsioni di una certa siciliana. Una commedia che arriva dal passato proposta da Atelier Teatro di Milano “Uccelli” da Aristofane, con musiche originali dal vivo, nell’alternanza tra registri comici, lirici e di denuncia sociale, ritrova nell Atene del quinto secolo a.C. temi di scottante attualità. L
a compagnia Duse di Besozzo presenterà la sua ultima produzione: “Il pallino rosso – storie di un clown di guerra” nato dalla collaborazione con Marco Rodari il Pimpa che da anni si reca nelle zone di guerra, in Siria e a Gaza, a portare un sorriso ai bambini con le testimonianze e i racconti raccolti a contatto con le popolazioni colpite dalla guerra- Il 27 aprile atteso ospite lo scrittore Andrea Vitali, sul palco con Francesco Pellicini e alcuni musicisti dal vivo in un suo racconto inedito “Già, infatti Ë cosÏ”. Lo spettacolo, di teatro, canzone e letteratura, trae spunto da un intenso testo inedito scritto dello stesso Vitali, autore oggi tra i più apprezzati in Italia, con un cammino teatral – letterario, intervallato dall esecuzione di canzoni a tema.
Completerà la rassegna la presenza, nel segno della tradizione e dell allegria, di due spettacoli in dialetto locale, proposti da due compagnie amate dal pubblico: gli amici del Teatro di Leggiuno con Una famiglia rispettabile la compagnia di Bogno con Le sorelle Trapunta Anche quest’anno il foyer sarà arricchito da esposizioni temporanee di artisti, prima tra i quali la pittrice Letizia Valentino e il pubblico sarà accolto da un piccolo ristoro offerto dalla Pro loco di Besozzo. L invito Ë rivolto tutti, per trascorrere serate ricche e interessanti dal vivo.

Biglietti ridotti a 8€ per gli studenti fino ai 25 anni. La formula di abbonamento ai 9 spettacoli in programma (non nominale) è proposta al costo di 75 euro, con la scelta del posto in platea desiderato, che rimarrà invariato per tutta la stagione.
Per info abbonamenti: cultura@comune.besozzo.va.it

Tag:

Leggi anche:

  • Cittiglio, si torna a scavare nel cimitero medievale

    Dal 25 giugno riprendono gli scavi e gli studi dei resti umani del cimitero medievale e post medievale della chiesa di San Biagio a Cittiglio, a conclusione di una campagna avviata a fine 2018 dall’Università dell’Insubria e coordinata da Marta Licata, del Dipartimento di Biotecnologie e
  • Pronta la nuova pista di atletica a Calcinate. Sabato l’inaugurazione

    Un grande appuntamento per inaugurare in modo ufficiale il nuovo Centro Sportivo di Atletica a Varese a cui parteciperà il campione olimpico e maratoneta Stefano Baldini, insieme a tutte le realtà sportive e le associazioni che vivono ogni giorno l’impianto e che tra pochi giorni potranno
  • Piantone di via Veratti, il futuro lo scelgono i varesini

    Salute compromessa, problema sicurezza e memoria da mantenere viva per sempre. Sono questi i tre temi emersi nel corso della serata dedicata al Piantone di via Veratti. Perché se gli studi di Palazzo Estense mostrano che il cedro dell’Atlante è irrimediabilmente morto, la sua storia è ben
  • I paesaggi di Varese protagonisti in tv su Sky Arte

    Piccoli e grandi gioielli religiosi costellano il Varesotto, territorio in cui la congiunzione di acqua, terra e cielo ha creato una forma spontanea di paesaggio sacrale. Da una scalinata rivolta verso i poetici scorci del Lago Maggiore si scende all’Eremo di S. Caterina del Sasso, luogo di