Il Tribunale di Milano sequestra Parco Mantegazza. Si cerca il coltello con cui venne uccisa Lidia Macchi

Il parco pubblico sarà chiuso per 15 giorni. I militari stanno facendo rilievi con il metal detector

15 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1455540847028

 

Il Tribunale di Milano ha disposto il sequestro di Parco Mantegazza. La notifica del provvedimento è arrivata sul tavolo dell’assessore al Verde pubblico Riccardo Santinon. 

L’area sarà chiusa al pubblico per 15 giorni. Da questa mattina gli agenti della Polizia e i militari dell’Esercito stanno effettuando una serie di sopralluoghi.
Non c’è nessuna conferma, ma sembrerebbe che il provvedimento sia legato alle indagini sull’omicidio di Lidia Macchi.

Secondo la ricostruzione gli inquirenti, infatti, l’arma del delitto potrebbe essere stata nascosta, dopo l’omicidio proprio all’interno del parco.

Leggi anche:

  • Omicidio Lidia Macchi, colpo di scena al processo

    Durante l’udienza del 12 aprile 2017, infatti, si è appreso che il 4 aprile un avvocato di Brescia è stato incaricato di rappresentare la persona (la cui identità è ancora anonima al momento) che avrebbe scritto la famosa lettera “In morte di un’amica”. La lettera,
  • Omicidio Lidia Macchi, Binda: “Non l’ho uccisa io”

    E’ la prima volta che Binda risponde. Durante i precedenti interrogatori si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere. Binda ha anche dichiarato di non aver inquinato le prove. A seguito di queste dichiarazioni, i suoi legali hanno presentato la richiesta di far cadere il pericolo
  • Omicidio Macchi, le ricerche nel Parco Mantegazza estese anche nelle aree limitrofe

    Dovrebbero durare ancora pochi giorni le ricerche che stanno venendo effettuate, ormai da qualche settimana, all’interno del Parco Mantegazza, per trovare l’arma del delitto utilizzata per uccidere Lidia Macchi. Come è emerso nei giorni scorsi, i militari hanno rinvenuto sei lame e un
  • Parco Mantegazza ancora chiuso

    Seguiranno aggiornamenti per la data di riapertura. Il parco di Masnago è chiuso perché le forze dell’ordine stanno proseguendo le ricerche dell’arma con cui venne uccisa Lidia Macchi 29 anni fa: nei giorni scorsi sono stati rinvenuti sei coltelli e un falcetto, che insieme ad altri