Omicidio Macchi, le ricerche nel Parco Mantegazza estese anche nelle aree limitrofe

Dovrebbero durare ancora pochi giorni i controlli dell'Esercito all'area verde dove potrebbe trovarsi l'arma del delitto

10 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1455540840275

Dovrebbero durare ancora pochi giorni le ricerche che stanno venendo effettuate, ormai da qualche settimana, all’interno del Parco Mantegazza, per trovare l’arma del delitto utilizzata per uccidere Lidia Macchi. Come è emerso nei giorni scorsi, i militari hanno rinvenuto sei lame e un falcetto.

E un esperto è stato chiamato per analizzare i sedimenti del terreno e risalire al periodo in cui vennero abbandonate le singole lame. Nel frattempo, sembrerebbe che le ricerche stiano per concludersi. Tuttavia, per maggior sicurezza, i controlli del terreno sono stati estesi anche all’area limitrofa al parco vero e proprio, ovvero verso il boschetto tra il parco e la vicina via Crispi. Un terreno in parte pubblico e in parte privato.

Tag:

Leggi anche: