Il ricordo di Paolo Rindi con una scuola in Nepal

Costruito a tempo di record l'edificio dedicato al giovane morto in Val Grande

03 novembre 2016
Guarda anche: Varese Città
Rindi

Dalla tristissima vicenda di Paolo Rindi, il giovane varesino morto in Val Grande nello scorso inverno, germoglia un seme di speranza.

In Nepal, più precisamente nella valle di Solukhumbu, si sta infatti ultimando la realizzazione di una scuola che sarà dedicata proprio a Paolo: gli 11.000 Euro raccolti con diverse “catene della solidarietà” nei mesi scorsi sono infatti risultati fondamentali per costruire un edificio che sostituirà uno degli oltre 7.000 crollati nel corso del devastante terremoto del 2015.

La nuova struttura viene costruita in modo estremamente semplice e, al tempo stesso, molto sicuro: sabato 19 novembre, all’Istituto De Filippi di via Brambilla, l’associazione Eco Himal organizza una serata con cena per fare il punto della situazione su questo bellissimo gesto di solidarietà.

Tag:

Leggi anche:

  • Sabato l’ultimo saluto a Paolo Rindi. Una scuola in Nepal per ricordarlo

    L’ultimo saluto a Paolo Rindi avrà luogo sabato 12 marzo alle 14, al Collegio De Filippi. L’annuncio è stato pubblicato sulla pagina Facebook “Dov’è Paolo Rindi?”, nata dagli amici che lo hanno cercato durante i giorni della scomparsa. “Grazie ancora di tutto
  • Paolo Rindi ritrovato morto

    Si chiude così con l’epilogo più tragico una vicenda iniziata ormai un mese fa, quando il ragazzo venne dichiarato disperso nella stessa zona del Piemonte.  Nel corso delle settimane, le ricerche in montagna non avevano dato esito positivo, così si era diffusa la convinzione che potesse
  • Paolo Rindi: prosegue la mobilitazione di Facebook

    Da più di una settimana, ormai, le ricerche in Val Grande sono state sospese: il ragazzo era sparito lì, nella traversata di una delle zone più selvagge d’Europa, non presentandosi all’appuntamento con sua mamma per tornare a casa. Poi, appunto, un avvistamento da parte di un
  • Sospese le ricerche di Paolo Rindi

    Anche nella giornata di sabato il soccorso alpino della Valdossola ha lavorato incessantemente, coadiuvato dai cani molecolari e dai Vigili del Fuoco: purtroppo non si sono registrate novità e, inoltre, dal tardo pomeriggio le condizioni meteorologiche sono rapidamente peggiorate, complicando