Il Rally dei Laghi è di Simone Miele

Il bustocco trionfa nella corsa già vinta da suo padre

14 marzo 2016
Guarda anche: SportVarese
FotoAlquati_RallyLaghi_Miele4

Ventisette anni dopo papà Mauro, Simone Miele vince il rally di casa. Allora si chiamava Rally Aci Varese, oggi, all’edizione delle nozze d’oro, Rally Internazionale dei Laghi.

Insieme a Roberto Mometti, che il Laghi lo vinse una volta nel 1995 con Gallio, il giovane pilota bustocco si è imposto con merito sulle difficili strade varesotte rese ancora più insidiose dal fondo stradale umido e sporco. Sulla Ford Fiesta World Rally Car 1600cc. gestita dal team di casa Dream One Racing, Miele ha lasciato al bresciano Luca Pedersoli lo scratch iniziale sulla spettacolare prova Colacem ma già dal Cuvignone Corto ha preso il comando della corsa senza più lasciarlo. Una gara autoritaria quella del portabandiera della scuderia Top Rally condita anche dal record sul Sette Termini1: 6’54”7. Battuto il precedente primato di Felice Re che durava da ben dieci anni (6’55”9).
Ventotto anni, Simone Miele vince il suo quinto rally dopo il Colli Luni 2013, il Giarolo, il Città di Torino ed il Grignolino 2015.
Crescendo rossiniano per Crugnola che dopo un paio di “piesse” usate per capire la vettura ha dato del tu alla Fiesta R5 della d—max sopravanzando il compagno di team Pedersoli già dalla prova 4 e vincendo le ultime due speciali. Una foratura e qualche errore di troppo non ha non invece consentito al “Pede” di graffiare per come è capace sebbene al debutto sugli asfalti insubrici.
Al termine delle otto prove speciali sono 41 i concorrenti che hanno concluso questo duro Rally dei Laghi: su 82 partiti è praticamente del 50% la percentuale dei ritirati, a testimonianza della selettività del tracciato da quest’anno valevole per la Coppa Italia Rally.
Folla oceanica per una location da favola. Ieri l’area industriale Colacem, polo di attrazione dell’Assistenza, dello Shake Down e della Ps1, oggi le speciali e l’arrivo nel sempre affascinante Giardino del Palazzo Estense, proprio nel duecentesimo anniversario dell’elevazione a Città di Varese.

Parola ai protagonisti- “Sono davvero emozionato: è sicuramente la vittoria più bella, più sognata, più voluta. La scelta delle gomme è stata ottima ed il lavoro del team, unito a quello di Roberto alle note, perfetto. Ringrazio tutti, ma proprio tutti: una vittoria fantastica!” ha detto Miele. Al termine dei festeggiamenti anche un momento emozionante: la presenza sul palco di papà Mauro, con gli occhi pieni di gioia!
“Sono contento per Simone che si è meritato il successo- afferma Crugnola- Io debuttavo in 4×4 e sono felice; è stato un bel crescendo; ora speriamo che questo risultato possa fruttare qualcosa per imbastire il programma nel mondiale rally, il Wrc3.”
“E’ stata la mia peggior gara – dice un Pedersoli giunto all’arrivo con una ruota buca- ma nonostante questo sono felice per Miele. Un bel tracciato, prove difficili e probanti: un ottimo test in vista del CIWrc.”

Nel difficile rally varesino vanno sottolineate le prestazioni del malnatese Giò Dipalma, rimessosi in discussione su una piccola R2B ma comunque autore di una prestazione strepitosa (8° assoluto e primo di 2 ruote motrici), dei fratelli Maran, noni sulla Peugeot 106 K10 e Bosetti, primo tra le R3 su Clio. Ottime prestazioni nonostante il ritiro per franzetti (leader di N2 fino ad uno stage dalla conclusione) e Re, poi vincitore di S1600 ma prima della foratura finale leader tra le tuttoavanti dopo una gara da incorniciare.

Vincitori di classe.
Wrc: Miele-Mometti (Ford Fiesta)
S2000: Roncoroni-Brusadelli (Peugeot 207)
S1600: Re-Luca (Renault Clio)
R5: Crugnola-Bariani (Ford Fiesta)
R3C: Bosetti-Buzzi (Renault Clio)
R2B: Di Palma-Zanotti (Peugeot 208)
RGT: Calabrini-Verdelli (Porsche 997)
K10: Maran-maran (Peugeot 106)
A7: Bersani-Boldetti (renault Clio)
A6: Zanini-Zanini (Peugeot 106)
N3: Ciconte-Premoselli (Renault Clio Rs Light)
N2: D’Alberto-Ferrando (Peugeot 106)
N1: Barbieri-Rossi (Peugeot 106)
RST2: Anzi-Minazzi (Mini Cooper)
RS3: Melloni-Boccardo (Suzuki Swift)

Premi e trofei- Sul palco d’arrivo sono stati celebrati anche altri equipaggi. Il Trofeo Redaelli-Siccardi è stato assegnato a Miele e Mometti in quanto primi assoluti. Il Memorial Francesco Ogliari (1° Under 25) è andato al lariano Mattia Soldati con Elia Ungaro, alla fine 17° assoluti mentre il Memorial Mauro Saredi è stato ad appannaggio di Niso Bersani e Gianmaria Boldetti che insieme a D’Alberto-Ferrando (primi di N2), si sono aggiudicati le bottiglie di vino sempre dedicate a Saredi messe in palio dalla Valcuvia Corse. Migliore scuderia è stata proprio la Valcuvia Corse che ha preceduto al Vs Corse e la Duemila Corse.
Primi di Trofeo Renault Clio R3 di Zona sono stati Marchetti-Turatti mentre per il Twingo R2B hanno festeggiato Bistoletti e Perlati.

Il Comunicato del Sindaco di Varese- Ecco una parte del comunicato ufficiale del Sindaco Fontana, dell’Ass. Santinon e del Cons. Cosentino. “Anche quest’anno il Rally dei Laghi è stata una scommessa vinta da tutti i soggetti coinvolti: in primis dalla Varese Corse guidata da Andrea Sabella che ha organizzato la manifestazione, poi dal Comune di Varese che ha ospitato il cuore della gara e ha dato tutto il supporto necessario e infine Regione Lombardia. […]
Se il prossimo anno saremo ancora onorati di amministrare Varese faremo di tutto per fare un ulteriore sforzo in modo tale da valorizzare ancor di più questa bellissima manifestazione.”

Dettaglio ultime tre prove-
Ps6: Il Cuvignone si presenta molto più viscido ed i tempi dei concorrenti si alzano rispetto ai parziali del mattino. Miele pizzica una ruota ma nonostante questo vince la prova con solo 0”1 su Crugnola e con 4”4 sul “Pede” che tiene a bada Pensotti, dietro di 24”4. Eccezionale Dipalma che stacca un settimo tempo assoluto con la piccola R2B (Peugeot 208 Ama Racing). Pinzano eccede in un taglio al curvone di metà prova e storta la convergenza; finisce la prova ma prende subito la strada dell’assistenza. Out Antonietti (uscita di strada) e Volonté (rottura cambio).

Ps7: Crugnola fa suo il “Sette” con l’ottimo tempo di 6’58”6. Miele non molla e concede solo 0”2 all’amico rivale. Terzo è Pedersoli a 5”4; più staccati Pensotti (a 16”6) e Ballinari (a 20”3). Roncoroni è a 21”8. Bene Re-Luca (Clio S1600 RS Sport), leader di 2Ruote motrici davanti a Dipalma, sempre ottimo tra le R2 e Maran che anche con la K10 dimostra comunque il suo alto valore.

Ps8: Ancora Crugnola fisa il suo nome in cima alla classifica parziale. Col tempo di 9’38”8 stacca Miele di 4”6 e Pedersoli di 8”3. Le posizioni di classifica rimangono congelate. Nessun colpo di scena finale per il podio. Perde però parecchio terreno il valcuviano Re Barsanofio che con la moglie Monica Luca sprofonda di oltre cinque minuti a causa di una foratura: via libera all’affermazione di trazione anteriore a Giuseppe Dipalma e Arianna Zanotti, 8° assoluti. Franzetti si ritira sull’ultimo crono per rottura al cambio: la vittoria di N2 va così al pur bravo D’Alberto.

Esclusione post gara per Ripoli: per una svista dovuta ai nuovi regolamenti, il driver varesino che aveva vinto la classe S1600, aveva “registrato” undici pneumatici al posto dei dieci previsti.

Classifica finale top ten:
1.Miele-Mometti (Fiesta Wrc) in 1.11’40”6; 2. Crugnola-Bariani (Fiesta R5) a 36”3; 3. Pedersoli-Romano (C4 Wrc) a 1’16”4; 4. Pensotti-Falzone (Ds3 Wrc) a 3’01”8; 5. Ballinari-Pagani (Fiesta R5) a 3’39”1; 6. Roncoroni-Brusadelli (207 S2000) a 4’28”5; 7. Bizzozzero-Tosetto (208 R5) a 5’55”4; 8. Dipalma-Zanotti (Peugeot 208 R2) a 6’24”9; 9. Maran-Maran (106 K10) a 6’31”1; 10. Bosetti-Buzzi (Clio R3C) a 6’39”4.

foto Alquati

Tag:

Leggi anche:

  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.