Il 2 giugno. Oltre la festa e il clamore.

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Alfonso Indelicato, consigliere comunale a Saronno

04 Giugno 2018
Guarda anche: LettereSaronno

“L’Italia è nata il 2 giugno del ’46? Certamente no. Forse il 17 marzo del ’61, quando viene proclamato il regno partorito dalla cooperazione fra Cavour, Garibaldi, Napoleone III, il ministro Gladstone e il Caso periglioso e benevolo? Neppure. A quale anno, a quale serie di eventi dobbiamo risalire? Difficile dirlo. A quanto si insegnava nel buio Ventennio si dovrebbe risalire addirittura al 21 aprile del 753 a. C., data tradizionale della fondazione Roma. Ed in effetti un consistente filo rosso tra la prima e la terza Roma si può facilmente ritrovare nella lingua, essendo l’italiano figlio legittimo e primogenito della lingua latina, e se è vero che attraverso la lingua recuperiamo l’ immenso patrimonio culturale che costituisce, lo si voglia o meno, la nostra identità. Politicamente le cose sono andate in modo assai diverso, ma alla fine la politica è andata dietro alla cultura, e dopo la Patria è nato, bene o male, lo Stato.

Ora, quello che vorrei dire è che in questa immensa vicenda le creature angeliche avevano qualche scheletro nell’ armadio, e i malvagi qualche buona ragione da far valere. I plebisciti organizzati in Romagna, Toscana e nel Meridione per giustificare le annessioni del 1860 furono largamente falsate dai brogli, e di molti esponenti dello stato borbonico fu comprato il tradimento. D’altra parte non sono mai venuti meno i sospetti sul voto del 2 giugno, e nella circostanza colui che diede miglior prova non fu un repubblicano ma il Re di Maggio, quell’Umberto II il quale, per evitare ogni rischio di scontri di piazza, non appena escono i primi risultati del voto prende l’aereo e se ne vola in Portogallo per dare inizio al lungo, iniquo, infame esilio inflitto ai Savoia dalla neonata democrazia repubblicana.

La storia è un miscuglio di bene e di male, e spesso dal primo origina il secondo, e dal secondo il primo. Ognuno la osserva, la studia, vi immerge le mani. E vi sceglie i suoi miti.”

Alfonso Indelicato
Consigliere comunale eletto a Saronno

Tag:

Leggi anche:

  • Mondiali di calcio femminile, Italia-Cina sul maxischermo a Varese

    Insieme, a Varese come a Montpellier. Sognando Lione e la finalissima del 7 luglio. Italia-Cina, ottavo di finale dei Mondiali di calcio femminile 2019, verrà trasmessa domani sera, martedì 25 giugno, alle 18.00 sul maxischermo della tensostruttura dei Giardini Estensi. “Un’iniziativa
  • Italia-Brasile di calcio femminile, Varese tifa Valentina Bergamaschi

    C’è grande attesa per la terza e ultima partita del girone dell’Italia Femminile ai Mondiali di calcio in corso di svolgimento in Francia. Stasera alle ore 21 (diretta tv su Rai Uno) le azzurre scenderanno in campo contro il Brasile, una delle squadre più forti e temibili del mondo.
  • La Costituzione della Repubblica Italiana nella storia del costituzionalismo moderno

    Circolo Gagarin in collaborazione con il prof. Andrea Rocca propone un ciclo di due incontri sul costituzionalismo moderno nell’attesa del 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana. Una riflessione sulla genesi dei contenuti e sulle prospettive della nostra “Legge
  • Italia, hub logistico per l’Europa: ecco perchè

    “Italia, hub logistico per l’Europa? Ecco perché”. Saranno i responsabili della supply chain di prestigiose aziende internazionali a spiegare perché ritengono conveniente e strategico fare logistica nel Belpaese, piattaforma distributiva per l’Europa e il Mediterraneo. Non è un caso se