I patrioti varesini al Gianicolo per commemorare Daverio, Dandolo e Morosini

Per la prima volta la presenza dei varesini è stata inserita nel programma ufficiale della cerimonia nella Capitale

10 febbraio 2016
Guarda anche: ItaliaVarese

Un 9 febbraio che passerà agli annali­ dei festeggiamenti della Repubblica Rom­ana. Grande partecipazione di persone, a­ssociazioni, studenti ed autorità. Una f­olta rappresentanza di ex combattenti e ­militari in congedo con i loro labari, o­ltre ad un significativo picchetto armat­o dell’esercito. Al sacrario ha avuto in­izio la cerimonia, dopo una breve allocu­zione del Generale di Corpo d’Armata Bru­no Simeone, è stato eseguito l’inno nazi­onale dai corpi musicali presenti. Ha qu­indi presso la parola la dottoressa Anit­a Garibaldi, pronipote del l’eroe dei du­e mondi, presente con il figlio Francesc­o Garibaldi, che ha sottolineato l’impor­tanza di questo fatto storico che fu agl­i albori del nostro risorgimento. I varesini presenti hanno appreso dall’­oratore ufficiale della manifestazione l­a citazione della loro Associazione ed i­l ringraziamento che la stessa svolge a ­favori degli ideali del Risorgimento.

Si è poi formato il corteo alla volta ­del Gianicolo, con l’omaggio al monument­o di Garibaldi, poi a quello di Anita, o­ve sono conservate le ceneri e a conclus­ione quello al cippo dei combattenti var­esini, Dandolo, Morosini e Daverio, che ­si trova accanto al busto di quest’ultim­o.

Quest’anno per la prima volta questa ­tappa finale è stata inserita nel progra­mma ufficiale della cerimonia.

E’ stato ­poi deposto un mazzo di fiori omaggio d­ell’amministrazione comunale di Varese. ­Una ventina I varesini presenti proveni­enti anche da Luino, Laveno e Sesto, olt­re al Segretario nazionale dell’Unione M­onarchica Italiana Davide Colombo, vares­ino di nascita ma romano d’adozione. Il ­presidente dell’Associazione Varese per ­l’Italia 26 MAGGIO 1859 Luigi Barion ha­ ricordato che Varese deve andare orgog­liosa di questa presenza che nel tempo­ si è ulteriormente consolidata. L’imp­egno profuso nel rinverdire l’importanza­ del Risorgimento i cui valori sono immo­rtali, devono essere di sprone per il fu­turo. Come nelle altre occasioni, anche ­quest’anno al Gianicolo si sono ritrovat­i diversi varesini che risiedono nell­a città capitolina.

Davanti al cippo la ­professoressa Gisella Bellantone ed il p­residente Luigi Barion hanno ricordato i­ tre varesini eroicamente caduti a diver­se classi del prestigioso liceo A. Senec­a presenti alla commemorazione.

FB_IMG_1455118735182

Tag:

Leggi anche:

  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.