Giovani Democratici in piazza per la cultura

Domani un presidio dei GD varesini per chiedere il miglioramento delle condizioni dell'aula studio

14 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Giovani Democratici Varese

Varese, è ora di Voltare Pagina. Le elezioni sono vicine, le grandi opere elettorali, trascurate per anni, ricompaiono proprio in questo periodo. Saranno spesi 10 milioni di euro per due parcheggi, uno alla Prima Cappella e uno multipiano in via Sempione, per un totale di poco superiore a 300 posti.
L’idea sarebbe utile, perché il problema della sosta è uno dei più sentiti dai varesini. Purtroppo però sembra che il Comune sia appunto attento solo a queste “grandi opere” e non ad altri settori altrettanto cruciali.
Pensiamo alla cultura, specialmente se legata ai più giovani. Esempio lampante sono gli orari della Biblioteca Civica, per nulla in linea con le esigenze degli studenti, come dimostra la chiusura domenicale, l’apertura dalle 9.30 e la chiusura alle 18. Il problema sarebbe risolvibile destinando nuovo personale tra quello già in forza, peraltro considerevole, all’Assessorato alla Cultura o assumendone altro, ma quando sosteniamo questa tesi, ci viene risposto che non ci sono soldi. E per i parcheggi sì?
È giusto segnalare inoltre le condizioni dell’altra aula studio, la sala Forzinetti (di proprietà del Comune di Varese): è costantemente sovraffollata, a causa dell’ascensore rotto è negato l’accesso ai disabili e, come se non bastasse, piove addirittura al suo interno. È questo che i nostri studenti devono sopportare per qualche posto macchina in più, visto che il costo delle riparazioni sarebbe irrisorio confrontandolo alla spesa destinata ai parcheggi?
“Abbiamo deciso di portare avanti questa iniziativa dal titolo #VoltiamoPagina – spiega Giacomo Fisco, segretario dei Giovani Democratici di Varese Città – perché è veramente ora di voltare pagina. Non è possibile che la giunta comunale in 4 anni e mezzo di amministrazione abbia ignorato completamente le esigenze di noi studenti, non mettendo a disposizione risorse da investire nella biblioteca e nell’aula studio, a favore invece di progetti sconsiderati e troppo costosi. Siamo sicuri che questo i cittadini se lo ricorderanno quando andranno a votare l’anno prossimo”.
I Giovani Democratici si impegnano a sensibilizzare i varesini su questo tema, organizzando un gazebo in Piazza San Giuseppe per domenica 15 novembre, dalle ore 11 alle ore 17: i ragazzi regaleranno e scambieranno libri, sostituendosi così per un giorno alla biblioteca chiusa. Verranno poi raccolte firme da presentare al Sindaco e alla Giunta, per chiedere l’immediato intervento sulla sala Forzinetti e l’apertura domenicale della biblioteca.

Giovani Democratici Varese Città

Tag:

Leggi anche:

  • Varese, i Giovani Democratici: “Spazi studio più aperti, ecco le nostre proposte”

    Per questo, i Giovani Democratici distribuiranno volantini con le proprie proposte per migliorare la fruibilità di questi spazi: «Chiediamo l’apertura della biblioteca in pausa pranzo e alla domenica, per la quale a novembre abbiamo raccolto più di 200 firme, oltre all’apertura dell’aula
  • Varese: “La mafia è anche qui, dobbiamo sconfiggerla”

    É quanto hanno fatto i Giovani democratici del circolo cittadino, guidati dal segretario Giacomo Fisco e dal suo vice Federico Comolli. Tre i relatori, moderati dal giornalista di Prealpina Marco Regazzoni: il presidente della Commissione regionale Antimafia Gian Antonio Girelli (unico presidente
  • Congresso Gd, Calò riconfermato segretario. FOTO

    Domenica 14 febbraio 2016 si è tenuto il Congresso dei Giovani Democratici della Provincia di Varese. La riunione, molto partecipata, ha visto la presenza dei due candidati alla segreteria nazionale GD, Dario Costantino e Mattia Zunino, nonché il segretario regionale uscente e candidato unico
  • I Gd “alla conquista” della città. “Vogliamo coinvolgere i giovani”

    L’evento rientra nell’ambito di “Cantina di idee”, il progetto che vedrà appunto una serie di incontri legati a temi inerenti i giovani e la città. “Vogliamo raccogliere idee e proposte da tutti coloro i quali hanno a cuore il futuro della propria città e inserirle nel