Frontalieri, Monti (Lega Nord): “Si torni alla pressione fiscale precedente”

Il Consiglio Regionale approva la mozione leghista

03 maggio 2016
Guarda anche: LombardiaPolitica
frontiera dogana confine

È stata approvata oggi dal Consiglio Regionale della Lombardia la mozione della Lega Nord relativa alla Convenzione Italia -Svizzera sui lavoratori frontalieri.
“L’accordo Roma-Berna del 2015 – ha spiegato in aula il consigliere Emanuele Monti – ha rappresentato una radicale rivoluzione in quanto ha abolito due meccanismi finora inamovibili: la totale tassazione alla fonte e i ristorni ai Comuni di frontiera, che rappresentano una cifra di circa 60 milioni di euro annui. L’accordo risulta del tutto penalizzante sia per i lavoratori sia per i Comuni, in quanto non è stata ancora fatta alcuna chiarezza sui ristorni e si calcola che il nuovo regime fiscale comporterà un esborso aggiuntivo di circa 3000 euro/anno per ogni frontaliere.”

“Inoltre – ha proseguito il consigliere della Lega Nord – l’INPS non ha ancora fornito spiegazioni circa il fondo di 200 milioni di euro: un vero tesoretto costituito con i contributi di disoccupazione versati dai frontalieri ristornati dalla Svizzera all’Italia.”
“Per questi motivi la nostra mozione – ha affermato il rappresentante del Carroccio – chiede al presidente Maroni e alla Giunta Regionale di farsi portavoce presso il Governo per ottenere una pressione fiscale per i lavoratori pari a quella preesistente la Convenzione e affinché si giunga ad un accordo scritto fra Stato e Comuni sulla questione dei ristorni.”

“La mozione invita poi la Giunta ad istituire un tavolo di lavoro con i parlamentari lombardi, Sindaci, Comunità Montane, Province e associazioni dei frontalieri per individuare soluzioni concrete alle problematiche dei territori di confine. Si richiede infine un intervento presso le competenti Autorità elvetiche affinché venga esclusa ogni iniziativa discriminatoria e lesiva nei confronti di cittadini italiani occupati in Svizzera e di aziende italiane interessate al mercato elvetico.”

Tag:

Leggi anche:

  • Bertocchi risponde al Governo ticinese “Ristorni sono soldi dei nostri lavoratori frontalieri”

      “Voglio ricordare alla Lega dei Ticinesi che i ristorni sono soldi dei nostri lavoratori frontalieri, che ogni giorno producono ricchezza per il Cantone, ma non usufruiscono dei servizi svizzeri”. Così i il capogruppo dei “Civici e Democratici” in Consiglio provinciale,
  • Aree di confine, Fontana: “Ottima iniziativa di Confartigianato”

    “Guardo con grande interesse a questa proposta, perché occorre trovare nuovi mezzi per incentivare la nascita di nuove iniziative imprenditoriali. Oltre a riuscire a richiamare sul territorio quelle che si sono allontanate dall’Italia”.  Attilio Fontana, Presidente di Regione
  • Monti sui migranti “Ingratitudine e arroganza”

     “Siamo alle solite, come in altri centri in Italia, anche a Varese, questa mattina, un gruppo di richiedenti asilo, gentilmente ospitati in un hotel a spese nostre, ha protestato nientemeno che per la qualità del cibo, evidentemente considerata non degna di palati così raffinati.” Lo
  • Grande successo di Emanuele Monti “Ringrazio i varesini”

    “Ringrazio i cittadini che mi hanno voluto dare fiducia, premiando con oltre duemila preferenze. Porterò avanti, come ho già fatto in questi anni, il mio impegno costante a favore dei varesini e del nostro bellissimo territorio”.  Emanuele Monti, Consigliere regionale uscente della Lega, è