Frontalieri, la Regione chiede garanzie sui ristorni: «Il Governo versi le stesse cifre ai Comuni»

Martedì si riunisce la commissione speciale per i rapporti tra Lombardia e Canton Ticino, presieduta dalla leghista Brianza. L’obiettivo è tutelare i lavoratori

19 Gennaio 2015
Guarda anche: EconomiaLavoroMilanoPolitica
brianza francesca

È ormai conto alla rovescia per l’Accordo fiscale tra Italia e Svizzera, una partita che include anche due argomenti molto sentiti nel Varesotto, sopratutto nelle zone di confine: quello della tassazione dei frontalieri e quello dei ristorni ai Comuni di confine.
Un’occasione per saperne di più su quanto detto finora, sarà l’audizione della Commissione speciale “Rapporti tra Regione Lombardia, Confederazione e province autonome”, presieduta dalla consigliera varesina Francesca Brianza (Lega Nord) e fissata per martedì prossimo, 20 gennaio.

Nel pomeriggio è atteso a Palazzo Lombardia Vieri Ceriani, il “negoziatore” del Governo per gli accordi bilaterali con la Svizzera.

«È un altro importante appuntamento con questo funzionario dello Stato – commenta la consigliera Brianza – proprio a lui, nei mesi scorsi, avevamo sottoposto le richieste del territorio e le mozioni votate dal Consiglio regionale in materia. Regione Lombardia non ha potuto prendere parte attiva alle trattative tra i due Stati, ma attraverso Vieri Ceriani abbiamo dialogato avanzando le nostre istanze. Martedì sentiremo qual è il punto della situazione e coglieremo l’occasione per ribadire le nostre richieste che sono quelle della massima tutela dei frontalieri e la garanzia delle risorse ai Comuni di frontiera».
E proprio su quest’ultimo punto circola da qualche giorno la tesi che la Svizzera non girerà più i fondi all’Italia per distribuirli poi ai Comuni dove risiedono i frontalieri, ma che saranno versati dallo Stato italiano.
«Martedì potremo avere chiare risposte – conclude la consigliera Brianza – se così fosse, il Governo Renzi dovrà comunque garantire i finanziamenti nelle medesime proporzioni odierne. Per i nostri Comuni di confine queste entrate sono indispensabili».

Tag:

Leggi anche:

  • Foibe ed esodo giuliano dalmata: storia e memoria del 10 febbraio

    Anche quest’anno è stato pubblicato il Bando di concorso regionale per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia: “Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i
  • Premiate le donne in prima linea durante Covid. Il grazie del governatore

    Sono 206, di cui 55 lombarde, le donne premiate lunedì 28 settembre da Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) in occasione della presentazione del IV Congresso Nazionale della Fondazione, per l’impegno in prima linea nella gestione dell’epidemia di
  • Ripartenza: Regione Lombardia stanzia 6 milioni di euro per l’enogastronomia

    La prima misura riguarda il sostegno al sistema produttivo caseario, ma anche i cittadini in difficoltà economica, mentre la seconda iniziativa mira a sostenere il sistema produttivo vinicolo di qualità e gli operatori della ristorazione. “Io mangio lombardo” è una misura straordinaria dal
  • Cosentino “Di Maio in silenzio davanti alle offese ai frontalieri”

    “La visita del Ministro degli esteri Di Maio in Svizzera sarà ricordata solo per la sfilata di auto blu e per il linguaggio politichese utilizzato da chi è andato al governo dell’Italia partendo da visioni cosiddette “antikasta” e si è ritrovato ad essere peggio dei