Family Day, la maggioranza vota contro Maroni. Basta alle scritte sul Pirellone

Voto trasversale su una mozione del M5S che impedirà al centrodestra di illuminare a proprio piacimento il Pirellone

02 febbraio 2016
Guarda anche: Milano
familyday

Scacco al presidente Maroni. Che  d’ora in avanti non potrà più illuminare il Pirellone a proprio piacimento, senza il benestare del consiglio regionale.

Il quale ha approvato a voto segreto una mozione del M5S Lombardia che chiedeva di regolamentare l’uso di Palazzo Pirelli, sede istituzionale del Consiglio regionale, per iniziative pubbliche, anche alla luce dell’apparizione della scritta “Family Day” sulla facciata del palazzo.

La mozione è stata approvata con 38 voti a favore e 31 contrari. Quindi anche molti “franchi tiratori”, che sembrerebbero venire in maggioranza dalla Lega Nord.
La mozione impegna la Giunta regionale a “definire tutti gli strumenti legislativi ed organizzativi affinché la proprietà di Palazzo Pirelli sia lasciata nella piena disponibilità del Consiglio Regionale della Lombardia ed in particolare dell’Ufficio di Presidenza” e a “concordare con l’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale qualsiasi iniziativa pubblica che coinvolga nel frattempo le strutture e gli uffici di Palazzo Pirelli”.

Il Sottosegretario Ugo Parolo ha chiesto di riscrivere la mozione per impegnare la Giunta “a definire in accordo con l’ufficio di presidenza del consiglio regionale ulteriori modalità d’uso di Palazzo Pirelli”. Eugenio Casalino, consigliere segretario alla Presidenza del Consiglio regionale del M5S Lombardia, ha rifiutato la riscrittura della mozione.

Per Stefano Buffagni, capogruppo del M5S Lombardia: “La Maggioranza non c’è. Maroni dovrebbe ringraziare se stesso e le sue iniziative spot che hanno reso ridicola la Lombardia. Certo sull’uso di Palazzo Pirelli ci aspettavamo un gesto forte del Presidente del Consiglio regionale Cattaneo che è stato scavalcato dalla Giunta e ci aspettavamo da lui un gesto forte per difendere l’Istituzione. Cattaneo se ne sta bello attaccato alla poltrona e non ha mosso un dito per difendere la dignità della Lombardia”.
Casalino, consigliere regionale del M5S Lombardia, aggiunge: “Questo voto difende la dignità e l’autonomia del Consiglio regionale. E’ assolutamente grave e prepotente che Maroni decida di proiettare qualsiasi cosa sulla facciata di Palazzo Pirelli. La Giunta ha deciso autonomamente un’iniziativa senza consultare il Consiglio, un’iniziativa grave e lesiva delle prerogative del Consiglio regionale. Questo consiglio merita un’autonomia degna di questo nome nella gestione dei propri spazi. Il Consiglio regionale si deve riappropriare della potestà piena sulla propria sede. Non è necessaria una legge, sarebbe stato sufficiente un intervento organizzativo. Questa maggioranza con il voto segreto ha tolto a Maroni l’uso e l’abuso di Palazzo Pirelli”.

Marco Tavazzi

Tag:

Leggi anche:

  • Fontana contro il Gay Pride “Sbagliato sbandierare il sesso”

    “Non l’ho appoggiato quando ero sindaco di Varese e non lo farò nemmeno qui” questa la decisione presa dal governatore della Lombardia, Attilio Fontana, riguardo alle manifestazioni dei Gay Pride in Lombardia. “Non daremo il patrocinio al Pride, è una manifestazione divisiva e per questo
  • Il “popolo del Family Day” si schiera con Orrigoni

    Gli organizzatori del Family Day si schierano con il candidato sindaco del centrodestra Paolo Orrigoni. Lo annunceranno pubblicamente in una conferenza stampa, che si svolgerà venerdì 15 aprile, alle 10.30, al Bar Unique in piazza Battistero 1 a Varese. La loro sigla sarà “Il Popolo della
  • Teoria gender e utero in affitto: Orrigoni e Malerba dall’avvocato Amato. FOTO

          Orrigoni, Malerba e tutto il centrodestra. La campagna elettorale varesina si concentrerà anche sui temi legati al ddl Cirinnà, a giudicare dalla presenza consistente di esponenti di centrodestra al convegno organizzato dall’avvocato varesino Gianfranco Amato,
  • Family day, hackerato il sito da Anonymous

    Anonymous ha dunque colpito un altro bersaglio, rivendicando sul proprio blog quanto fatto: “Oggi sarete in piazza in migliaia. Nonostante facciate fatica a immaginarlo, è molto probabile che tra i vostri figli vi siano molti ragazzi e ragazze che, anche se non vi hanno mai confidato nulla,