Elezioni 2016, Sabba: “A Busto Arsizio abbiamo la forza per esprimere un sindaco non leghista”

La lista Busto Grande aveva lanciato il nome di Emanuele Antonelli

26 novembre 2015
Guarda anche: Busto Arsizio
2015-05-25 17.31.41

 

“La rosa dei possibili candidati sindaco si delinea in città, almeno per quelle che sono le forze che hanno, a fasi alterne, governato dal dopo guerra a oggi, cioè centro destra e la sinistra democristiana. Da una parte Paola Reguzzoni, dall’altra il solito uomo di partito Mariani oppure la novità (per me positiva) Castiglioni”. 

Questo il commento di Matteo Sabba di Busto Grande.

“Ma per quel mondo che ho conosciuto da vicino che è il centro destra, non posso che riconoscere una sconfitta per abbandono da parte di Forza Italia.

È incredibile che nella città simbolo del PDL prima e di Forza Italia poi, non si riesca ad alzare la testa e chiedere di contare di più per avere almeno la voce più grossa per la scelta del candidato sindaco.

Comprendo molto bene il fatto che all’interno del partito non ci siano profili adatti a ricoprire quel ruolo, ed è proprio per questo che era nata l’idea, che proporre come Busto Grande Antonelli, avrebbe da una parte agevolato il centro destra, che in mancanza di nomi di tal livello si potevano accodare e dall’altra svecchiato una gerontocrazia che governa Busto dagli anni 80 e che aveva avuto l’unica nota positiva nella produzione di un personaggio come Gigi Farioli.
Questo perché nell’ottica di una vittoria di Antonelli e Busto Grande (se pur con anche i voti del centrodestra), mi sarei sentito sicuro che ci sarebbe stato un ricambio totale oltre che nei modi (le segreterie dei partiti sarebbero state annullate nella spartizione) ma anche come assessori, portando un’aria nuova, necessaria per affrontare le prossime sfide, molto più complicate di quelle conosciute finora”.

E quindi un ragionamento sulla possibilità che a Busto il centrodestra esprima un candidato di centrodestra non leghista.

“Credo che Busto sia veramente l’unica realtà che per storia possa aspirare ad avere un candidato sindaco non leghista e quindi non di cognome Reguzzoni. Ma la debolezza forzista sta regalando anche l’ultima candidatura, già solo la candidatura, perché probabilmente contro un Gianluca Castiglioni unica novità ( anche se portata avanti da un gruppo come quello di bottini che anch’esso governa la città da oltre 30 anni) nel panorama, vedrebbe la sinistra democristiana (sostenuta anche dalla sinistra “ottocentesca”) vincere agevolmente al secondo turno”.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto: la BPM Sport Management espugna il Foro Italico

    Arriva la terza vittoria in sette giorni. La BPM Sport Management ha iniziato il nuovo anno veramente alla grande. A farne le spese questa volta è la SS Lazio Nuoto che, alla Piscina del Foro Italico, è uscita sconfitta per 9-17 (1-7, 3-1, 3-6, 2-3). Ottime le prestazioni di Mirarchi e Luongo,
  • Pallanuoto: la BPM Sport Management a Roma contro l’insidia Lazio

    Dopo le fatiche di Coppa torna il Campionato. Messo in cassaforte il risultato del match di andata (12-10 / ritorno in programma sabato 18 febbraio), domani la BPM Sport Management sarà a Roma dove, alla Piscina del Foro Italico, sfiderà la SS Lazio Nuoto per la 12ª giornata del Campionato di
  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi