Elezioni 2016, Sabba: “A Busto Arsizio abbiamo la forza per esprimere un sindaco non leghista”

La lista Busto Grande aveva lanciato il nome di Emanuele Antonelli

26 novembre 2015
Guarda anche: Busto Arsizio
2015-05-25 17.31.41

 

“La rosa dei possibili candidati sindaco si delinea in città, almeno per quelle che sono le forze che hanno, a fasi alterne, governato dal dopo guerra a oggi, cioè centro destra e la sinistra democristiana. Da una parte Paola Reguzzoni, dall’altra il solito uomo di partito Mariani oppure la novità (per me positiva) Castiglioni”. 

Questo il commento di Matteo Sabba di Busto Grande.

“Ma per quel mondo che ho conosciuto da vicino che è il centro destra, non posso che riconoscere una sconfitta per abbandono da parte di Forza Italia.

È incredibile che nella città simbolo del PDL prima e di Forza Italia poi, non si riesca ad alzare la testa e chiedere di contare di più per avere almeno la voce più grossa per la scelta del candidato sindaco.

Comprendo molto bene il fatto che all’interno del partito non ci siano profili adatti a ricoprire quel ruolo, ed è proprio per questo che era nata l’idea, che proporre come Busto Grande Antonelli, avrebbe da una parte agevolato il centro destra, che in mancanza di nomi di tal livello si potevano accodare e dall’altra svecchiato una gerontocrazia che governa Busto dagli anni 80 e che aveva avuto l’unica nota positiva nella produzione di un personaggio come Gigi Farioli.
Questo perché nell’ottica di una vittoria di Antonelli e Busto Grande (se pur con anche i voti del centrodestra), mi sarei sentito sicuro che ci sarebbe stato un ricambio totale oltre che nei modi (le segreterie dei partiti sarebbero state annullate nella spartizione) ma anche come assessori, portando un’aria nuova, necessaria per affrontare le prossime sfide, molto più complicate di quelle conosciute finora”.

E quindi un ragionamento sulla possibilità che a Busto il centrodestra esprima un candidato di centrodestra non leghista.

“Credo che Busto sia veramente l’unica realtà che per storia possa aspirare ad avere un candidato sindaco non leghista e quindi non di cognome Reguzzoni. Ma la debolezza forzista sta regalando anche l’ultima candidatura, già solo la candidatura, perché probabilmente contro un Gianluca Castiglioni unica novità ( anche se portata avanti da un gruppo come quello di bottini che anch’esso governa la città da oltre 30 anni) nel panorama, vedrebbe la sinistra democristiana (sostenuta anche dalla sinistra “ottocentesca”) vincere agevolmente al secondo turno”.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare