Consiglio provinciale: domani una mozione congiunta sui frontalieri

L’obiettivo del testo è quello di salvaguardare l’economia di frontiera

21 marzo 2016
Guarda anche: LavoroVarese
frontiera dogana confine

Verrà votata nel consiglio provinciale convocato per domani, martedì 22 marzo alle ore 18.30, la mozione congiunta sulla questione frontalieri “Sostegno ai comuni e all’economia di frontiera nell’ambito della revisione dell’accordo Italia-Svizzera del 1974”.

Dal Tavolo dei sindaci di frontiera, che si è riunito a Villa Recalcati il 20 febbraio scorso, è emersa l’esigenza di affrontare in maniera unitaria da parte di tutte le istituzioni del territorio il tema della revisione del trattato Italia svizzera del 1974.

Dal 20 febbraio si è attivato un gruppo di lavoro composto da Provincia, Associazione dei Comuni di frontiera e Comunità Montane per redigere un documento condiviso utilizzando come punto di partenza le mozioni presentate a inizio febbraio dai gruppi consigliari provinciali Lega Nord, Civici democratici e Insieme per una provincia civica. Il frutto di questo lavoro è la mozione sottoscritta da tutti i capigruppo provinciali, che andrà in votazione domani e sarà a disposizione di tutti gli enti che vorranno farla propria nei rispettivi consigli comunali.

L’obiettivo è quello di salvaguardare l’economia di frontiera, tramite il mantenimento del sistema dei ristorni per i comuni e adottare una modalità di tassazione che non vada a penalizzare i lavoratori frontalieri.

L’intero consiglio provinciale con tale mozione chiede a Governo e Parlamento: di rispettare l’accordo del 1974 secondo il quale si provveda ad assicurare ai Comuni di frontiera l’equivalente dell’attuale ristorno delle imposte versate dai lavoratori frontalieri; che la legge di ratifica recepisca l’attuale meccanismo di redistribuzione dei ristorni a Comuni, Comunità Montane e Province/Enti di area vasta; che venga previsto un Comitato di gestione dei fondi derivanti dalla tassazione dei lavoratori frontalieri e nel quale siano rappresentati gli enti beneficiari dei fondi stessi; di prevedere con l’eventuale extra-gettito, derivante dall’entrata a regime del trattamento fiscale IRPEF dei frontalieri, la costituzione di un fondo destinato a potenziare le infrastrutture nelle zone di confine e di un fondo sociale per i territori interessati; di prevedere un Comitato di gestione per ciascun fondo costituito con l’eventuale extra-gettito in seno al quale siano rappresentati gli enti beneficiari dei fondi stessi; di adoperarsi per un costante coinvolgimento delle istituzioni locali interessate; di adoperarsi affinché le modalità e le tempistiche relative all’armonizzazione fiscale garantiscano adeguata e sostenibile gradualità modulata temporalmente in un periodo non inferiore ai 15 anni e che esse inizialmente non comportino aggravi per i lavoratori frontalieri «entro fascia» e siano disciplinate, per quanto di competenza dal Governo italiano, nel disegno di legge di ratifica dell’accordo tra Repubblica italiana e Confederazione elvetica; di adoperarsi affinché venga prevista l’estensione della franchigia per i lavoratori frontalieri prevista dalla legge stabilità 2015 in termini di permanente agevolazione Irpef anche ai lavoratori frontalieri presenti all’interno della fascia di 20 km dal confine italo-elvetico; di costituire un tavolo con il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e l’INPS sull’utilizzo delle risorse del fondo costituito ai sensi della legge n. 147 del 1997 finanziato con i contributi di disoccupazione pagati dai frontalieri in Svizzera e da questa ristornati all’Italia; di richiedere alle competenti autorità federali e cantonali svizzere specifiche assicurazioni tendenti ad escludere qualsiasi iniziativa discriminatoria e lesiva nei confronti di cittadini italiani occupati in Svizzera e di aziende italiane interessate al mercato elvetico.

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi
  • Sabato 21 gennaio a San Vittore Olona va in scena la Cinque Mulini Studentesca

    È in programma sabato 21 gennaio a San Vittore Olona l’edizione numero 22 della Cinque Mulini Studentesca. Alla corsa campestre, che anticipa di un giorno la tradizionale e prestigiosa Cinque Mulini, sono attesi più di mille studenti delle scuole dell’Alto Milanese. L’iniziativa,
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management parte col botto e affonda Torino

    Prima vittoria del 2017 per la BPM Sport Management. Con una prova molto convincente, il sette di Gu Baldineti batte 18-5 (3-1, 5-0, 5-2, 5-2) il Torino 81 e, complice il pareggio del CC Napoli a Savona (10-10), è terzo da solo con 25 punti. Nel primo tempo sblocca il match dopo circa cinquanta