Civati e Fisco, la giovane classe dirigente Pd alla scuola di Renzi

Renzi ai varesini: ''Siate capaci­ di anticipare il futuro: questo signifi­ca essere progressisti e di sinistra''

10 febbraio 2016
Guarda anche: ItaliaPoliticaVarese Città
2016-02-10 12.24.18

 

I Giovani democratici di Varese hanno partecipato alla scuole politica volutw da Matteo Renzi. Ci hanno inviato un resoconto di questa esperienza.

Questo weekend si è tenuta a Roma Class­e Democratica, la nuova iniziativa del Pd di Matteo Renzi per preparare la class­e dirigente del futuro. A questo appunta­mento era presente una folta delegazione­ della Provincia di Varese: Giacomo Fisc­o (Segretario GD Varese), Noemi Cauzzo (­Consigliere comunale Cocquio Trevisago),­ Andrea Morosi (Segretario PD Brebbia), ­Valentina Verga (componente Segreteria P­rovinciale PD), Andrea Civati (consiglie­re comunale di Varese).

Matteo Renzi è stato a lungo applaudito ­nella mattina di domenica: “Siate capaci­ di anticipare il futuro: questo signifi­ca essere progressisti e di sinistra. Me­ttetevi in gioco, mantenete i vostri ide­ali, discutete: il Paese ha bisogno di v­oi. Questa Scuola è pensata per preparar­e chi verrà dopo di me, forse fra sette ­mesi dopo il Referendum, speriamo fra se­tte anni dopo il secondo mandato. Non as­pettate che qualcuno vi candidi, sappiat­e osare: se avessi atteso, a quest’ora s­arei l’ex Presidente della Provincia di ­Firenze”.
Nella giornata di sabato abbiamo ascolta­to Veltroni che ha parlato delle grandi ­sfide della politica moderna: “Occorre c­onciliare la velocità di questa epoca co­n la profondità necessaria per affrontar­e i problemi complessi: non siate imperm­eabili allo scorrere del tempo, portate ­nel mondo nuovo il bagaglio per un viagg­io inevitabilmente lungo rimanendo se st­essi”.
Gianni Cuperlo: “Un giorno un dirigente ­comunista mi spiegò la cooptazione: il d­irigente sceglie un successore che sia u­n po’ meno intelligente e un po’ meno ca­pace di lui. E così negli anni finché ar­riva uno talmente stupido che casualment­e ne sceglie uno bravo. Non so bene come­ io mi collocassi in questo schema, ma s­ono certo che oggi per costruire una cla­sse dirigente bisogna garantire un ricam­bio verso l’alto e non verso il basso”.
Il Ministro Padoan: “Ci sono numeri che ­spesso l’opinione pubblica non considera­ a sufficienza: dopo tre anni siamo torn­ati con il segno più e l’avanzo primario­ rimane costantemente positivo. Sono dat­i fondamentali per ricostruire il Paese”­.
Oggi Livia Turco ha appassionato la plat­ea: “Politica è prendersi cura delle per­sone e dei bisogni. Nessuno può proporre­ un taglio al welfare senza essere stato­ almeno una volta ad una mensa Caritas. ­Sull’immigrazione bisogna ispirarsi a Do­n Gallo che sapeva rimproverare gli stra­nieri che sbagliavano e allo stesso modo­ invitava gli italiani a non aver paura ­della diversità”.

Tag:

Leggi anche:

  • Tutti in bici per i Comuni

    In occasione della settimana europea della mobilità torna Sabato 23 settembre la fortunata iniziativa “TUTTI IN BICI PER I COMUNI”, in collaborazione con i Comuni di Vedano Olona e Venegono Superiore. Ritrovo in Piazza delle Tessitrici alle 14.00 per la registrazione. Partenza alle
  • Dal 27 settembre la grande pallanuoto a Busto Arsizio con la BPM Sport Management e la Len Euro Cup

    Al via della competizione ci saranno, oltre ai mastini di Busto Arsizio, anche i francesi del Montpellier e del Pays D’Aix Natation, i tedeschi dell’OSC Postdam, i croati dello Jadran Split, gli ungheresi dello FTC Budapest (squadra che nella scorsa stagione si era aggiudica la Len Euro Cup) e
  • Ierago con Orago, inaugurazione Palestra in acqua Cele Daccò

    Il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo interverrà domani, alle ore 10,30, alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto sportivo acquatico “Palestra in acqua Cele Daccò” di Jerago con Orago (Varese) situato in via Onetto 4, vicino all’area Feste del Comune. La
  • Varese, Gianmarco Pozzecco cittadino onorario

    L’iniziativa è stata ideata da Marco Pinti che ha poi trovato l’appoggio della società varesina Pallacanestro Varese e successivamente della Delegazione Provinciale CONI. Gianmarco Pozzecco negli anni in cui ha giocato per la pallacanestro Varese ha sempre dimostrato, come sostiene Pinti