Centinaia di varesini al convegno “La Terra Desolata”. “In lotta per difendere la nostra città”

Il Teatrino Santuccio ha registrato il tutto esaurito, e tantissime persone in piedi. Non solo cipressi, ma la battaglia principale riguarda la gestione del territorio e mettere un freno all'impoverimento sociale

26 settembre 2014
Guarda anche: AperturaVarese Città
Convegnosituazione

I varesini sono pronti a cambiare la loro città. È stato un successo di pubblico il convegno “La Terra Desolata”, organizzato dal gruppo Piccola Vedetta Lombarda, ieri sera al Teatrino Santuccio di Varese.

In breve tempo i circa centocinquanta posti a sede sono andati esauriti, e contando le persone in piedi, ad assistere al convegno sono venuti circa 250 varesini. Tanti cittadini, moltissimi esponenti delle associazioni e dei comitati. E anche diversi esponenti politici, soprattutto del centrosinistra, come i consiglieri comunali Pd Luca Conte, Andrea Civati ed Emilio Corbetta. E l’ex consigliere regionale Giuseppe Adamoli.

Ma anche un membro di maggioranza, il consigliere comunale e segretario cittadino di Ncd Giovanni Chiodi. “La mia partecipazione non cambia nulla sulle nostre posizioni a favore del taglio dei cipressi – ha detto Chiodi a margine – così come su altri provvedimenti contestati. Ma, dal momento che l’invito è arrivato a tutti i consiglieri comunali, non mi tiro certo indietro dal dialogo e, in questo caso, dall’ascoltare le loro ragioni”.

Tra il pubblico anche il sindaco di Lozza Giuseppe Licata.

Il convegno si è articolato in diverse parti, con approfondimenti sui problemi urbanistici e ambientali, ma anche culturali e politici della città.

Nell’ingresso del Teatrino è stata allestita una piccola “mostra itinerante”, realizzata dal Comitato Varese2.0, sulla questione del parcheggio alla Prima Cappella. Le foto mostrano l’assenza di un traffico intenso, e quindi “l’inutilità di un parcheggio in quel punto” sottolineano i promotori.

Come nota introduttiva, gli organizzatori del convegno hanno sottolineato la loro “equidistanza” dalle forze politiche.

“Le “Piccole vedette lombarde” sono un gruppo nato occasionalmente su Facebook. Non sono un’organizzazione, ma un gruppo di cittadini che agiscono indipendenti, sia pure ciascuna con le proprie convinzioni, senza fare valere appartenenze ideologiche o politiche. Li unisce la volontà di adoperarsi per cause buone, per la difesa e il rilancio del territorio varesino, in qualità di volontari che mettono a disposizione della comunità, in modo impolitico, le loro competenze, le loro energie, la loro passione”  è la loro nota.

In sostanza, il vero dato che emerge è quello di un nuovo movimento civico, iniziato con i diversi comitati qualche mese fa e oggi diventato più ampio e forte dopo la protesta contro il taglio dei cipressi.

Quest’ultima non è la battaglia più importante “ma ha dato una forte risonanza a tutte le altre e la malessere della cittadinanza” ha sottolineato l’agronomo Daniele Zanzi del Comitato Varese2.0.

Quindi, siamo al punto di partenza di un nuovo movimentismo nella Città Giardino. Il problema sarà tenerlo vivo e, soprattutto, lontano dalle strumentalizzazioni. Perché questo rischio, in vista delle comunali che si svolgeranno tra meno di due anni, sarà all’ordine del giorno.

Leggi anche:

  • Le novità della mobilità in via XXV aprile

    Domani inizierà la scuola per migliaia di studenti varesini. Per i ragazzi e le ragazze delle scuole superiori e medie intorno a via XXV aprile ci sarà una novità ad attenderli: durante l’estate l’amministrazione ha lavorato per rendere più sicura l’area e dare maggiori
  • Guasto treno Legnano, Alfieri (Pd): “La Lombardia merita un servizio degno”

      “Quella dei pendolari che abbandonano il treno e camminano sui binari verso Legnano è l’immagine del fallimento di Regione Lombardia e Trenord. Fontana non può limitarsi a “provare vergogna”, se è in grado si metta subito al lavoro per rimborsare ai pendolari tutti i
  • Riunione del circolo PD di Luino, Dario Pessina nominato commissario

    Si è svolta ieri la prima riunione del circolo PD di Luino dopo le dimissioni del Segretario Enrico Bianchi. All’assemblea ha preso parte il commissario che gestirà questa fase: si tratta di Dario Pessina, segretario del circolo PD di Laveno. Il Segretario Provinciale del Partito
  • Conte contro Gambino “Il suo interesse a Varese? Solo per i gazebi del partito”

    “Apprendiamo delle nuove rimostranze del Commissario della Lega Gambini, il quale, da quando è giunto a Varese sembra interessarsi con scrupolo e dedizione al problema principale dei nostri cittadini: i gazebo del suo partito. E, ci viene da dire, con quali risultati… Siamo infatti di