Cambiare nome all’Istituto Daverio? I varesini insorgono: “Non si tocca il nostro eroe”

La presidenza della scuola superiore lancia un concorso tra gli studenti per trovare un nuovo nome. Dura la reazione di Barion e dei garibaldini: ''Ci appelleremo a sindaco e prefetto''

15 dicembre 2015
Guarda anche: Varese
11006471_10153288940968361_6175168354953459005_n

Cancellare la storia. Togliendo a uno storico istituto varesino il nome del personaggio cui è dedicato.

Questo viene da pensare di fronte all’iniziativa della direzione scolastica dell’Istituto Daverio di Varese. La cui preside, Nicoletta Pizzato, ha indetto un concorso tra gli studenti per trovare un nuovo personaggio al quale intitolare la scuola.

I ragazzi avranno tempo fino alla fine dell’anno per avanzare le proprie proposte e presentarle in segreteria.

Ma l’idea non va giù a molti varesini. Già, perché Francesco Daverio, oltre ad avere dato il nome al più antico istituto di istruzione superiore della Città Giardino, è un simbolo del Risorgimento.

A levare gli scudi sono innanzitutto gli esponenti dell’associazione “Varese per l’Italia 26 Maggio 1859”, guidata da Luigi Barion.

Daverio

“È una proposta assurda – commenta Barion – non capisco da cosa possa nascere. È la scuola più antica di Varese, e Francesco Daverio è uno degli eroi caduti a difesa della Repubblica romana. Tant’è vero che quando, con la nostra delegazione, ci siamo recati a Roma al Gianicolo, per celebrare i caduti varesini per il Risorgimento, abbiamo portato con noi due studenti dell’Istituto Daverio, scelti tra i più meritevoli”. E venne poi apposta una targa fuori dall’istituto.

Insomma, appare un tentativo maldestro di cancellare la storia. E l’associazione prepara le contromosse.

Sabato mattina, in Comune, è stata convocata una conferenza stampa di “Varese per l’Italia”, dove i “garibaldini” varesini (come sono soprannominati) lanceranno un appello “al sindaco, al prefetto e, se necessario, anche a livelli istituzionali più alti. Interverranno storici e docenti universitari che spiegheranno il ruolo e l’importanza della figura storica di Daverio”.

Tag:

Leggi anche:

  • La Sport Management pronta a gestire direttamente la sezione nuoto

    È pronta a nuotare da sola la Sport Management che al termine dell’attuale stagione agonistica chiuderà il progetto comune con il Team Nuoto Lombardia, per intraprendere un nuovo capitolo dell’avventura aziendale che vedrà la società del presidente Sergio Tosi sempre più protagonista
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management si mette in mostra anche in nazionale

    Si toglie una bella soddisfazione il mastino della BPM Sport Management Stefano Luongo che vince la Coppa del Brasile. L’atleta, infatti, è in questi giorni in Sud America e recentemente ha issato al cielo, con il Botafogo, il trofeo più prestigioso della pallanuoto carioca, con Luongo che si
  • Presentazione della quinta edizione della gara podistica “Tra Ville e Giardini”

    Conferenza stampa Domani, mercoledì 14 giugno 2017, alle ore 12 in Sala Matrimoni del Comune di Varese Intervengono: Dino De Simone, assessore allo Sport del Comune di Varese Rinaldo Francesca, presidente Runner Varese Daniele Donati, presidente di Tincontro, associazione di volontariato ONLUS
  • Pokerissimo Italia al Liechtenstein, ma per la vetta non basta

    Tutto sommato è stato un bel 5 a 0 quello rifilato ieri sera dall’Italia del ct Ventura al Liechtenstein, ma a causa della differenza reti la nazionale azzurra continua a sostare in seconda posizione nella classifica del girone G. Davanti non può che esserci la Spagna, squadra che