Cambiare nome all’Istituto Daverio? I varesini insorgono: “Non si tocca il nostro eroe”

La presidenza della scuola superiore lancia un concorso tra gli studenti per trovare un nuovo nome. Dura la reazione di Barion e dei garibaldini: ''Ci appelleremo a sindaco e prefetto''

15 dicembre 2015
Guarda anche: Varese
11006471_10153288940968361_6175168354953459005_n

Cancellare la storia. Togliendo a uno storico istituto varesino il nome del personaggio cui è dedicato.

Questo viene da pensare di fronte all’iniziativa della direzione scolastica dell’Istituto Daverio di Varese. La cui preside, Nicoletta Pizzato, ha indetto un concorso tra gli studenti per trovare un nuovo personaggio al quale intitolare la scuola.

I ragazzi avranno tempo fino alla fine dell’anno per avanzare le proprie proposte e presentarle in segreteria.

Ma l’idea non va giù a molti varesini. Già, perché Francesco Daverio, oltre ad avere dato il nome al più antico istituto di istruzione superiore della Città Giardino, è un simbolo del Risorgimento.

A levare gli scudi sono innanzitutto gli esponenti dell’associazione “Varese per l’Italia 26 Maggio 1859”, guidata da Luigi Barion.

Daverio

“È una proposta assurda – commenta Barion – non capisco da cosa possa nascere. È la scuola più antica di Varese, e Francesco Daverio è uno degli eroi caduti a difesa della Repubblica romana. Tant’è vero che quando, con la nostra delegazione, ci siamo recati a Roma al Gianicolo, per celebrare i caduti varesini per il Risorgimento, abbiamo portato con noi due studenti dell’Istituto Daverio, scelti tra i più meritevoli”. E venne poi apposta una targa fuori dall’istituto.

Insomma, appare un tentativo maldestro di cancellare la storia. E l’associazione prepara le contromosse.

Sabato mattina, in Comune, è stata convocata una conferenza stampa di “Varese per l’Italia”, dove i “garibaldini” varesini (come sono soprannominati) lanceranno un appello “al sindaco, al prefetto e, se necessario, anche a livelli istituzionali più alti. Interverranno storici e docenti universitari che spiegheranno il ruolo e l’importanza della figura storica di Daverio”.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare