Busto Grande “rivoluziona” la politica in città. “Niente ideologia, ma buona amministrazione”

Da sabato scorso Busto Grande ha aderito a ConSenso Civico, la federazione regionale delle liste civiche

19 novembre 2015
Guarda anche: Busto ArsizioPolitica
received_10208493640803740

Busto Grande prosegue la sua marcia verso le elezioni 2016.
La scelta del civismo si rafforza sempre di più e per i promotori di Busto Grande non può che essere la strada del futuro per quel che riguarda le amministrazioni locali. 

“Il buonsenso è e deve essere deideologizzato – spiegano i fondatori – il marciapiede a misura di disabile, l’aiuto burocratico ad una nuova azienda, un servizio sociale efficiente e previdente e tante altre cose che migliorano la vita di una persona, non sono né di destra né di sinistra”.

Una limitazione delle liste civiche rispetto ai partiti è però la mancanza di livelli superiori che possono garantire una visione più generale di alcuni temi sovracomunali.

Da sabato scorso BUSTO GRANDE ha cercato di risolvere questa lacuna: dopo essere stati invitati, hanno aderito a ConSenso Civico, la federazione regionale delle liste civiche.

“Mentre infatti i partiti bustocchi hanno guardato, chi con sospetto e dubbio, chi con timore e livore, la nascita di BUSTO GRANDE, in altre zone della Lombardia è tutto un fiorire di liste civiche apartitiche e deideologizzate, composte da persone appassionate della propria città”.

“Questo è un altro tassello importante nella corsa che porterà all’elezione per il successore di Gigi Farioli.

Busto Grande è aperta a tutti e aspettiamo a braccia aperte chiunque voglia dare un contributo ideale e manuale”.

Tag:

Leggi anche: