Busto Grande organizza un incontro per le elezioni: “Vogliamo sentire l’opinione dei cittadini”

''Lavoro: quale futuro e quali speranze per i giovani?'' il tema dell'incontro organizzato dalla nuova formazione politica in vista delle elezioni

28 ottobre 2015
Guarda anche: Busto ArsizioPolitica
Busto

“Le elezioni amministrative a Busto Arsizio si avvicinano e Busto Grande, come promesso, vuole condividere il percorso che porterà all’elezione del nostro sindaco con tutti i cittadini interessati a dire la loro (o semplicemente a portare la loro esperienza) per la stesura di quello che sarà il programma con il quale ci si presenterà agli elettori”.

La nuova formazione politica Busto Grande organizza un incontro pubblico, per coinvolgere i cittadini nella costruzione di un programma dal basso.

“Un programma chiaro, concreto e soprattutto realizzabile – dichiarano i responsabili – nessun ponte sullo stretto, o fantasie che possono ingolosire gli elettori”.

Busto Grande è un neo costituito gruppo di cittadini appartenenti a diverse “idee politiche” ma con un fine comune: “Il meglio per la nostra città, e che credono che lo strumento della lista civica oggi sia il più credibile per portare avanti le istanze dei cittadini e prendere decisioni per la città, nella città senza che personaggi più o meno noti di altre realtà decidano sulla testa (in questo caso) dei bustocchi”.

“Apriremo il dibattito con un analisi della storia-economica della città con una sua vocazione tessile… meccanica dove non sono mancate idee e figure imprenditoriali. Fino ad arrivare ai nostri giorni:una città con una posizione strategica in Europa con una vocazione alla logistica; una città che ha creato posti di lavoro e che oggi potrebbe con la giusta visione, fare la differenza nella provincia e in Lombardia. Busto nel passato ha avuto la lungimiranza di creare una zona industriale ma che non l’ha valorizzata a dovere. Altro esempio di tentativo non riuscito sono gli ex Molini Marzoli da incubatore per nuove imprese.
Insomma il lavoro deve essere un punto centrale nella creazione di politiche virtuose in un’amministrazione del si protrae al 2020, partendo dalle cose buone fatte negli ultimi anni come il distretto del commercio e negli ultimi mesi una sburocratizzazione verso le imprese”.

L’incontro è GIOVEDÌ 29 OTTOBRE A VILLA TOVAGLIERI alle 21.

Il tema “LAVORO: Quale futuro e quali speranze per i giovani?”.

Tag:

Leggi anche:

  • Busto Grande esce dalla maggioranza

    In politica dicono che 5 anni siamo un’era geologica e che tutto possa cambiare. A Busto sono passati poco più di 18 mesi ed è già finita quella che era stata una vittoria del civismo (e quindi dei cittadini), con i due partiti “nazionali” in piedi – ma feriti gravi – e una
  • Busto Grande: “Non ci sentiamo parte di questa maggioranza”

    Come se questo sindaco non l’avessimo proposto noi, soli, ben più di un anno fa e come se a sostenerlo insieme a noi, poi, non fossero state quasi esclusivamente altre liste civiche, con Forza Italia che alle primarie se n’era lavata le mani (in parte perchè sappiamo tutti che alcuni
  • Ecco i candidati di Busto Grande

    Una squadra made in Busto nata al di là di ogni steccato ideologico e di ogni simbolo, esclusivamente per ridare lustro e vitalità alla nostra città, sperando di intercettare il voto e le istanze di chi non è rimasto soddisfatto delle ultime amministrazioni, ma non è disposto a consegnare
  • Busto Grande, Crespi: “Rifondiamo una Busto Grande. Partiamo dal calzaturificio Borri”

    Oggi, dopo anni di degrado ed abbandono e dopo l’acquisto del Comune e un concorso su idee di riqualificazioni del calzaturificio la storia si ripete in farsa. Il calzaturificio la cui facciata troneggia su uno dei viali più belli di Busto, facente parte insieme al museo del Tessile e ai Molini