Busto Grande: “Inutili le primarie del centrodestra”

Il movimento civico ribadisce il pieno appoggio ad Emanuele Antonelli

08 marzo 2016
Guarda anche: Busto ArsizioPolitica
bustogrande

Le primarie del Centrodestra sembrano spuntare anche a Busto Arsizio ma con notevole ritardo il che potrebbe essere un segnale di quanto queste presunte consultazioni democratiche siano fatte “tanto per”, e non per sposare un sano bisogno di democrazia partecipata, che tra l’altro fatto in questo modo perde completamente di quel significato aulico che potrebbero avere, potrebbero…

Qualcuno ha minacciato fino a ieri di essere pronto a correre da solo, se il nome scelto non fosse stato il suo, BG è nata per correre da sola, ma è sempre stata aperta a incontrarsi con altri  intorno al nome migliore perché, pur volendo rimarcare la propria identità, condivide l’opinione del sindaco Farioli quando dice che Busto premia chi unisce e non chi distrugge, e anche questo è un ulteriore segno di buon senso o senso civico che dir si voglia.

Quindi Busto Grande non è assolutamente interessata a farsi imbrigliare in delle primarie inutili.
Se la situazione non è rosea è proprio perché si posticipa la scelta migliore che è quella che ha sposato Busto Grande: un candidato giusto, al momento giusto.

Il nostro candidato ideale è chiaro da tempo immemore e siamo contenti che alcune realtà che siedono a quel tavolo del centrodestra lo abbiano capito e condiviso (come risvegliamo busto), ma non solo infatti la candidatura di Emanuele Antonelli riscuote larghi consensi anche all’interno di partiti come FI, Lega Nord e NCD.

Il nostro sindaco ideale a sua volta non è imbrigliato in logiche partitiche (neanche da noi) quindi è libero di valutare questa assurda e tarda proposta delle primarie, ma questo a Busto Grande non riguarda.

Busto Grande nasce per rigetto di questi sistemi arcaici da azzeccagarbugli, figli dello schematismo Destra-Sinistra.
Delle primarie fatte a ottobre tra movimenti civici che si rivolgevano ai cittadini per trovare un candidato forse avrebbe potuto interessarci, ma delle primarie di coalizione tra partiti, non ne capiamo il motivo e crediamo non siano neanche nel loro interesse.

Detto questo a casa proprio ognuno fa come vuole Emanuele Antonelli rimane il nostro candidato, se qualcuno ha bisogno di primarie interne per appoggiarlo faccia pure. L’unica cosa positiva di queste primarie è che chi vince poi non ha vincoli di spartizione da mercato delle vacche (tre assessori a quello, due presidenze a quell’altro…).

Noi andiamo avanti sulla nostra strada per una Busto che guarda al futuro, senza cancellare, ma dove possibile migliorando, ciò che di buono è stato fatto in questi anni.

Busto Grande

Tag:

Leggi anche:

  • Busto Grande esce dalla maggioranza

    In politica dicono che 5 anni siamo un’era geologica e che tutto possa cambiare. A Busto sono passati poco più di 18 mesi ed è già finita quella che era stata una vittoria del civismo (e quindi dei cittadini), con i due partiti “nazionali” in piedi – ma feriti gravi – e una
  • Busto Grande: “Non ci sentiamo parte di questa maggioranza”

    Come se questo sindaco non l’avessimo proposto noi, soli, ben più di un anno fa e come se a sostenerlo insieme a noi, poi, non fossero state quasi esclusivamente altre liste civiche, con Forza Italia che alle primarie se n’era lavata le mani (in parte perchè sappiamo tutti che alcuni
  • Ecco i candidati di Busto Grande

    Una squadra made in Busto nata al di là di ogni steccato ideologico e di ogni simbolo, esclusivamente per ridare lustro e vitalità alla nostra città, sperando di intercettare il voto e le istanze di chi non è rimasto soddisfatto delle ultime amministrazioni, ma non è disposto a consegnare
  • Busto Grande, Crespi: “Rifondiamo una Busto Grande. Partiamo dal calzaturificio Borri”

    Oggi, dopo anni di degrado ed abbandono e dopo l’acquisto del Comune e un concorso su idee di riqualificazioni del calzaturificio la storia si ripete in farsa. Il calzaturificio la cui facciata troneggia su uno dei viali più belli di Busto, facente parte insieme al museo del Tessile e ai Molini