Bilancio 2015, “guerra” sulla vendita delle azioni di A2a

Pd e Ncd si oppongono alla decisione della giunta di vendere parte del pacchetto azionario per finanziare le opere pubbliche di ordinaria manutenzione. Respinta la richiesta di sospensiva

08 Aprile 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Partiti

Scontro in consiglio comunale sulla vendita delle azioni di A2a. La maggioranza ha approvato l’alienazione di parte del pacchetto azionario per 6,7 milioni di euro per finanziare opere pubbliche. Ma dall’opposizione hanno fortemente criticato la scelta. 

Il vicecapogruppo del Pd Luca Conte ha sottolineato come il suo gruppo abbia inviato una lettera ai Revisori dei conti, e a tutti i consiglieri comunali, “per chiedere un parere su un provvedimento che ci preoccupa e non condividiamo”.
Il provvedimento prevedere la vendita di azioni per 6,7 milioni di euro nel corso dell’esercizio 2016 e di altri 9 milioni nell’esercizio 2017.
“L’eventuale cessione di tutte le azioni di A2a potrebbe determinare l’inefficacia dei contratti in essere con il comune e l’obbligo in capo alla stessa amministrazione di procedere a bandire le procedure per l’assegnazione di tutti i servizi pubblici oggi gestiti da A2a” ha detto Conte.
Inoltre il democratico ha aggiunto come con l’alienazione “il Comune perderebbe circa 700.000 euro all’anno di dividendi” e “non è stata fatta un’adeguata istruttoria prima della vendita”.
La sospensiva è stata bocciata, con 16 voti contrari, 10 a favore e 1 astenuto.

Contro la vendita anche Ncd, il cui capogruppo Matteo Giampaolo ha dichiarato: “Siamo fermamente contrari, soprattutto per la perdita rispetto al valore che le azioni avevano quando le avevamo acquisite.
Siamo preoccupati, perché servono per fare una serie di opere che sono spot elettorali. Va bene puntare a fare l’ordinaria manutenzione, ma non ci sembra sia giusto che venga venduto il patrimonio pubblico per opere che non sono straordinarie, ma ordinarie”. Da parte della maggioranza sono intervenuti il forzista Piero Galparoli e i leghisti Emanuele Monti e Giulio Moroni, difendendo la scelta di vendere per garantire lavori adeguati alle scuole e un’adeguata riqualificazione delle strade e delle aree più degradate della città. Il provvedimento è quindi passato con 19 voti a favore e 10 contrari.

Tag:

Leggi anche:

  • Elezioni Europee, avanza la Lega. Gli eletti al parlamento di Bruxelles

    Ieri si è votato per eleggere i nuovi eurodeputati (nonché i nuovi sindaci in molti dei nostri comuni). A vincere a livello nazionale, come previsto, è stata la Lega che ha ottenuto oltre il 34% delle preferenze seguita dal Partito Democratico al 23%. Perde terreno il Movimento 5 Stelle che si
  • Elezioni europee, dibattito tra i movimenti giovanili di Varese venerdì 10 maggio

    Un dibattito tra i referenti dei movimenti giovanili di Lega, Forza Italia e Pd in vista delle elezioni europee. L’appuntamento è per venerdì 10 maggio alle ore 17.00 all’InformaGiovani di Varese, in via Como 21. L’annuncio arriva dagli organizzatori e protagonisti
  • Il PD a Jerago presenta “Per una nuova Europa sociale”

    Venerdì 10 Maggio alle 21 il circolo PD di Jerago con Orago, nel contesto della rassegna di eventi “Nel blu dipinto di blu”, organizza una serata dedicata al futuro dell’Europa. In vista dell’appuntamento delle elezioni del 26 Maggio parleremo della proposta del Partito
  • Carlo Calenda, annullato l’incontro di domani a Varese

    Fermento nel PD, nelle prossime ore. Tanto che salta l’appuntamento del 28 marzo, a Varese, con Carlo Calenda, capolista PD alle europee nella circoscrizione del Nord Est, “per importanti impegni istituzionali che lo trattengono a Roma nella giornata di giovedì”. Così ha