“Attenti alle trappole su internet”

Web reputation, diritto all'oblio e cyberbullismo. In un convegno analizzate tutte le problematiche della rete

28 ottobre 2015
Guarda anche: Milano
Cyberbullismo

Web reputation, diritto all’oblio, cyberbullismo, identità digitale. Questi i temi trattati nel corso del convegno “Internet e la tutela della persona” svoltosi l’altro giorno a Palazzo Pirelli, da importanti relatori come l’ex Ministro e Presidente della Fondazione Astrid Bassanini, l’ex Garante della privacy Pizzetti, la Presidente del Corecom Lombardia Zanella, il Presidente Agcom Cardani, la Vice Presidente del Consiglio regionale Valmaggi, l’Assessore lombardo Garavaglia, il professor Orofino e altri.

Tematiche diventate sempre più sensibili in un mondo in cui le persone devono curare la propria immagine sociale non solo nel mondo reale, ma anche in quello digitale che ne è divenuto propaggine paradossalmente sempre più “concreta”.
La tutela della propria reputazione digitale, si lega necessariamente a doppio filo al diritto all’oblio, inteso come possibilità di cancellare per sempre dalla rete i riferimenti che ci riguardano e che vorremmo non fossero più conoscibili. Un tema che ha assunto una rilevanza cosi determinante nella società di oggi, a causa dei motori di ricerca che consentono un facile accesso ai dati di ciascuno di noi rendendo ancora più incisiva la condanna alla memoria eterna della rete, e la discussione in merito al quale si è viepiù accesa in seguito alla famosa sentenza Google Spain.

Nel corso del convegno, e attraverso l’omonimo libro “Internet e la tutela della persona. Il caso del motore di ricerca” pubblicato da Astrid a Cura di Franco Pizzetti, presentato oggi in prima nazionale, si è trattato non solo delle tante problematiche legate alla web reputation, ma anche delle nuove strade che possano permettere di tutelare la propria immagine e identità in rete, cercando nel contempo di fornire suggerimenti a chi, legislatori italiani e internazionali, dovrà trovare soluzioni normative per regolamentare un mondo in continua evoluzione come quello di internet.

“Il volume raccoglie una serie di contributi che esaminano dai diversi punti di vista (giuridico, economico, comunicazionale, europeo) il tema della tutela della propria reputazione in rete” spiega il curatore del volume, già Presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali, Franco Pizzetti “Scopo dichiarato è andare oltre il troppo limitato diritto all’oblio, che per sua natura difficilmente si applica alle persone pubbliche, e cioè proprio a quelle che più possono essere oggetto di notizie e informazioni gravemente incisive della loro immagine pubblica. Per questo si punta alla costruzione di un diritto di rettifica on line, che consenta a ogni interessato rendere nota con pari efficacia “la propria verità”. Uno sforzo orientato insomma a trovare modi efficaci di tutela della reputazione in rete che consenta anche a chi non può invocare il diritto all’oblio di avere un modo efficace di difesa della propria immagine”.

“Quello della web reputation, declinato più specificamente sui minori che rappresentano la parte più indifesa della società, è un tema fortemente sentito dal Corecom Lombardia, che da anni se ne occupa e opera in direzione di una sempre maggior sensibilizzazione in merito” spiega per parte sua la Presidente del Corecom Lombardia Federica Zanella “come noto siamo riusciti in Lombardia a trovare una soluzione concreta con l’attivazione di un progetto unico a livello europeo rappresentato da uno “Sportello help web reputation” al quale i cittadini possono rivolgersi per avere assistenza per la tutela della propria reputazione digitale. Grazie a questo servizio unico abbiamo già risolto con successo decine di casi segnalatici, con interventi che hanno svolto una doppia funzione, risolutiva del problema e formativa. Sono onorata di aver potuto approfondire il tema in un intero capitolo dell’importante volume di Astrid, narrando la nostra esperienza e cercando, partendo da questa, di fornire nel nostro piccolo suggerimenti a coloro che sono deputati a normare. Per quanto ci concerne, in sintesi estrema, si potrebbe andare a definire con legge le ipotesi di lesione della web reputation non inquadrabili nelle fattispecie positive dell’ingiuria, della diffamazione e del furto di identità, magari attribuendo all’Agcom, e a cascata quindi ai Corecom, competenze specifiche in merito, che le consentano a sua volta di dettare una disciplina regolamentare per quanto riguarda modalità di intervento e di irrogazione delle sanzioni, come già avviene in altri campi come quello della vigilanza e monitoraggio nonchè del diritto di rettifica, declinati sui media tradizionali. Si potrebbe così passare dal livello della semplice moral suasion, tramite la quale interveniamo ora, ad uno decisamente più incisivo. Operando le problematiche di web reputation all’interno del campo dei diritti inviolabili, implicherebbero infatti forme di tutela particolarmente significative. Infine poiché è emerso dall’attività che abbiamo svolto che l’età minima richiesta per l’accesso ai social network e ad alcune applicazioni non viene quasi mai rispettata, sarebbe opportuno agire sotto il profilo normativo al fine di obbligare le piattaforme a richiedere documenti certi all’utente prima di concedergli tali accessi”.

Tag:

Leggi anche:

  • Web e Fake News, un seminario sull’informaizone online

    Mercoledì 23 maggio dalle 10.00 alle 13.00 nell’aula Magna Granero Porati, via Dunant 3, si terrà il seminario “Web e fake news tra informazione, pubblicità e tutela dei diritti” organizzato dal Dipartimento di Diritto, Economia e Cultura dell’Università degli Studi dell’Insubria. Il
  • Malnate, il Centro del Riuso è online

    L’iniziativa che, grazie all’operato dei volontari di 5 associazioni del territorio, ha già un grande successo e viene promossa anche tramite i canali social, viene ora rilanciata grazie alla collaborazione con alcuni studenti del corso di laurea in Informatica dell’Università
  • Truffa Ikea su Whatsapp: il finto buono sconto

    E’ l’ennesima truffa quella che da alcune ore sta girando per tutti i telefoni d’Italia attraverso uno dei servizi di messaggistica pi usati, ovvero WhatsApp. Il messaggio che arriva dai propri contatti riguarda la nota azienda di mobili Ikea; il messaggio che viene inoltrato di contatto
  • Gallarate attiva la sezione “Valorizzazione del paesaggio”

    E’ attiva sul sito del comune di Gallarate la sezione dedicata alla “valorizzazione del paesaggio”. “Con la nuova area tematica”, spiega l’assessore all’Urbanistica Alessandro Petrone, “si compie l’ennesimo passo avanti nella direzione della semplificazione,