Al via il progetto “L’Ospedale dei piccoli”

Si rinnova il sostegno di Plasmon alla Fondazione Ambrosoli, quest’anno dedicato a ristrutturare il reparto di pediatria del Dr. Ambrosoli Memorial Hospital di Kalongo, ampliando gli spazi e aumentando i posti letto

14 Novembre 2018
Guarda anche: MilanoMondo

Nel Nord dell’Uganda le principali cause di malattia nei bambini sono legate a malnutrizione, malaria e tubercolosi. Affezioni prevenibili e curabili in ambienti sicuri e protetti, grazie all’intervento di personale medico adeguatamente formato e dotato della giusta strumentazione. Proprio per rispondere con maggior efficacia alle esigenze di cura della popolazione pediatrica di uno dei Paesi più poveri al mondo, Fondazione Ambrosoli, insieme a Plasmon, avvia il progetto “L’Ospedale dei piccoli”, volto ad ampliare e migliorare il reparto pediatrico del Dr. Ambrosoli Memorial Hospital di Kalongo.

Con 271 posti letto (di cui 61 in pediatria) e un’utenza di circa 50.000 pazienti all’anno (70% donne e bambini sotto i 5 anni), l’ospedale di Kalongo è l’unica struttura in grado di accogliere e assistere pazienti in età pediatrica nel distretto di Agago, area di oltre 3.000 km quadrati (un terzo della Lombardia). A beneficiare dell’iniziativa promossa da Fondazione Ambrosoli saranno proprio gli oltre 9.000 bambini che annualmente vengono visitati o ricoverati presso l’ospedale.

“Il reparto di pediatria verrà ammodernato e ristrutturato, ampliando gli spazi e aumentando i posti letto”, spiega Giovanna Ambrosoli, Presidente della omonima Fondazione. “Un training sulle norme igieniche e nutrizionali di basesarà rivolto ai piccoli pazienti affinché diffondano queste pratiche virtuose al rientro nelle loro comunità. Per i medici e il personale dell’ospedale, inoltre, è previsto un programma di formazione continua sulle esigenze specifiche dei degenti pediatrici, anche attraverso lo scambio con colleghi italiani”.

Dalla collaborazione tra Fondazione Ambrosoli e Plasmon, avviata nel 2017 con il programma “Mamme per la vita”, dedicato a tutelare la salute delle mamme durante e dopo la gravidanza e quella dei bambini dalla nascita in poi, sono arrivati i primi risultati concreti. In Nord Uganda solo il 46% delle donne incinte si sottopone a controlli e 1 parto su 2 non viene assistito da personale medico, con conseguenti alti tassi di mortalità. Il primo progetto del programma è stato “Gravidanza sicura” promosso lo scorso anno e grazie al quale è stata rafforzata la risposta assistenziale dell’Ospedale di Kalongo per far fronte a 3.550 parti (di cui 556 cesarei), sono state eseguite oltre 6.000 visite presso il laboratorio pre-natale e i bimbi vaccinati sono stati 15.500.

“Con orgoglio rinnoviamo anche quest’anno il nostro sostegno a Fondazione Ambrosoli in un nuovo, concreto progetto volto a tutelare la salute delle mamme ugandesi e dei loro piccoli”, dichiara Giuliana Mantovano, Direttore Marketing Italia di The Kraft Heinz Company. “Plasmon dal 1902 accompagna in Italia la crescita di intere generazioni di bambini ed è al fianco delle mamme e delle famiglie nel momento più importante della loro vita. Con Fondazione Ambrosoli condividiamo, quindi, valori e obiettivi, per questo vogliamo essere al fianco delle mamme e delle famiglie anche in Uganda e siamo certi che con il progetto ‘L’Ospedale dei piccoli’, così come è stato con ‘Gravidanza sicura’ raggiungeremo risultati importanti”.

Il progetto è sostenuto da una campagna di cause related marketing di Plasmon, che permette, fino alla fine di dicembre, di contribuire all’iniziativa acquistando Nutri-mune in polvere o liquido (ad eccezione dei latti 1 e dei latti speciali).

Tante sono le storie delle donne e dei bambini che arrivano al Dr. Ambrosoli Memorial Hospital per chiedere aiuto e assistenza, come quella di Achech, ragazza di 28 anni con alle spalle 5 aborti e una sesta gravidanza, l’ultima, che sarebbe probabilmente finita con lo stesso tragico esito, se la donna non fosse stata condotta nell’ospedale. Grazie alle cure dei medici e alla sua forza di volontà Achech è riuscita ad arrivare alla 29a settimana di gestazione e ha dato alla luce una bellissima bimba, Atoyo. La piccola, prematura, è stata ricoverata per circa due mesi nel
reparto di neonatologia dell’ospedale dove, tra l’incubatrice e le braccia accoglienti della mamma, ha lottato per sopravvivere. Oggi, Atoyo e Achech vivono nel loro villaggio, la bimba è sottoposta a controlli periodici per seguirne la crescita e la mamma viene supportata nelle cure da prestare alla piccola e nel tenerne sotto controllo gli eventuali sintomi di malessere.

Sono questi i risultati che incoraggiano la Fondazione Ambrosoli e Plasmon a continuare la loro collaborazione per il Dr. Ambrosoli Memorial Hospital, fondato ormai 60 anni fa e divenuto un riferimento sanitario essenziale dove, in particolare, donne e bambini possono trovare assistenza di qualità e calore umano.

Tag:

Leggi anche:

  • “Una Viola per il Lupus” a Varese

    Ottobre è il nostro mese, è il mese della sensibilizzazione per il Lupus e noi ci siamo!! Domenica 13 Ottobre Mariella Caprino organizzerà un banchetto benefico e informativo per la raccolta fondi a sostegno della nostra associazione. Passa a trovarci il 13 Ottobre in Piazza San Giuseppe a
  • ATS Insubria porta benessere e salute ad Agrivarese

    La fiera dell’agricoltura promossa da Camera di Commercio, attraverso PromoVarese, in collaborazione con Comune di Varese e associazioni di categoria, vede la presenza anche di due aree dedicate alla salute, a cura di ATS Insubria: “Saremo in fiera con due stand dedicati alla
  • Valbossa in Rosa, dieci Comuni del Varesotto, una Bcc, associazioni e commercianti uniti nella lotta al cancro al seno

    La comunità è un prezioso alleato nella prevenzione al cancro al seno. Lo sa bene Azzate in Valbossa, associazione che ha raccolto oltre trenta realtà del territorio per dare vita alla prima edizione di Valbossa in Rosa, una campagna informativa e di sensibilizzazione sull’importanza di fare
  • Cure oncologiche, in Italia i costi sostenuti superano i 36 miliardi di euro all’anno

    Nel campo dell’associazionismo, la Lombardia è la prima regione in Italia con 8mila associazioni iscritte nel registro regionale del volontariato. E’ il dato emerso questa mattina nel convegno “Volontariato in oncologia, la relazione di aiuto col malato e i suoi familiari” che si è