A Busto Arsizio torna la sicurezza sul a pista ciclabile

42.000 euro dalla Regione per mettere in sicurezza la pista ciclabile dei viali Trentino e Cadore

07 Dicembre 2018
Guarda anche: Busto Arsizio

Regione Lombardia ha ufficializzato l’assegnazione alla Città di Busto di 42 mila euro nell’ambito di un bando relativo a progetti infrastrutturali per lo sviluppo e la messa in sicurezza della circolazione ciclistica cittadina.

Si tratta di un terzo dei costi di un progetto che ha l’obiettivo di mettere in sicurezza le piste ciclabili già esistenti in viale Trentino e viale Cadore, progetto che la Regione ha valutato positivamente concedendo la cifra richiesta dall’Amministrazione, pari all’ammontare massimo finanziabile sul costo totale del progetto presentato, pari a 142.024 euro.
“In vista della conclusione dei lavori in via Lonate, arriva questa ottima notizia – afferma l’assessore all’Attrazione risorse Paola Magugliani – il tratto di pista che potremo riqualificare è molto importante per la mobilità dolce visto che collega proprio la nuova pista ciclabile della via Lonate con quella di viale Stelvio che, a sua volta, permette di raggiungere in bicicletta l’ospedale e l’ITE Tosi. Ho preferito, coniugando le mie due deleghe all’attrazione risorse e alle strade e in collaborazione con il mio collega Rogora che si occupa di sicurezza e viabilità, presentare alla Regione un progetto piccolo, ma decisivo per la riqualificazione di un tratto già esistente e strategico per l’intera area viste le connessioni che permette, piuttosto che realizzare un progetto più importante per un tratto nuovo. L’impegno per il futuro è quello di continuare sempre su questa strada: cercheremo di riqualificare le piste già esistenti e di collegarle tra loro per potenziare i percorsi cittadini, non solo per favorire la mobilità dolce in città, ma anche per connettere la città stessa a percorsi turistici ed ecologici, penso ad esempio a quello che collega il parco Alto Milanese con quello del Ticino”.
I lavori che interesseranno il percorso ciclabile consistono nella sistemazione della segnaletica orizzontale e verticale, nella messa in sicurezza degli attraversamenti, nell’allargamento di alcuni tratti della pista. Lo scopo è quello di ottenere una maggiore unitarietà visiva del percorso e appunto una maggiore sicurezza, soprattutto in corrispondenza degli incroci con le strade laterali.
L’assessore sottolinea l’impegno dell’Ufficio Attrazione risorse: “anche in questa occasione il lavoro dell’ufficio, che ha fatto sintesi tra gli assessorati interessati, ha permesso di centrare l’obiettivo di ottenere il massimo finanziamento possibile per dare il via a questi lavori. Il Comune deve comunque fare la sua parte, ma certamente questi finanziamenti sono indispensabili per realizzare opere che rispondono alle esigenze della cittadinanza in un’epoca in cui si fa sempre più fatica a far quadrare i conti”.

Tag:

Leggi anche:

  • Sicurezza, salgono gli incidenti nel Varesotto

    Quasi millequattrocento interventi del soccorso medico nel Varesotto in una settimana, buona parte dei quali nell’ultimo weekend. In tre giorni si sono infatti registrate oltre 600 uscite sulle complessive 1375. Numeri da “fase 2”, dopo settimane in cui, a causa del lockdown, il ricorso al
  • Lamorgese: Fase 2, rimaniamo vigili e responsabili, non siamo fuori dall’emergenza Covid-19

    «Proteggerci e proteggere gli altri dal contagio». È l’appello al senso di responsabilità dei cittadini che il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese lancia oggi dalle pagine del quotidiano La Stampa, nel giorno della “ripartenza”, la cosiddetta Fase 2, il momento
  • Domenica di controlli per emergenza Covid-19

    Domenica 19 aprile sono state controllate 197.750 persone e 68.252 tra esercizi commerciali e attività. Le Forze di polizia proseguono nei servizi di controllo per il rispetto delle misure imposte dall’emergenza sanitaria Covid-19. Sono state contestate 8.641 sanzioni amministrative e
  • Chiusura attività produttive non essenziali o strategiche

    Non abbiamo alternative, in questo momento dobbiamo tutelare noi stessi e le persone che amiamo. Per questo il Governo ha deciso di compiere un altro passo: chiudere sull’intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a