“Vietare il burqa a Varese”. Appello del sindaco al prefetto

Il consiglio comunale si era espresso a gennaio a larga maggioranza: 20 voti a favore, 1 contrario e 7 astenuti

26 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Burqa

Era stata approvata il 22 gennaio di quest’anno, ma di fatto è rimasta inapplicabile.  Oggi, sulla scia del voto in Canton Ticino, torna in auge. 

E la maggioranza sembra determinata a portarla avanti. Stiamo parlando della mozione antiburqa del consigliere comunale di Forza Italia Piero Galparoli, che vieta l’utilizzo del burqa e di altre forme di copertura del volto sul territorio comunale.

Il sindaco Attilio Fontana ha infatti inviato una lettera al prefetto Giorgio Zanzi per chiedere un’ordinanza per applicarla. La mozione, che era stata presentata anche dall’ex capogruppo di Forza Italia Ciro Grassia, oggi di Varese Attiva, aveva visto una maggioranza netta: 20 voti a favore, 1 contrario e 7 astenuti.

Tag:

Leggi anche:

  • Varese Calcio: ecco i nuovi assetti societari

    Soddisfatto il massimo dirigente biancorosso: “Abbiamo voluto dare un forte segnale di compattezza – dice Ciavarrella – e siamo felici di allargare il gruppo dei soci a Paolo Basile che con il suo entusiasmo e la sua competenza potrà dare una grossa mano alla causa biancorossa.
  • Maroni si candida alle comunali. Forza Italia divisa

    Maroni candidato capolista della Lega Nord. La notizia non entusiasma tutti all’interno di Forza Italia, anche questa volta principale alleato del Carroccio. Piero Galparoli, duro e puro del forzismo, e berlusconiano di ferro, non apprezza determinati “escamotage”. “È un’opinione
  • Galpa e Dorsi: la coppia con stile di Forza Italia. “Vinceremo al primo turno”

    Galpa e Dorsi. Si presentano con i nomi con cui sono più conosciuti, Piero Galparoli e Giovanna Favero Dorsi, figure celebri a Varese rispettivamente per sport e politica e per istruzione e imprenditoria nel campo dell’acconciatura e dell’estetica, che correranno insieme con il ticket
  • Provincia di Varese, Galparoli e Longhin: “Maggioranza spaccata sui centri d’accoglienza”

    Ma andiamo con ordine. Longhin si appresta a presentare in aula il documento, protocollato come urgente il 15 Febbraio visti i fatti di Avellino, dove la procura ha trovato e chiuso dei centri di accoglienza che non rispettavano le norme di sicurezza e di igiene, ben 10 su 33, il capogruppo