Varese, urla e insulti tra leghisti e manifestanti pro migranti. GUARDA IL VIDEO

Il consiglio comunale approva, su proposta della Lega, una mozione per aumentare i controlli sui migranti, che prevede l'allontanamento immediato di chi non ha i requisiti per la richiesta d'asilo

17 luglio 2015
Guarda anche: AperturaVarese Città
2015-07-17 01.16.49

Sono volate parole grosse tra leghisti e manifestanti del Coordinamento Migrante di Varese, ieri sera, al termine della seduta del consiglio comunale. A scatenare il “parapiglia” è stata l’approvazione, da parte della maggioranza, di una mozione, presentata dalla Lega Nord, per aumentare i controlli dei migranti in arrivo sul territorio comunale. 

E quindi di allontanare subito coloro che non siano in regola con lo status di profugo.

I manifestanti pro migranti, come si vede nel video, hanno contestato il voto, urlando “vergogna”. I leghisti hanno ribattuto dicendo loro “non rispettate la democrazia”. Quindi lo scontro verbale è sempre più degenerato. Alla fine una leghista, dopo che una manifestante ha detto “meno male che non ho nipoti leghisti”, ha iniziato a intonare un coro “Meno male che Varese è leghista”, seguita da altri. Al che i manifestanti hanno intonato la canzone della Resistenza “Bella Ciao”.

Le Forze dell’Ordine sono intervenute per evitare che lo scontro verbale degenerasse.

La mozione

Il consiglio comunale di Varese ha approvato la mozione della Lega Nord per aumentare i controlli sui migranti. Il testo, presentato dal capogruppo del Carroccio Giulio Moroni, modificato con due emendamenti presentati rispettivamente dal consigliere comunale di Liberi per Varese Mauro Pramaggiore e dal consigliere comunale di Movimento Libero Alessio Nicoletti, chiede che l’amministrazione comunale si attivi verso la Prefettura per raggiungere cinque obiettivi. Il primo dei quali consiste “nel prestare assistenza ai soli “clandestini” richiedenti asilo in Italia, atteso che per gli “irregolari” non vi sarebbe altra strada se non l’espulsione, a meno che non siano aperte procedure di verifica sulla loro posizione”.

Il secondo punta a garantire accoglienza dei richiedenti asilo in strutture che abbiano l’abitabilità secondo i criteri comunali.

Il terzo prevede l’immediata espulsione dei richiedenti asilo che non abbiano ottenuto il riconoscimento dello status di rifugiati.

Il quarto punta ad effettuare rigidi controlli sulle strutture d’accoglienza, sulla base di condizioni di abitabilità e salubrità.

Infine, la condivisione della gestione dei profughi.

Il centrosinistra è uscito dall’aula per non partecipare al voto. La mozione è stata approvata con 16 voti, da parte della Lega di Liberi per Varese e di Movimento Libero (che siede all’opposizione). Il Nuovo centrodestra, che è all’opposizione, è rimasto in aula, ma ha votato contro.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto BPM Sport Management padrona di casa nel gruppo B

    Sono stati sorteggiati oggi a Novi Sad, in Serbia, i due gironi che andranno a comporre il primo turno dell’Euro Cup 2017/2018, manifestazione che vedrà impegnata anche la BPM Sport Management. Sarà proprio la formazione bustocca a ospitare dal 29 settembre all’1 ottobre, alle Piscine
  • La nazionale italiana di deltaplano vince il suo nono titolo mondiale e quinto consecutivo

    Il nuovo campione del mondo è Petr Benes, pilota della Repubblica Ceca che raccoglie il testimone dal nostro Alessandro Ploner e solo nel corso dell’ultima giornata. Infatti, Ploner ha quasi ininterrottamente tenuto la testa della graduatoria nei nove giorni di gara e il divario tra i due
  • Torna la Coppa del Mondo di Sci d’erba a Santa Caterina Valfurva

    L’adrenalina torna a salire a Santa Caterina Valfurva che, dopo le vincenti competizioni internazionali di sci alpino e sci nordico, si dimostra, ancora una volta, unica nello scenario sciistico mondiale, in estate e non solo in inverno. Infatti, dopo il grande successo della scorsa estate,
  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli