Varese, urla e insulti tra leghisti e manifestanti pro migranti. GUARDA IL VIDEO

Il consiglio comunale approva, su proposta della Lega, una mozione per aumentare i controlli sui migranti, che prevede l'allontanamento immediato di chi non ha i requisiti per la richiesta d'asilo

17 luglio 2015
Guarda anche: AperturaVarese
2015-07-17 01.16.49

Sono volate parole grosse tra leghisti e manifestanti del Coordinamento Migrante di Varese, ieri sera, al termine della seduta del consiglio comunale. A scatenare il “parapiglia” è stata l’approvazione, da parte della maggioranza, di una mozione, presentata dalla Lega Nord, per aumentare i controlli dei migranti in arrivo sul territorio comunale. 

E quindi di allontanare subito coloro che non siano in regola con lo status di profugo.

I manifestanti pro migranti, come si vede nel video, hanno contestato il voto, urlando “vergogna”. I leghisti hanno ribattuto dicendo loro “non rispettate la democrazia”. Quindi lo scontro verbale è sempre più degenerato. Alla fine una leghista, dopo che una manifestante ha detto “meno male che non ho nipoti leghisti”, ha iniziato a intonare un coro “Meno male che Varese è leghista”, seguita da altri. Al che i manifestanti hanno intonato la canzone della Resistenza “Bella Ciao”.

Le Forze dell’Ordine sono intervenute per evitare che lo scontro verbale degenerasse.

La mozione

Il consiglio comunale di Varese ha approvato la mozione della Lega Nord per aumentare i controlli sui migranti. Il testo, presentato dal capogruppo del Carroccio Giulio Moroni, modificato con due emendamenti presentati rispettivamente dal consigliere comunale di Liberi per Varese Mauro Pramaggiore e dal consigliere comunale di Movimento Libero Alessio Nicoletti, chiede che l’amministrazione comunale si attivi verso la Prefettura per raggiungere cinque obiettivi. Il primo dei quali consiste “nel prestare assistenza ai soli “clandestini” richiedenti asilo in Italia, atteso che per gli “irregolari” non vi sarebbe altra strada se non l’espulsione, a meno che non siano aperte procedure di verifica sulla loro posizione”.

Il secondo punta a garantire accoglienza dei richiedenti asilo in strutture che abbiano l’abitabilità secondo i criteri comunali.

Il terzo prevede l’immediata espulsione dei richiedenti asilo che non abbiano ottenuto il riconoscimento dello status di rifugiati.

Il quarto punta ad effettuare rigidi controlli sulle strutture d’accoglienza, sulla base di condizioni di abitabilità e salubrità.

Infine, la condivisione della gestione dei profughi.

Il centrosinistra è uscito dall’aula per non partecipare al voto. La mozione è stata approvata con 16 voti, da parte della Lega di Liberi per Varese e di Movimento Libero (che siede all’opposizione). Il Nuovo centrodestra, che è all’opposizione, è rimasto in aula, ma ha votato contro.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il