Varese, sui cipressi “Tanto rumore per nulla”

Lettera dell’uomo di cultura Bruno Belli, che analizza in maniera oggettiva gli avvenimenti degli ultimi giorni e il ‘can can’ nato attorno alla vicenda del ragazzo salito sull’albero

18 Set 2014
Guarda anche: Varese Città
Cipressiquestione

In tempi non sospetti – il 26 agosto di quest’anno – molto prima che il poeta Forzinetti salisse sull’albero e si creasse tutta la bufera che ne è conseguita, credo, in parte, da taluni acuita “ad hoc”, il sottoscritto segnalava sulla sua pagina Facebook la bellissima interpretazione che della poesia di Carducci trae Gino Cervi (da Youtube). Di tutto il “cancan” che si è prodotto attorno all’atto di Forzinetti, una cosa buona ne è uscita: si è riletto, finalmente, il Carducci, il tanto vituperato poeta segnato a dito, a suo tempo anche da alcuni “eminenti personaggi” che hanno passeggiato in questi giorni sotto i cipressi dei Giardini Estensi e da molti “pseudo intellettuali” che, dal ’68, per lo meno, lo bollavano come un retrogrado dinosauro della destra storica.

Ed ecco che il Fato – quello che già ha previsto tutto – per un gioco d’ironia fa sì che un poeta considerato come l’espressione della destra più bolsa diventi il baluardo di un’azione contro un Assessore che taluni bollano come appartenente a quella stessa.

Che se ne ricava da tutto questo’ perché una “morale” ci deve sempre essere, altrimenti ogni gesto sarebbe puramente inutile?

Che si fa tanto rumore per nulla – di fronte ad un iter seguito “ad hoc” ed alle carte bollate (perché, che piaccia o no, i “governatori” della città hanno affrontato i passaggi corretti della burocrazia), probabilmente i cipressi finiranno, alla fine, comunque “tagliati” – che si fa il gioco di chi ami il visceralmente il detto “purché se ne parli”, che, nella polemica dissennata, passino in secondo piano tristi problemi dell’area sociale (quella che riguarda le gravi espressioni della crisi che attanaglia troppe famiglie varesine) problemi che il Coniglio comunale dovrebbe affrontare con priorità assoluta, che della politica si tragga solo l’impressione che sia un calderone di personaggi “improvvisati”, quando invece ci sono ancora persone serie che se ne occupano.

Infine, penso che siano sempre più esemplari i versi del Giusti ne “Il re travicello”, quale preclaro insegnamento del tempo che si butta inutilmente e del fatto che tutto finisca poi, all’Italiana – tarallucci e vino – con la solita uscita del politico bersagliato “staremo a vedere, per ora ci fermiamo, siamo bravi ed ascoltiamo i cittadini” (ascolto che, in realtà, quasi mai è stato fatto):

“Calò nel suo regno
con molto fracasso –
le teste di legno
fan sempre del chiasso:
ma subito tacque
e al sommo dell’acque
rimase un corbello
il Re Travicello”.

In altre parole, oggi, così come sarà probabilmente domani, Varese si è risvegliata con gli stessi problemi che c’erano prima di 10 giorni fa, prima che l’Italia ci guardasse per una polemica in stile “nazional provinciale” piuttosto che per un concreto apporto ad un pensiero improntato a quella ferrea logica – salubre nella situazione sociale – la quale ci permetta di tornare ai problemi affrontandoli dal nucleo e non dall’involucro e dagli ammennicoli.

Bruno Belli
Varese

Tag:

Leggi anche:

  • Europa, Cdr approva all’unanimità il parere sul “Corpo europeo di solidarietà”.

      Approvato all’unanimità dal Comitato delle Regioni, riunito oggi in seduta plenaria a Bruxelles, il parere sul “Corpo europeo di solidarietà”, che ha visto come relatore l’On. Matteo Bianchi, Deputato al Parlamento italiano e membro del CdR. Nel suo parere sulla
  • Infopoint turistico di Varese a Palazzo Estense

    Il Comune di Varese informa che, per circa due mesi, l’INFOPOINT turistico di Varese si è trasferito a Palazzo Estense, in via Sacco 5, per consentire lo svolgimento di lavori di ristrutturazione negli spazi della Camera di Commercio che renderanno l’ufficio ancora più accogliente e
  • Orizzonte Ideale pronta per le amministrative 2019

    Con l’avvicinarsi delle elezioni amministrative del 2019 anche la nostra associazione politico culturale si sta organizzando. L’idea è quella di allargare la platea di amministratori locali che possano portare avanti i nostri ideali di identità, comunità, responsabilità e servizio. Il 2018
  • Varese, Carlotta Calemme si dimette dal consiglio comunale

    La lettera di dimissioni è arrivata sulla scrivania del sindaco nella mattinata di mercoledì 14 novembre. Carlotta Calemme, la più giovane eletta a Varese nelle passate elezioni, annuncia il suo addio alla politica della città. La spiegazione di questa decisione è stata scritta in una lungo