Consigli di quartiere: al via i lavori

Fisco: “Diamo davvero inizio ad una nuova fase di collaborazione con i cittadini che potranno essere parte integrante delle scelte per il futuro della città e dei quartieri”

22 Giugno 2020
Guarda anche: Comune di Varese

Partecipazione attiva, dal basso e con i riflettori accesi sui rioni di Varese: il tutto riassunto nell’esperienza dei Consigli di Quartiere che dal 18 giugno sono diventati completamente operativi. Dodici le assemblee, formate da 84 cittadini in totale, espressione delle varie castellanze di Varese che avranno il compito di rappresentare le istanze del proprio quartiere, presentare idee e proposte all’amministrazione e promuovere una maggiore partecipazione tra la cittadinanza. Tutti i cittadini metteranno gratuitamente il loro tempo a disposizione di Varese e tra i nominativi dei consiglieri spiccano diciassette under 30, con due di loro nati nel 2002.

Come detto le prime riunioni sono già iniziate e le altre si svolgeranno nei prossimi giorni. Le assemblee di questi giorni servono per stabilire i meccanismi interni ed eleggere i coordinatori che organizzeranno i lavori dei consiglieri. I primi due consigli di quartiere si sono già riuniti e hanno eletto come coordinatrici due donne: Manuela Lozza per l’assemblea 4 che comprende l’area di Bosto, Casbeno, Campigli e Schirannetta, mentre per il consiglio numero 1 che rappresenta Sant’Ambrogio, Bregazzana, Rasa, Campo dei Fiori, Sacro Monte e Fogliaro, è stata eletta Daniela Penazzi. Altro organo che verrà istituito sarà poi la Consulta dei coordinatori, che svolgerà funzioni di confronto e informazione su tematiche che coinvolgano l’insieme dei Consigli di quartiere.

«Oggi vediamo il frutto di un lungo lavoro fatto insieme ai cittadini – spiega Francesca Strazzi, assessore ai Quartieri – mi fa poi molto piacere che i primi due coordinatori eletti siano due donne. Un altro aspetto da sottolineare è la grande voglia di partecipazione da parte dei cittadini che ora si concretizza con questo nuovo strumento che sono sicura darà un nuovo impulso a tutta la città. Nei quartieri c’è un mondo che si muove e che sta emergendo. Oltre alle grandi opere stiamo portando avanti iniziative di riqualificazione, valorizzazione dei nostri rioni nella consapevolezza che la bacchetta magica non può averla nessuno ma con l’aiuto, la collaborazione e la politica dei piccoli passi le cose si migliorano».

Dalle prossime sedute gli ordini del giorno diventeranno pienamente operativi con le proposte che arriveranno dai cittadini nominati nei vari consigli di quartiere. Compito delle nuove assemblee, cui è richiesto di riunirsi almeno ogni tre mesi, sarà quello di fare da raccordo tra i quartieri e il Consiglio comunale; potranno segnalare problemi e necessità, presentare proposte e idee di bilanci partecipativi, promuovere iniziative e collaborare con gli altri organi amministrativi.

Il numero dei rappresentanti in ciascun Consiglio varia in base alla rispettiva popolazione residente. Per i quartieri fino a 4.000 abitanti sono previsti cinque consiglieri; sette per quelli che hanno tra i 4.000 e gli 8.000 residenti; nove per chi supera gli 8.000 abitanti. Ciascun assemblea resterà in carica per tutta la durata del mandato amministrativo di Palazzo Estense.

«Giovedì sera abbiamo dato il via ad un’altra grande dimostrazione di partecipazione dal basso messa in campo dalla nostra amministrazione – afferma il consigliere Giacomo Fisco – il percorso che ci ha portato qui è stato complesso ma entusiasmante e con l’avvio dei consigli di quartiere diamo davvero inizio ad una nuova fase di collaborazione con i cittadini che potranno essere parte integrante delle scelte per il futuro della città e dei quartieri. Nei prossimi giorni, ogni sera, si ritroveranno i consigli di quartiere per stabile i proprio meccanismi interni e tra pochi giorni saranno pienamente operativi con il loro bagaglio di proposte e idee. Questa è la concretezza e l’idea di partecipazione della nostra amministrazione».

Tag:

Leggi anche:

  • Insubria, Economia e Management sceglie il numero chiuso

    Diventa a numero chiuso il corso di laurea triennale in Economia e Management dell’Università dell’Insubria. Per il prossimo anno accademico saranno disponibili 640 posti, che potranno essere occupati sulla base dell’ordine cronologico di immatricolazione, a partire dal 16 luglio,
  • Masterplan stazioni, il Centrodestra “boicotta” la Commissione Urbanistica

    La minoranza di centrodestra ha deciso di non presentarsi, questa sera, alla seduta della Commissione Urbanistica del Comune di Varese. “Un segno di protesta per lo scarsissimo tempo che la giunta ci ha dato per analizzare la fitta documentazione sul masterplan dell’area delle
  • Varese cultura: un bando per eventi attrattivi

    Tra le linee guida di una ripartenza sostenibile, l’Organizzazione Mondiale del Turismo pone la valorizzazione delle identità e delle iniziative culturali a livello locale e Otto Scharmer, esperto di change management e professore al MIT- Massachusetts Institute of Technology di Boston, ha
  • 56.500 euro per altri sei progetti finanziati da fondazione comunitaria del varesotto

    La fase acuta dell’emergenza sanitaria è finita, ma sono tanti gli strascichi in termini di bisogni sociali ed educativi pregressi e di nuova insorgenza. Fondazione Comunitaria del Varesotto continua a lavorare alacremente per sostenere gli Enti del Terzo Settore che si occupano delle