Varese, protesta per i cipressi. L’assessore Clerici incontra Forzinetti, il “ragazzo sull’albero”

Ieri pomeriggio l'esponente della giunta, che ha la delega al Verde pubblico, è andato a trovare il giovane poeta che da venerdì si trova su una delle piante 'condannate'. Incontro civile, ma ognuno resta sulle proprie posizioni

15 settembre 2014
Guarda anche: AperturaVarese Città
Clericiforzinetti

La protesta di Michele Forzinetti, salito sul cipresso numero 9 per impedire il taglio degli alberi, va avanti. Ma ieri pomeriggio, intanto, ha ricevuto la visita dell’assessore al Verde pubblico Stefano Clerici.

Proprio lui, il “grande accusato”, si è recato dal ragazzo che sta compiendo la singolare e difficile protesta (da venerdì alla mezzanotte di domenica, oltre a stare sull’albero, ha portato avanti anche uno sciopero della fame), non ha esitato a confrontarsi con la sua controparte.

Un incontro-scontro tutto sommato civile, anche se i toni, pur nella correttezza da entrambe le parti, si sono più volte alzati.

Forzinetti ha infatti criticato il Comune e la politica in generale “perché non ascolta più la gente”. Ed entrando nel caso specifico: “Quando si arriva ad abbattere un albero sano, è una sconfitta della politica”.

Forzinetti ha quindi raccontato di avere incontrato centinaia di cittadini “circa 250 persone, che in questi tre giorni sono passate di qua, e hanno anche lasciato una testimonianza su questo pannello, e sono voci contrarie all’abbattimento”. E ha indicato un pannello appesa ai rami, accanto ai manifesti che spiegano la protesta, dove sono riportate le varie scritte. Pannello che poi l’assessore ha letto.
Da parte sua Clerici ha spiegato le proprie ragioni: “Nutro un massimo rispetto per tutti i cittadini e soprattutto per chi si mette in gioco. Quindi anche della sua protesta. Che tuttavia, a parer mio, è un po’ fine a stessa. È una protesta naturalistica, perché si basa essenzialmente sul fatto che nessun albero possa essere toccato in quanto albero. La rispetto, ma non la condivido. Ci sono due motivazioni, per cui vanno abbattute le piante. Una paesaggistica e una naturalistica”.

Il Comune infatti punta ad abbattere i cipressi per due motivi essenzialmente: uno riguarda il fatto che la crescita di questi alberi sta colpendo, secondo i rilievi, i vicini tassi, più antichi e quindi più meritevoli di tutela secondo l’amministrazione. La seconda riguarda invece una questione più estetica, ovvero ripristinare il panorama oggi coperto dai cipressi. Se sulla seconda si può discutere, sulla prima l’amministrazione obiettivamente ha il dovere di tutelare gli alberi più antichi.

Presenti anche l’agronomo Daniele Zanzi e il consigliere comunale del Pd Andrea Civati. I quali si sono schierati contro il taglio dei cipressi.

Tag:

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione