Varese piange Luciano Giaccari. “Padre” della prima televisione locale

Il notaio Luciano Giaccari, fondatore della prima emittente locale e grande videomaker, è venuto a mancare martedì

06 agosto 2015
Guarda anche: AperturaCulture e SpettacoloVarese Città
Foto giaccari

E’ venuto a mancare il notaio Luciano Giaccari, figura importante a livello nazionale nel campo della videoarte. E fondatore della prima televisione locale di Varese. 

A partire dal 1971, infatti, Giaccari fondò lo Studio 970-02, insieme alla moglie G. C. Maud, a Luvinate, per la sua serie TV-Out, e produsse numerosi lavori con gli artisti più importanti del momento, anche in collaborazione con la galleria l’Attico di Fabio Sargentini: Francesco Clemente, Luciano Fabro, Mimmo Germanà, Urs Luthi, Mario Merz, Hidetoshi Nagasawa, Dennis Oppenheim, Gina Pane, Vettor Pisani, Richard Serra, Antonio Trotta, Franco Vaccari, Germano Olivotto e numerosi altri. Nel clima sociale e culturale del ‘68, che registrò la destrutturazione dei ruoli classici di curatore, critico, dei luoghi deputati alle esposizioni, lo Studio 970 2 organizzò diverse manifestazioni con installazioni, opere, happening all’aperto nella natura, proiezioni notturne nei prati e nei boschi circostanti lo studio.
Pochi anni dopo inizia anche la sua avventura televisiva dando vita all’emittente, con sede, in via del Cairo 4, che proponeva un palinsesto con un notiziario locale, film, telefilm, cartoni animati, programmi sportivi, incontri di calcio, e il programma di Maurizio Seymandi Supeclassifica show.

“È stato un antesignano della comunicazione di varese – racconta Giuseppe Terziroli, all’epoca dirigente dei giovani della Dc e oggi segretario di Amici per Varese – ha creato un’imponente videoteca. Ed è stato precursore dei primi esperimenti televisivi. Fui tra gli ospiti delle trasmissioni dedicate all’approfondimento politico. E mi ricordo una persona che definisco molto umile nella sua grandezza. Ho un ricordo molto vivo di lui, del suo modo di parlare lento e profondo.
Ha avuto, forse anche per le sue idee politiche che non collimavano con la borghesia varesina, più riconoscimenti a livello nazionale e fuori, piuttosto che nella sua città. Perché rappresenta una dei quelle personalità che ha dato un enorme lustro a Varese, eppure è stato in un certo senso poco “riconosciuto” nella sua importanza dai varesini”.

Tag:

Leggi anche:

  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio
  • Calcio – Il Varese pesca il Como: ecco tutto il girone A di serie D

    Sono stati diramanti dalla Lega Nazionale Dilettanti poche ore fa i gironi di serie D che vedranno coinvolto anche il Varese Calcio, pronto a dire la sua in questa nuova stagione. Inseriti nel girone A, i biancorossi affronteranno nel corso dell’anno anche il derby con la Varesina e con la