Varese, Johanna Padana a la descovèrta de le Americhe

Lunedì 9 marzo alle 21.00 allo Spazio Scopri Coop lo spettacolo con Marina de Juli

09 marzo 2015
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
marina de juli

L‘adattamento al femminile della famosissima opera teatrale di Dario Fo. Un evento eccezionale che vedrà una rappresentazione teatrale all’interno di un super mercato. Ingresso gratuito.

JOHANNA PADANA CON MARINA DE JULI

“Quando Dario Fo mi ha proposto di elaborare al femminile il suo famoso Johan Padan, – afferma Marina de Juli –  mi sono entusiasmata.  Ad essere sincera, mettere mano in un testo d’autore, modificarlo, mantenendo al tempo stesso il suo linguaggio, un insieme di dialetti re-inventati per creare una lingua franca, mi ha anche un po’ spaventata. Poi, mi sono fatta coraggio e ho detto: proviamo! Johanna non è un’eroina ma una donna qualunque nata tra le valli bergamasche, cresciuta in una famiglia ricca solo di figlie, diventata novizia per fame, fuggita dalle grinfie dei Lanzichenecchi e sbarcata a Venezia. Qui incontra l’amore, la passione ma anche l’Inquisizione e si rende conto che la sua condizione di donna in quell’epoca, all’inizio del XVI secolo, è perdente. E allora, si traveste da uomo e si imbarca, prima verso Siviglia, poi su una nave di Cristoforo Colombo, verso il nuovo mondo e, eroe o eroina suo malgrado, con la sua visione e sensibilità femminile, diventa cronista della colonizzazione. In un monologo comico, grottesco e a volte drammatico, si racconta la storia di un popolo indios vincente, che riesce, attraverso la propria intelligenza e fantasia, a resistere alla spietata invasione spagnola. La storia di Johanna è quella di un viaggio attraverso culture, popoli, territori tra gente qualunque che forse alla storia ufficiale non interessa ma che fa la Storia.”

Lo spettacolo si svolgerà all’interno del supermercato.

Ingresso gratuito

Tag:

Leggi anche:

  • Addio a Dario Fo: l’artista varesino è morto all’età di 90 anni

    Nato a Sangiano, nel Varesotto, nella primavera di 90 anni fa, Dario Fo vanta un premio Nobel per la Letteratura e un’impressionante serie di lavori soprattutto nell’ambito del teatro (la “giullarata” dal titolo “Mistero Buffo” è senz’altro il suo
  • Dario Fo “snobba” il Premio Chiara

    La partenza, però, deve fare i conti con un “gran rifiuto”: gli organizzatori hanno infatti contattato Dario Fo per conferirgli l’onorificenza alla carriera. Non c’è ovviamente ragione di specificare le motivazioni, visti gli straordinari successi conseguiti a livello
  • Busto Arsizio, «…Per ora rimando il suicidio»

    Il titolo «…Per ora rimando il suicidio» si ispira a una frase di una canzone di Giorgio Gaber. Ed è l’augurio che in questa Italia ormai alla malora si voglia rimandare qualsiasi proposito di suicidio per ascoltare le storie di autori come Dario Fo, Enzo Jannacci e Giorgio Gaber. In scena
  • Varese, i giovedì di Bruno Belli

    Dopo lo sguardo agli “stranieri” che hanno cantato l’Italia, si torna “a casa nostra”, con i “poeti della rivolta”, tra i quali si trovano gli stessi Carducci (eh sì!) e Pascoli, accanto a nomi in parte noti (Lorenzo Stecchetti, Ferdinando Fontana, Antonio Ghislanzoni, Severino