Varese, il sindaco e Forza Italia compatti nel difendere l’assessore Stefano Clerici dalla “sfiducia”

Il primo cittadino e il coordinatore di Fi chiedono il voto a favore dell’esponente di giunta. La seduta si svolgerà il 18 settembre

05 Set 2014
Guarda anche: AperturaVarese Città
Partiti

La maggioranza dovrebbe essere compatta nel “bocciare” la mozione di sfiducia contro l’assessore Stefano Clerici. La richiesta di ritirare le deleghe all’esponente di Forza Italia, a seguito delle sue critiche contro le volontarie rapite in Siria, andrà in discussione il 18 settembre in consiglio comunale, in seduta segreta.

La richiesta era stata presentata dai consiglieri comunali dell’opposizione. I firmatari sono Fabrizio Mirabelli (Pd), Alessio Nicoletti (Movimento Libero), Rocco Cordì (Sel) e Luciano Ronca (Varese&Luisa).
Tuttavia, il centrodestra non intende appoggiarla e fa quadrato attorno all’assessore.

Il coordinatore cittadino di Forza Italia Roberto Puricelli, che come presidente del consiglio comunale ha dovuto inserire all’ordine del giorno la mozione, difende Clerici.
“Hanno chiesto il ritiro delle deleghe, è un loro diritto farlo – dice – ma spetta poi al sindaco la decisione. In ogni caso noi voteremo contro la mozione.
Riguardo le dichiarazioni di Clerici, ho già detto che i toni sono stati sbagliati, mentre sul contenuto se ne può discutere, dal momento che è un’opinione. Sono convinto che non si possa chiedere la rimozione di un assessore sulla base delle sue opinioni, mentre per quanto riguarda il lavoro svolto come assessore è positivo ed ha la mia piena fiducia, non ci sono problemi”.

Quindi Puricelli ritiene che tutta la maggioranza voterà contro la mozione, mentre il sindaco, per via della sua carica, “potrebbe astenersi”. Ieri si è svolta una riunione di maggioranza, e a seguire la direzione provinciale di Forza Italia, dove tra gli argomento c’era anche quello sulla sfiducia all’assessore.
Il sindaco Attilio Fontana ha chiesto ai suoi consiglieri di fare quadrato attorno all’assessore, ben sapendo che se la maggioranza non si presenterà compatta sarà un pessimo segnale per la città.
Il timore del centrodestra è quello che se anche la mozione venisse respinta, ma non con tutti i voti della maggioranza contrarie, sarebbe un segnale di debolezza. E il Pd avrebbe gioco facile a cominciare la campagna elettorale attaccando una maggioranza che non esiste più.

Tag:

Leggi anche:

  • Anziani a rischio caduta ad Avigno, la Lega lancia l’allarme

    “Manca completamente da parte dell’Amministrazione di centrosinistra l’attenzione nei confronto dei rioni periferici. Un chiaro esempio è la situazione di via Vellone, ad Avigno, dove i residenti corrono seri rischi per la propria sicurezza a causa delle numerose buche
  • Grossi e Caleffi, dimissioni da Forza Italia

    “Nella mattinata di oggi, lunedì 26 novembre 2018, Io e Claudia Caleffi abbiamo presentato al coordinatore cittadino di Forza Italia Varese, Roberto Leonardi, le nostre dimissioni rispettivamente dai ruoli di coordinatrice e vice-coordinatrice di Forza Italia Donne Varese. Il percorso
  • Piero Galparoli entra in consiglio comunale

      In seguito alle dimissioni dal consiglio comunale di Carlotta Calemme, a prendere il suo posto sarà Piero Galparoli. > Varese, Carlotta Calemme si dimette dal consiglio comunale La presentazione del nuovo consigliere comunale, che entra a palazzo Estense per la lista di Forza Italia,
  • Varese, Carlotta Calemme si dimette dal consiglio comunale

    La lettera di dimissioni è arrivata sulla scrivania del sindaco nella mattinata di mercoledì 14 novembre. Carlotta Calemme, la più giovane eletta a Varese nelle passate elezioni, annuncia il suo addio alla politica della città. La spiegazione di questa decisione è stata scritta in una lungo