Varese, il pianista Marco Cadario chiude la XXXIV rassegna “Antichi Organi Patrimonio d’Europa”

Nella chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano, a Luvinate, ultima concerto del ciclo di concerti che hanno valorizzato il patrimonio del territorio

28 settembre 2014
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
Cadario

Con il concerto di questa sera, 28 settembre alle 21 (ingresso libero) termina la XXXIV rassegna “Antichi Organi Patrimonio d’Europa”, noto ciclo di concerti tenuti con gli organi storici della provincia di Varese.
Sarà Marco Cadario, nella Chiesa dei SS. Ippolito e Cassiano, a porre in rilievo le ottime caratteristiche foniche dell’organo (costruito da Pietro Bernasconi nel 1880 e restaurato dalla Famiglia Mascioni di Azzio nel 2000) attraverso autori che rappresentano il repertorio italiano dal XVII al XIX secolo: Fumagalli, Scarlati Paradisi, Galuppi, Morandi, Padre Davide da Bergamo ed i membri della famiglia Fumagalli.

Allievo al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, Marco Cadario a diciannove anni si è diplomato in pianoforte nella classe di Alberto Colombo. Ha seguito Corsi e Seminari Internazionali di Perfezionamento pianistico tenuti da Balzani, Iwasaki, Ciccolini, Ashkenazy e Perticaroli. Si è diplomato in “Fortepiano e pianoforte romantico” presso l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola “Incontri col Maestro”, sotto la guida di Fiuzzi, conducendo, nel frattempo, ricerche teorico-pratiche su autori italiani del XIX secolo universalmente conosciuti come compositori di musica per “organo italiano” ed in particolare su Padre Davide da Bergamo.

Come pianista e fortepianista ha collaborato con il soprano Barbara Frittoli, con il trombettista Gabriele Cassone e con le prime parti delle più importanti orchestre del mondo tra cui Fabrizio Meloni (Teatro alla Scala), Massimo La Rosa (The Cleveland Orchestra), Steve Rosse (The Sydney Symphony Orchestra), Joseph Alessi (The New York Philharmonic Orchestra).
Pianista di grande sensibilità e temperamento, si è esibito in numerosi concerti Europa e Stati Uniti, dove, nell’ottobre 2013, per la terza tournée, si è esibito sul grande organo Ruffatti 1971 della St. Mary Cathedral in San Francisco.
Infine, parallelamente all’attività concertistica, si dedica alla ricerca, al restauro e alla collezione di strumenti storici a tastiera altrimenti destinati a scomparire.

Bruno Belli

Tag:

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione