Varese: i profili degli assessori e i subentrati in Consiglio Comunale

Quattro new entry tra i consiglieri al posto dei membri della Giunta

04 luglio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese Città
comune varese palazzo estense

Il dado è tratto: Davide Galimberti ha scelto i componenti della prima Giunta di centrosinistra da settant’anni a questa parte, che si appresta a guidare Varese per il prossimo quinquennio.

L’avvocato quarantenne, membro del Partito democratico, sceglie come suo vice Daniele Zanzi, imprenditore agronomo che proprio oggi compie 63 anni: fondatore e leader del movimento civico Varese 2.0, nelle cui fila è stato di gran lunga il più votato, la sua nomina lascia spazio in Consiglio Comunale a Valerio Crugnola, professore liceale in pensione.

Dino De Simone ha condiviso con Zanzi, Galimberti e l’onorevole Daniele Marantelli la sfida alle primarie di dicembre: intorno a lui si è formato Progetto Concittadino, parte essenziale della coalizione, e l’ex presidente di Legambiente Varese – in passato già consigliere comunale con i DS – diventa dunque il nuovo assessore ad ambiente, benessere e sport. Al suo posto, in Consiglio Comunale entra il professor Enzo Rosario Laforgia, docente di storia.

Tre membri della Giunta provengono dal Pd: Andrea Civati, avvocato di trent’anni, avrà la responsabilità di pianificazione territoriale e opere pubbliche. Reduce da un mandato come consigliere comunale d’opposizione in cui si è occupato proprio di urbanistica, è stato capolista per il Pd nell’ultima tornata risultando tra i più votati.
Rossella Di Maggio, anch’essa eletta in Consiglio nelle fila democratiche e segretaria di uno dei quattro circoli cittadini del Pd, è invece il nuovo assessore ai servizi educativi: queste due nomine permettono al giovane Alessandro Pepe e a Giuseppe Pullara di sbarcare in Consiglio Comunale.
Roberto Molinari, nuovo responsabile dei servizi sociali, è stato per cinque anni segretario cittadino dei Democratici e consigliere comunale sino al 2011: a giugno non era tra i candidati, sebbene sia stato tra i principali sostenitori della candidatura di Davide Galimberti.

La nomina di Francesca Strazzi, imprenditrice di 36 anni e “miss preferenza” della Lista Galimberti, all’assessorato alla partecipazione e politiche giovanili, permette a Gaetano Iannini di subentrarle in Consiglio Comunale.

In attesa della designazione del responsabile delle attività produttive, i restanti due assessori sono invece esterni e dunque le rispettive nomine non portano a nuove sostituzioni per il Consiglio. Roberto Cecchi, assessore alla cultura, ha un profilo di carattere nazionale, avendo diretto per diversi anni il Ministero della Cultura di cui è stato anche sottosegretario all’epoca del governo Monti: attualmente è consigliere del Fai, nonché uno dei principali artefici del restauro del Colosseo da parte della famiglia Della Valle.
Infine, Cristina Buzzetti, titolare delle risorse e dunque del bilancio, è una commercialista di 49 anni piuttosto conosciuta in città.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Finalmente la Lista Galimberti mostra di “esistere”

    “Un comunicato di “condanna” nei confronti di uno dei 4 eletti.  Come si possa tentare di espellere un consigliere da una lista civica che non ha mai avuto uno statuto e’ ancora da capire e sara’ Gaetano Iannini a decidere cosa fare.  Posso solo dire che mi stupisce il
  • Marsico commenta la vicenda Lista Galimberti e espulsione Gaetano Iannini

    “Le dimissioni di Mauro Gregori, che fanno seguito a quelle di qualche tempo fa di Andrea Bortoluzzi e la recente denuncia pubblica del consigliere Gaetano Iannini, forniscono un quadro preoccupante rispetto alle dinamiche che hanno portato, poco più di un anno fa, alla vittoria della
  • Gaetano Nannini fuori dalla Lista Galimberti

    La Lista Davide Galimberti risponde pubblicamente alle dichiarazioni rilasciate nelle ultime ore dal conigliere comunale Gaetano Iannini, successivamente espulso dall’organigramma. L’ennesima intervista rilasciata in data odierna dal Consigliere Gaetano Iannini rende necessaria una risposta e
  • Giunta Galimberti, assalto scomposto alla diligenza

    Riceviamo e pubblichiamo “I tempi ferragostani, indurrebbero alla calma, alla pacatezza alla futilità vacanziera. Ma in questi giorni il tutti contro tutti nella politica cittadina ha avuto la meglio, dando l’impressione, che più che svolgere una seria analisi politica del percorso