Varese: ecco la giunta Galimberti. Zanzi vicesindaco

Andrea Civati al superassessorato urbanistica-lavori pubblici. Ancora da definire il responsabile delle attività produttive

04 luglio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese Città
galimberti

Cinque uomini, tre donne, un punto interrogativo da sciogliere nei prossimi giorni: una forte componente civica, interna ed esterna alla coalizione, ma anche tre ruoli-chiave assegnati ad esponenti di spicco del Partito democratico. Questo è lo schema della giunta Galimberti, presentata oggi pomeriggio a Palazzo Estense, quindici giorni dopo la vittoria elettorale al ballottaggio e dunque solamente con poche ore di ritardo sulla tabella di marcia.

Il primo cittadino mantiene, come ampiamente preannunciato, le deleghe a sicurezza, legalità ed efficienza.

Vicesindaco con delega all’attuazione del programma e alla Polizia Locale è Daniele Zanzi, leader del Movimento Civico Varese 2.0; a Dino De Simone, fondatore del Progetto Concittadino, vanno invece le responsabilità di ambiente, benessere e sport.

Tre esponenti del Partito democratico entrano in Giunta: il capolista Andrea Civati diventa assessore alla pianificazione territoriale, programmazione e realizzazione delle opere pubbliche; l’ex segretario cittadino Roberto Molinari, tra i registi della candidatura di Galimberti, ai servizi sociali; la maestra Rossella Di Maggio è invece il nuovo assessore ai servizi educativi. In quota Lista Davide Galimberti il nome del nuovo assessore alle politiche giovanili e alla partecipazione, ovvero Francesca Strazzi.

Esterni alla coalizione di centrosinistra, invece, i restanti nomi: su tutti spicca quello di Roberto Cecchi alla cultura, già sottosegretario di Stato ai Beni Culturali (Ministero di cui è stato direttore generale) nonché consigliere d’amministrazione del Fondo Ambiente Italiano: a Varese, in passato, si è occupato del restauro del chiostro di Sant’Antonino, in corso Matteotti. Completa la squadra il nuovo assessore alle risorse Cristina Buzzetti: resta ancora sguarnita, a causa dell’indisponibilità della persona designata, la delega ad attività produttive e semplificazione, al momento mantenuta dal primo cittadino.

Esclusa eccellente Luisa Oprandi, candidata sindaca cinque anni fa nonché record di preferenze (781) nell’ultima tornata elettorale, che su Facebook commenta: “Sono stata eletta per fare la consigliera comunale e quello farò, perché fare politica significa stare con dignità ai ruoli assegnati”.

 

Tag:

Leggi anche:

  • 73° anniversario della Liberazione, consegna del Premio scolastico “XXV Aprile 1945”

    Con la cerimonia di consegna del Premio scolastico “XXV Aprile 1945” organizzata dal Comune di Varese si sono aperte questa mattina le celebrazioni per il 73° anniversario della Liberazione. Oltre 500 persone tra bambini e genitori hanno partecipato all’evento che si è svolto
  • L’architetto Daniel Libeskind mercoledì 18 aprile a Varese

    L’architetto Daniel Libeskind sarà a Varese domani, mercoledì 18 aprile 2018. La grande firma internazionale del mondo dell’architettura e del design visiterà diversi punti significativi della nostra città, tra i quali la zona delle stazioni su cui l’amministrazione sta portando avanti
  • Area Ex Enel, il cantiere pronto per partire

    L’ex palazzina dell’Enel tornerà nuovamente a splendere: questa la decisione arrivata in via definitiva dalla Giunta Galimberti che promette per il prossimi anni un progetto di completo restyling per la palazzina dismessa che sorge tra largo IV Novembre e viale Belforte. “Siamo molto
  • Il comune interviene sul caso del Centro Studi Preistorici e Archeologici

    “Nessuna penalizzazione del Centro Studi Preistorici e Archeologici ma una riorganizzazione degli spazi e delle funzioni”. Così l’assessore alla Cultura e Turismo Roberto Cecchi che spiega: “Domani in occasione della Commissione Cultura daremo tutti i dettagli del caso”. Sarà