Varese: furto all’Oviesse, ivoriano nei guai

La Polizia rintraccia un 22enne che aveva trafugato diversi capi di vestiario

05 luglio 2016
Guarda anche: Varese
Polizia 3

 

Nel pomeriggio di ieri 4 luglio gli agenti delle Volanti hanno arrestato un giovane ivoriano per rapina ai danni di un esercizio commerciale del centro.

Alle ore 13.25 i poliziotti sono intervenuti nella centralissima piazza Monte Grappa, dove è stato segnalato un furto all’interno dell’esercizio commerciale “Oviesse”.

Sul posto gli agenti, contattato il personale di vigilanza del negozio, sono riusciti a risalire alla descrizione di tre giovani di colore che, poco prima, si erano resi responsabili del furto di alcuni capi di vestiario.

L’addetto alla sicurezza, infatti, all’attivazione della barriera antitaccheggio in uscita dal negozio, ha invitato  i tre a fermarsi per effettuare un controllo ma è stato aggredito e violentemente spintonato da uno di essi, il quale si è dato successivamente alla fuga insieme all’altro giovane, mentre il terzo soggetto ha desistito ed ha riconsegnato alcune magliette trafugate poc’anzi.

Gli agenti si sono posti quindi alla ricerca dei due fuggitivi, uno dei quali è stato rintracciato poco dopo da una pattuglia della Polizia Ferroviaria che, insospettita dalla fuga precipitosa del giovane per le vie del centro e avendo notizia dell’avvenuto furto, è riuscita a fermarlo e a trattenerlo fino all’arrivo dell’equipaggio della Volante che lo ha arrestato.

Il giovane ivoriano, identificato per D.E. di anni 22, titolare di permesso di soggiorno, in corso di validità, con diversi precedenti di polizia, indossava ben 4 magliette, a cui aveva tolto la placca antitaccheggio.

In accordo con il Sostituto Procuratore della Repubblica dott. Luca Petrucci, poiché il comportamento di quel giovane ha trasformato il reato di furto in rapina impropria e in considerazione dei numerosi precedenti di polizia per gli stessi reati, D.E. è stato tratto in arresto e condotto alla locale casa circondariale  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Uno dei due stranieri è riuscito a far perdere le proprie tracce mentre l’altro, che ha ottemperato all’invito di fermarsi da parte del vigilante, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di furto.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare