Varese, CasaPound protesta contro la Prefettura per la cittadinanza alla donna indiana

Uno striscione con la scritta ''Tu chiamala se vuoi... integrazione'' è stato affisso dai militanti del movimento vicino a Villa Recalcati. Bardelli: ''Sbagliato dare la cittadinanza a chi non conosce la nostra lingua''

12 marzo 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Foto protesta

Il conferimento della cittadinanza a Rani Pushpa, la donna indiana di Cairate alla quale il sindaco leghista Paolo Mazzucchelli si era rifiutato di far giurare, perché non conoscerebbe bene l’italiano, continua a far discutere. Questa volta a dire la loro sono i militanti varesini di CasaPound, con un’azione di protesta contro la decisione del Prefetto di concedere la cittadinanza.

“Tu chiamala se vuoi… integrazione” è quanto si legge sullo striscione affisso vicino alla Prefettura.

“La cittadinanza italiana – spiega il responsabile di Cpi Varese, Gabriele Bardelli – è stata ridotta a una mera questione burocratica, in cui non importa se sei integrato o integrabile, perché non ti viene richiesto nemmeno di sapere l’italiano, figurarsi di conoscere la nostra storia e la nostra cultura”.

“Inoltre, nel centenario della Grande Guerra, regalare la cittadinanza italiana per pura semplificazione amministrativa è offensivo – conclude Bardelli – nei confronti di coloro i quali, scelsero di immolarsi, per poter morire da italiani”.

Tag:

Leggi anche:

  • Referendum, CasaPound: “Solo un enorme spreco di soldi pubblici”

    “Il Referendum del 22 ottobre prossimo altro non è che una mossa politica in vista delle prossime elezioni regionali”. Così CasaPound Italia interviene in merito al referendum che vedrà coinvolti Veneto e Lombardia. “Partendo da un presupposto completamente sbagliato, quello della
  • Giornata mondiale del Migrante, CasaPound dice la sua

    “Bergoglio: facile fare lo Ius col Soli degli altri”. Questo il testo a firma CasaPound degli striscioni affissi in oltre cento città italiane contro l’ultima presa di posizione del Papa sull’immigrazione, contenuta nel messaggio per la Giornata mondiale del Migrante e del
  • A Ponte Tresa dicono no all’aumento delle tariffe dei parcheggi

    Locandine di protesta e una raccolta di firme per dire no all’aumento della tariffa di sosta al parcheggio di Piazza Mercato, raddoppiata dal 3 gennaio. CasaPound Italia Varese si mobilita contro l’aumento dei costi che danneggia soprattutto i frontalieri. “I frontalieri di
  • Acca Larenzia: CasaPound, striscioni per i martiri e marcia silenziosa contro l’odio antifascista

    “7 gennaio: onore ai martiri di Acca Larenzia”. Questo lo striscione a firma CasaPound Italia affisso in oltre cento città italiane per ricordare Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta, Stefano Recchioni e tutte le vittime dell’odio antifascista in vista del 39esimo anniversario