Varese “capitale” dell’orgoglio gay. FOTO

Dopo 15 anni di assenza riapre l'Arcigay a Varese

07 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1454844114515

Non solo il 18 giugno Varese ospiterà il primo Gay Pride nella storia della città. Ma dopo 15 anni di assenza riaprirà anche l’Arcigay. La Città Giardino diventa “capitale” dell’orgoglio gay. Il terreno per i diritti civili è ormai pronto anche a Varese, che si sta dimostrando molto più aperta e progressista di come nella mentalità comune viene dipinta.

La presentazione ufficiale del Varese Pride ha avuto luogo al Salotto di viale Belforte ieri sera alle 22.

“Abbiamo chiesto il patrocinio a Provincia e Comune di Varese” ha spiegato Giovanni Boschini di Insubria Lgbt, l’associazione che ha promosso l’idea. E quindi l’annuncio della riapertura dell’Arcigay: “Ho preso accordi oggi con il segretario nazionale di Arcigay, Gabriele Piazzoni”. 

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta