Varese Cambia Luce, a gennaio oltre 1500 lampioni riqualificati

Proseguono gli incontri di quartiere: domani a Bizzozero e giovedì alle Bustecche

04 Febbraio 2019
Guarda anche: Comune di Varese

Oltre 1500 lampioni già sostituiti solo nel mese di gennaio e i lavori proseguiranno fino a fine febbraio nelle zone di Capolago, Calcinate del Pesce, Lissago, Schiranna e Bobbiate, Bustecche, Bizzozero e Giubiano. Poi Varese Cambia Luce, l’intervento di riqualificazione dell’illuminazione pubblica, si sposterà nel resto della città non ancora interessato dai lavori. Oggi le tre squadre stanno procedendo con i lavori in viale Borri e sul tratto varesino della SP1.  

Domani sera ripartono anche gli incontri di quartiere con l’appuntamento a Bizzozero in programma martedì 5 febbraio, alle ore 21.00, all’Oratorio della Parrocchia S. Evasio e Stefano in piazza S. Evasio 5 a Varese. Mentre il 7 febbraio sarà la volta del quartiere delle Bustecche e l’incontro si svolgerà alle ore 21.00 nello Spazio Yak di piazza De Salvo 6.

Dopo gli appuntamenti a Capolago, Bobbiate, Calcinate del Pesce e Lissago proseguono dunque gli incontri per condividere con i cittadini e i residenti dei quartieri l’intero progetto, gli obiettivi, i risultati che si raggiungeranno in materia di sicurezza, illuminazione, efficienza, consumi, risparmi e miglioramento della qualità ambientale della nostra città. Durante gli eventi di Varese Cambia Luce i cittadini potranno fare proposte, suggerimenti e conosceranno da vicino le specifiche dei lavori e la tecnologia utilizzata. 

Dopo febbraio l’intervento si sposterà nel resto della città e verranno organizzati, e comunicate, le date dei prossimi incontri nei quartiere coinvolti. Da pochi giorni è online anche il nuovo sito di Varese Cambia Luce attraverso il quale è possibile seguire lo stato di avanzamento dei lavori e fare segnalazioni: https://varese.cambialuce.com/

 

L’intervento Varese Cambia Luce:
È partito il 13 novembre 2018 uno dei più grandi interventi per la modernizzazione della città che vedrà la sostituzione di tutti gli 11000 corpi illuminanti e lampioni di Varese oltre alla realizzazione di alcuni nuovi punti luce in aree oggi non coperte dalla rete. I nuovi impianti con tecnologia di illuminazione a led, ovvero punti luce altamente efficienti, consentiranno al termine dell’intervento un risparmio di energia per la città di circa il 70% rispetto ad oggi, ottenendo inoltre il grande risultato di  superare finalmente i cronici problemi legati ad impianti ormai vecchissimi, risalenti agli anni ’60 e ‘70.

È stata avviata anche una campagna di partecipazione che attraverserà tutti i quartieri della città con l’obiettivo di coinvolgere attivamente i cittadini che potranno ricevere informazioni dettagliate sull’intervento, fare proposte e condividere l’intero progetto, gli obiettivi e i risultati che Varese raggiungerà in materia di sicurezza, illuminazione, efficienza, consumi, risparmi e miglioramento della qualità ambientale della nostra città.

Smart city, più sicurezza, più illuminazione, risparmio energetico ed economico, riduzione dell’inquinamento e miglioramento tecnologico, sono questi i principali obiettivi di “Varese Cambia Luce”. Il grande progetto prevede anche un miglioramento estetico dei pali della luce perché ne verranno sostituiti oltre 3000, oltre a quasi 1000 mensole da parete. Verranno inoltre rifatti oltre 23 chilometri di linee aeree, oltre 200 quadri elettrici di comando, 11 chilometri di  linee interrate e ne verranno posate 6 chilometri di nuove. Diciotto mesi di lavori dunque per dare un nuovo volto alla città e una nuova luce a strade e quartieri per una città più sicura, moderna ed ecologica.

Sono circa 4 milioni i kWh che Varese risparmierà al termine dei lavori con un grande beneficio in termini ambientali e di costi: circa il 67% in meno rispetto ad oggi. Per ogni quartiere il risparmio in kWh andrà tra il 60 e il 70% di consumi in meno.

Ma Varese Cambia Luce vuol dire anche la realizzazione di una vera Smart City. Grazie alla tecnologia che verrà installata in questi mesi infatti la città verrà dotata di nuovi sistemi di telecontrollo che consentiranno al gestore di poter controllare l’intera rete in ogni momento, gestendo accensioni e riparazioni tramite una rete wireless che collegherà l’intero sistema. Verrà potenziata anche la comunicazione con il cittadino grazie a nuove app e un sistema di segnalazione di guasti tramite anche l’utilizzo del qr code. Verranno installate inoltre delle centraline meteorologiche per la rilevazione dei dati ambientali e nuove colonnine di ricarica delle auto elettriche. Grazie poi ad un sistema di analisi e statistica si potrà monitorare i flussi della mobilità pedonale del centro storico ricevendo dati utili per la gestione del sistema. Insomma una rivoluzione che oltre a dare nuova luce alla città e ai quartieri di Varese trasporterà la città nell’innovazione tecnologica.

Tag:

Leggi anche:

  • Sport Bonus, Varese cambia con il contributo di tutti

    La palestra di via XXV aprile da aggiungere alla Falaschi di Valle Olona e all’impianto della Canottieri alla Schiranna. Tre strutture unite tra loro dal filo rosso dello “Sport Bonus”, l’incentivo fiscale che permette di ottenere importanti crediti di imposta a quanti fanno
  • Guttuso a Varese celebra Francesco Pellin

    Una serata per commemorare Francesco Pellin. A dieci anni dalla sua scomparsa il collezionista varesino verrà ricordato assieme ai quadri del suo Renato Guttuso, all’interno della mostra ora allestita a Villa Mirabello. Appuntamento venerdì, 28 giugno, alle ore 18.00. A ricordare Pellin
  • Night Raw Circuit, le modifiche alla viabilità

    Torna domani sera, nelle vie attorno ai Giardini Estensi, il “Trofeo internazionale città di Varese – Night raw circuit”, manifestazione ciclistica giunta alla sua quarta edizione. Un evento che coinvolgerà molteplici atleti e che comporterà alcune modifiche temporanee alla
  • Il Rotary Club omaggia Antonio Parma con una targa

    Lunedì 24 giugno si è svolta l’inaugurazione ufficiale della targa che il Rotary Club ha voluto dedicare alla memoria dell’industriale saronnese Antonio Parma (1854-1922). L’appuntamento ha fatto parte di un progetto più ampio del Rotary Club Saronno di apposizione di targhe