Università dell’Insubria: il CdL in Scienze Motorie da Saronno a Varese

Già dall'autunno il corso di laurea sarà integralmente al campus di Bizzozero

13 giugno 2016
Guarda anche: SaronnoSportVarese
jogging corsa cammin

jogging corsa cammin

Il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria, Alberto Coen Porisini, il Sindaco di Saronno, Alessandro Fagioli, e l’Assessore all’Istruzione, Cultura e Pari Opportunità, Lucia Castelli, si sono incontrati giovedì 9 giugno, per parlare dell’imminente trasferimento di tutte le attività del Corso di Laurea triennale in Scienze Motorie dell’Università degli Studi dell’Insubria da Saronno a Varese.

«Si tratta del completamento di un percorso avviato da tempo – spiega il professor Alberto Coen Porisini – e legato allo sviluppo dell’Università degli Studi dell’Insubria nella sede del Campus di Bizzozero a Varese. Con l’apertura del Palazzetto dello Sport e degli impianti sportivi all’aperto, avvenuta nel settembre del 2015, le matricole del Corso di Laurea in Scienze Motorie hanno cominciato le loro attività didattiche a Varese, nel Campus.  Da ottobre 2016 anche gli iscritti agli anni successivi al primo si sposteranno dalla sede di Piazza Santuario a Saronno al Campus a Varese. Si tratta di una decisione presa da tempo e adesso giunta alla fase di attuazione conclusiva: il Campus è di importanza strategica per lo sviluppo dell’Ateneo, è lì che si trasferiranno tutte le funzioni attualmente distribuite altrove, come ad esempio il rettorato, adesso ubicato in via Ravasi. Ringraziamo Saronno per l’ospitalità che ci ha offerto in questi anni, e senz’altro non mancheranno occasioni future per collaborare su progetti comuni».

«Nel pomeriggio di giovedì 9 giugno ho incontrato a Varese, con l’Assessore Castelli, il Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria per discutere dell’intenzione dell’Ateneo di abbandonare la sede di Saronno – precisa il Sindaco Alessandro Fagioli – durante l’incontro il Rettore ha evidenziato che non si tratta di una decisione assunta nei giorni scorsi ma l’attuazione di un programma maturato nel tempo da quando, diversi anni fa, l’Università ha avviato il percorso di costituire a Varese, a Bizzozero, il Campus Universitario.

In questi anni l’Ateneo ha realizzato importanti investimenti comprendenti strutture per la didattica, per l’accoglienza degli studenti e la pratica delle attività sportive, di conseguenza ha ora ritenuto necessario avviare il percorso di far convergere all’interno del Campus le attività didattiche inizialmente distribuite sul territorio con il duplice scopo di utilizzare le nuove strutture realizzate e di efficientare le attività dell’Ateneo.

Si tratta dunque di una scelta che il Comune di Saronno deve suo malgrado accettare  non potendo in alcun modo intervenire all’interno delle decisioni a suo tempo assunte dall’ Università dell’Insubria.   E’ un dispiacere assistere a questo percorso in quanto avere una sede Universitaria di tale prestigio a Saronno  è un valore aggiunto ma bisogna comprendere le esigenze organizzative e gestionali dell’Ateneo. L’Amministrazione Comunale è già all’opera per identificare idonee soluzioni atte a rioccupare gli spazi »

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti