L’Insubria “laurea” 92 nuovi social media manager

Si è concluso con successo il corso di alta formazione nell’ambito di Scienze della comunicazione. Si pensa già alla terza edizione

12 Giugno 2019
Guarda anche: AttualitàVarese Città

Sono 92 i nuovi social media manager che hanno concluso con successo la seconda edizione del corso di alta formazione proposto dall’Università dell’Insubria con il Patrocinio della Consigliera di Parità di Varese e della Fondazione Comunitaria del Varesotto. Hanno partecipato giornalisti, pubblicitari, avvocati, educatori, professionisti di ambiti diversi e studenti dell’Insubria che hanno deciso di approfondire questo aspetto della comunicazione ormai indispensabile per qualsiasi strategia di marketing che voglia essere efficace.

Soddisfatta la responsabile scientifica Alessandra Vicentini: «Sono particolarmente contenta dell’andamento del corso, che si è dimostrato utile per professionisti e studenti interessati ad acquisire le competenze necessarie alla formazione di una figura professionale sempre più necessaria sia nel mondo aziendale, sia istituzionale. Pensiamo, proprio per questa ragione, diproporre una terza edizione con moduli formativi nuovi e innovativi».

E Giulio Facchetti, presidente del corso di laurea in Scienze della comunicazione: «Il corso si colloca nell’ambito di un’offerta formativa complementare a quella degli insegnamenti diScienze della comunicazione, che sono sempre più mirati a fornire, oltre a una solida base culturale, anche competenze specifiche per il mondo del lavoro. Iniziative di questo genere arricchiscono la nostra offerta, attenta a cogliere i suggerimenti nell’ambito del mondo accademico e del mercato lavorativo».

Coordinatore didattico del corso è stato Franz Foti, docente dell’Insubria, che commenta: «Questa seconda edizione è stata un successo di partecipazione. C’è stato un incremento di iscritti del 30% e una presenza di donne pari al 70%. È un segnale molto importante per la componente femminile che recupera molte posizioni nell’ambito delle competenze delle nuove tecnologie dell’informazione. Altrettanto significativo è il dato riguardante la qualità del programma formativo. Il 71% dei 92 partecipanti si è dichiarato molto soddisfatto o soddisfatto».

Docenti di questa edizione sono stati: Alessandra Vicentini e Paola Biavaschi dell’Insubria,Christian Contardi, Alessandra Bacci e Gianluigi Bonanomi. Le lezioni frontali si sono tenute nella sede varesina dell’Insubria in via Monte Generoso in videoconferenza con Como. Tra gli argomenti trattati: scrivere per il web, digital web marketing, business communication, piattaforme social media, strategia social per un brand, social network e comunicazione del brand, social advertising, lingua inglese per Facebook e il social networking, diritto dell’informazione e nuove tecnologie, tutela della privacy.

Tag:

Leggi anche:

  • Nuovo corso all’Insubria “Lavorare in tv”

     «Lavorare in Tv: addetto alla produzione, responsabile casting, redattore, autore televisivo»: quello che è un sogno per molti all’Università dell’Insubria si può realizzare grazie a un nuovo corso di alta formazione tenuto da Depsa, autore di programmi televisivi molto
  • Insubria negli Usa per studiare la postura degli atleti

    Si chiama «Gait Analysis» ed è un metodo di studio dei movimenti corporei e delle posture coordinato da Andrea Moriondo, professore di Fisiologia all’Università dell’Insubria. Il progetto in questi anni ha fatto grandi passi in avanti: dai primi dati raccolti a Luino nel giugno
  • All’insubria Medicina È Sempre Più Appealing

    Raggiunto il traguardo della chiusura delle iscrizioni al test di Medicina e chirurgia, l’Insubria registra un deciso incremento degli iscritti: +24% con 656 iscritti rispetto ai 529 del 2017. Dato in controtendenza con il dato nazionale, che vede un aumento del 3% (da 66907 nel 2017 a
  • Biologia e Biotecnologia a porte aperte il 18 luglio

    Secondo le recenti stime, la bioeconomia in Italia rappresenta un valore pari al 10% dell’economia nazionale, con la Lombardia come punto di riferimento. In questo contesto Varese e Canton Ticino rappresentano un importante distretto biotecnologico e offrono valide opportunità