Univa: dimissioni possibili con un click

Sperimentazione dell'Unione industriali: anche per le risoluzioni consensuali basterà uno smartphone

12 marzo 2016
Guarda anche: EconomiaLavoro
Lavoro

Da domani per dipendenti e imprese separarsi consensualmente rischierà di essere più difficile. Sabato 12 marzo entrano, infatti, in vigore le nuove regole volute da un recente Decreto del Governo riguardo alle modalità di comunicazione delle dimissioni e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Una procedura che diventerà più complessa, sicuramente più macchinosa nei passaggi. Da qui un accordo sperimentale, e unico nel suo genere a livello nazionale, firmato quest’oggi dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese e dall’Università degli Studi di Roma Tre, presentato alle aziende del territorio durante un convegno tenutosi a Gallarate. Obiettivo: rendere più fluido e  meno problematico il confronto tra dipendente e azienda nel momento della cessazione del rapporto per scelta del lavoratore o di comune accordo. Grazie all’intesa, nelle imprese associate all’Unione Industriali basterà un click e uno smartphone.  
Prima la richiesta del Pin all’Inps accedendo al sito www.inps.it. Poi l’accesso ad un altro portale, quello del Ministero del Lavoro (www.lavoro.gov.it), dove dovrà essere cercato, compilato e inviato un form on-line. Infine la trasmissione al datore di lavoro e alla Direzione territoriale del lavoro competente. È questa la tortuosa trafila a cui da domani dovrà sottoporsi un lavoratore dipendente che  intende licenziarsi senza appoggiarsi ad un patronato, a un’organizzazione sindacale o a un ente bilaterale. Nuove regole volute per contrastare il fenomeno delle cosiddette “dimissioni in bianco”, ma che rischiano di dar vita a procedure troppo complesse. Un problema per i lavoratori, ma anche per le imprese. Perché di fronte a troppa burocrazia c’è il rischio che l’uscita diventi problematica. Ossia che il lavoratore, di fronte a tanti passaggi, rinunci alle dimissioni formali,  non si presenti più al lavoro e punti direttamente al licenziamento. Creando un cortocircuito nelle stesse aziende. Non tanto e non solo perché su di esse rischia di essere così ribaltato il costo della cessazione del rapporto. A venir meno è anche la certezza organizzativa e la gestione del flusso di lavoro.
La soluzione pensata dall’Unione Industriali varesina e dall’Università degli Studi di Roma Tre, per uscire dall’empasse? Rendere la vita più facile a tutti. In primis al lavoratore dipendente stesso. Quelli impiegati nelle imprese associate all’Unione Industriali potranno da domani contattare, o via telefono o via email, la Commissione Certificazioni dell’Università di Roma. A quel punto la Commissione organizzerà un collegamento in videoconferenza al quale il lavoratore potrà accedere o via web o Skype. Basterà dunque un pc, uno smartphone o un tablet, e, di fronte alla fotocamera, esibire a video un documento di identità. E il gioco è fatto. Le dimissioni sono così date formalmente. Sarà poi compito dalla Commissione dell’Università romana espletare tutte le procedure necessarie richieste dalla nuova normativa.
Stessa procedura potrà essere eseguita dall’impresa e dal lavoratore in caso di risoluzione consensuale del rapporto del lavoro. Anche qui, infatti, basterà un collegamento Internet e uno smartphone (oppure un pc dotato di web cam o un tablet). E il tutto avverrà a video.

Tag:

Leggi anche:

  • Lunedì 28 agosto il raduno della Pallanuoto BPM Sport Management

    È in programma per lunedì 28 agosto il raduno ufficiale della Pallanuoto BPM Sport Management che, alle ore 10.30, si ritroverà alle Piscine Manara di Busto Arsizio per il primo allenamento stagionale (aperto ai media e al pubblico) agli ordini di mister Marco Baldineti. In questa prima fase di
  • Pallanuoto BPM Sport Management padrona di casa nel gruppo B

    Sono stati sorteggiati oggi a Novi Sad, in Serbia, i due gironi che andranno a comporre il primo turno dell’Euro Cup 2017/2018, manifestazione che vedrà impegnata anche la BPM Sport Management. Sarà proprio la formazione bustocca a ospitare dal 29 settembre all’1 ottobre, alle Piscine
  • La nazionale italiana di deltaplano vince il suo nono titolo mondiale e quinto consecutivo

    Il nuovo campione del mondo è Petr Benes, pilota della Repubblica Ceca che raccoglie il testimone dal nostro Alessandro Ploner e solo nel corso dell’ultima giornata. Infatti, Ploner ha quasi ininterrottamente tenuto la testa della graduatoria nei nove giorni di gara e il divario tra i due
  • Torna la Coppa del Mondo di Sci d’erba a Santa Caterina Valfurva

    L’adrenalina torna a salire a Santa Caterina Valfurva che, dopo le vincenti competizioni internazionali di sci alpino e sci nordico, si dimostra, ancora una volta, unica nello scenario sciistico mondiale, in estate e non solo in inverno. Infatti, dopo il grande successo della scorsa estate,