Una nuova truffa via whatsapp

Alcuni utenti hanno ricevuto un messaggio che li invitava a cliccare su un link che ha sottratto le loro informazioni personali

30 marzo 2015
Guarda anche: Varese Città
whatapp

Il messaggio ingannevole, ricevuto da alcuni utenti nei giorni scorsi, invitava a provare la nuova funzione di videochiamata. I gestori di whatsapp invitano i propri utenti a ignorare il messaggio e a non aprire il link.

Dilaga da un cellulare all’altro la nuova truffa via etere. Quando l’utente clicca sul link indicato si apre una schermata che rimanda a un sito di servizi a pagamento, in grado di sottrarre i propri dati personali al malcapitato.

Tag:

Leggi anche:

  • Eolo, allarme truffa con probabile tentativo di phishing

    In riferimento alla presenza online di concorsi e/o selezioni a premi che riportano il nome di EOLO, l’azienda precisa di non aver attivato alcuna iniziativa di questo genere. Potrebbe trattarsi di un tentativo di phishing, che EOLO ha prontamente segnalato al proprio reparto legale e denunciato
  • Il triangolo della contraffazione: da Varese, Como, Milano verso l’Argentina

    Una frode milionaria con quasi 165mila capi di abbigliamenti bloccati: questi sono i dati diffusi dalle fiamme gialle in seguito all’indagine portata a termine nei giorni scorsi, che ha coinvolto una società con sede nel capoluogo lombardo ma che lavorava anche presso le città di Como e di
  • Associazione a delinquere finalizzata alla truffa, nove persone in manette

    Sono scattate la manette per nove soggetti coinvolti in questa truffa e indagate altre 123 persone connesse direttamente alle indagini. L’accusa a cui sono seguiti gli arresti è per associazione a delinquere finalizzata alla truffa in materia di erogazioni previdenziali, bancarotta fraudolenta
  • Allarme a Busto Arsizio per falsi addetti Agesp

    A seguito delle segnalazioni pervenute da parte di diversi utenti relativamente a persone che, presentandosi come addetti AGESP – anche con segni identificativi della società (es. logo AGESP su abbigliamento o cartellino contraffatto) – si propongono presso le abitazioni private sostenendo di