Trasparenza, diritti, cittadinanza ed etica i temi al centro di TrasparEnti

Presidente Cattaneo: “Combattere la corruzione con una retta coscienza personale e il senso di appartenenza a una comunità”

13 novembre 2017
Guarda anche: Lombardia

La trasparenza, così come la lotta alla corruzione, non può essere solo affidata alla normativa e al mero aspetto formale delle leggi. La mera applicazione di procedure e di codici rischia di annientare l’esercizio della responsabilità individuale. Io credo che l’unica vera radice possibile dell’etica sia l’estetica: solo un’idea del bello che va oltre il vantaggio personale, il beneficio immediato, può fare da antidoto alla tentazione della corruzione ed essere alla base di un’educazione alla legalità”. Questo il pensiero espresso dal Presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, intervenuto questa mattina alla tavola rotonda “Il potere della cultura” insieme all’assessore regionale al WelfareGiulio Gallera e al filosofo Vittorio Alberti.
Il dibattito ha concluso una intensa mattinata di confronto e di studio nell’ambito dell’evento “TrasparEnti 2017”, organizzato da Giunta e Consiglio regionale della Lombardia in occasione della Giornata della Trasparenza. Introdotti da brani di riflessione di Papa Francesco, gli interventi della tavola rotonda hanno toccato i vari aspetti della corruzione, con particolare attenzione al ruolo delle istituzioni. “La corruzione – ha sottolineato Cattaneo – è un’abitudine al male che si può combattere grazie a una retta coscienza personale, all’educazione e al senso di appartenenza a una comunità”.

Molti i temi trattati dai vari relatori della mattinata, introdotti dal Sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia Gustavo Cioppa. Le questioni della partecipazione alle informazioni, dell’Open Government, della trasparenza negli appalti pubblici, dell’attività delle lobby, della riservatezza nel confronto Italia – Europa e del diritto all’accesso agli atti sono stati al centro degli interventi della Presidente dell’Agenzia Regionale Anti-Corruzione, Adriana Garrammone, diGiovanna Bianchi Clerici (per l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali)  Nicoletta Parisi, Consigliere ANAC e professore ordinario di Diritto Internazionale presso l’Università degli Studi di Catania e, in videoconferenza da Bruxelles, del Garante Europeo della Protezione dei dati, Giovanni Buttarelli, e Martin Ohridski (Policy Officer Trasparency & Lobbying Regulation, del Secretariat General della Commissione Ue).

La manifestazione prosegue nel pomeriggio a Palazzo Pirelli in Sala Gonfalone con la partecipazione dell’Assessore regionale Mauro Parolini e dei Consiglieri regionali Lino FossatiRiccardo De Corato e Carlo Borghetti. Interverranno anche, tra gli altri, il Difensore regionale lombardo Carlo Lio e il Presidente dell’Assemblea dei Difensori civici delle Regioni e delle Province autonome Fabrizio Di Carlo.
Nella sede di Lombardia Informatica, invece, sul tema della trasparenza degli appalti è in corso un altro tavolo di confronto introdotto dal Presidente della Commissione speciale Antimafia Gian Antonio Girelli, alla presenza di diversi rappresentanti di istituzioni forensi e giudiziarie

Tag:

Leggi anche:

  • Giornata Mondiale Ambiente, Cattaneo “in 10 anni la raccolta della plastica aumentata del 33%”

    “La sostenibilità e la custodia dell’ambiente sono gli obiettivi del millennio. Con politiche mirate e attraverso l’impegno di ciascuno dovremo invertire la rotta anche per quanto riguarda la produzione dei rifiuti e intervenire in maniera decisa per cercare di recuperare tutte
  • Lombardia su ACCAM “Nessun pregiudizio su chiusura, ma occorre ascoltare tutte le parti”

    L’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Claudia Maria Terzi, assieme a Raffaele Cattaneo, hanno ricevuto, su loro richiesta, i comitati Ecologico inceneritore ambiente Borsano, Rifiuti zero Busto Arsizio, Ecoistituto del Ticino per ascoltare il loro punto di vista
  • Trenord, quando a viaggiare sono i consiglieri

    Non bastano i presidi e le continue polemiche sollevate ogni giorno dai pendolarli che affidano ore e ore di viaggio al servizio Trenord per recarsi al lavoro; le polemiche vengono quasi sempre ignorate dalla società, ma se a lamentarsi sono i “vip” politici sembra tutta un’altra storia. La
  • Pedemontana dice NO al pedaggio gratis

    La nuova decisione va contro le ultime dichiarazioni dell’ex governatore della Lombardia Roberto Maroni, che in passato aveva promesso la totale gratuità della strada e con lui successivamente si era aggiunto anche Attilio Fontana, ora a capo della regione Lombardia, che aveva promesso questo