Smog, Fontana e Cattaneo: “ai divieti preferiamo il sistema degli incentivi”

Il Tavolo per il miglioramento della qualità dell'aria riunisce tutti i soggetti istituzionali e gli operatori coinvolti dalle misure che Regione Lombardia ha elaborato per raggiungere gli obiettivi contenuti nell'aggiornamento del Pria

01 agosto 2018
Guarda anche: AttualitàLombardia

La qualità dell’aria in Lombardia continua a migliorare, grazie anche agli incentivi che l’amministrazione regionale stanzia ogni anno. Questo, in sintesi, quanto emerso dal ‘Tavolo aria’ in Regione e illustrato in conferenza stampa dall’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, cui ha preso parte anche il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

FONTANA: ARIA MIGLIORE È PRIORITÀ“Il miglioramento della qualità dell’aria è una delle nostre priorità – ha detto Fontana – e dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione senza però stravolgere la vita dei cittadini. Ci attiveremo anche per ottenere dall’Unione Europea ulteriori stanziamenti così da incrementare ulteriormente gli incentivi per i lombardi. Da questo punto di vista è fondamentale che la Commissione Europea, riconoscendo la specificità oro-geografica del Bacino padano, individui differenti criteri di valutazione per la Lombardia e, in generale, per le aree del Bacino padano. Non si può però nascondere che abbiamo già fatto grandi passi avanti nella lotta all’inquinamento atmosferico, grazie anche agli incentivi che negli anni sono stati messi in campo per la sostituzione dei veicoli più inquinanti e degli impianti di riscaldamento più obsoleti”.

CATTANEO: PREFERIAMO INCENTIVI A DIVIETI“In questi mesi – ha spiegato Cattaneo – abbiamo lavorato per mettere in campo misure che non pesassero sulla testa dei lombardi come ulteriori divieti o, ancor peggio, come ulteriori esborsi che i cittadini devono sostenere. La nostra consapevolezza è che bisogna lavorare per migliorare ulteriormente la qualità dell’aria della nostra Regione. Il nostro obiettivo è agire sulla consapevolezza che ci sono ancora passi da fare e che ciascuno di noi può fare opportunamente la sua parte. Vogliamo aiutare i cittadini ad imboccare un percorso virtuoso liberamente scelto e per questo ai divieti preferiamo incentivare la sostituzione dei mezzi e degli impianti più inquinanti”.

ANCHE IL GOVERNO FACCIA LA SUA PARTE“Nel recente incontro avuto con il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – ha proseguito Cattaneo – ho presentato insieme alle Regioni del Bacino padano la situazione chiedendo che ci sia un impegno preciso per non lasciare sole le Regioni. L’infrazione europea riguarda l’intero Paese Italia ed è giusto che anche il Governo nazionale faccia celermente la sua parte”.

 

Fonte: LombardiaNews

Tag:

Leggi anche: