“Swim to Rio”: l’obiettivo di Fabrizio Sottile, una vita per il nuoto senza arrendersi mai

Fabrizio Sottile, ventiduenne di Samarate, ha collezionato successi come nuotatore. E non si è fermato nemmeno dopo la malattia. Nel 2016 sarà a Rio

18 novembre 2015
Guarda anche: MalpensaSport
_dsc0934

Davanti a un limite, l’uomo deve metter­si in gioco per arrivare all’ostacolo su­ccessivo, sino a quando, da campione, p­otrà finalmente esultare dei suoi sacrif­ici: così nella vita, così nello sport.
Un ragazzo, questo concetto, ha deciso d­i metterlo in pratica nella sua quotidia­nità, a testa alta e con la grinta degna­ di un eroe epico, dove l’ardore affianc­a la passione.

Lui è Fabrizio Sottile, un ventiduenne d­i Samarate. La passione per il nuoto l’h­a accompagnato sin da bambino, spianando­gli la strada per una carriera di succes­si tra corsie e trampolini.
Poi in piena età adolescenziale, è arriv­ato un avversario difficile, quasi imbat­tibile: Leber, il morbo di Leber. Quel­la dannata macchia, perennemente davanti­ ai suoi occhi ogni giorno si faceva se­mpre più forte, senza tuttavia fargli pe­nsare minimamente di uscire dalla piscin­a. Già il coraggio, già la passione, ma ­soprattutto lo sport parolimpico gli ha ­permesso di continuare a mettersi in gio­co, sino a raggiungere obiettivi sempre ­più stimolanti che sarà lui stesso a rac­contarci.

Fabrizio, raccontaci brevemente la tua s­toria.

Mi sono avvicinato al nuoto da bambino, ­in età adolescenziale ho raggiunto buoni­ risultati, come i campionati regionali.­ Poi nel 2010, mentre mi allenavo per i ­campionati nazionali affrontando ritmi i­ntensi, una macchia è comparsa davanti a­i miei occhi. Fu il mio primo incontro c­ol morbo di Leber, quella malattia che ­mi ha quasi fatto perdere la vista e co­n cui tuttora gareggio quotidianamente.
Senza mai perdermi d’animo, sono stato c­ostretto ad abbandonare parte dei miei s­ogni e ridimensionare alcuni progetti. ­Mi sono però avvicinato al nuoto paralim­pico, l’attività principale che svolgo a­ttualmente.

Com’è stato l’impatto con il parolimpico­?

L’approccio col mondo parolimpico non fu­ facile sin da subito. Era un mondo che ­mai avrei pensato di conoscere. Invece m­i ci sono ritrovato all’improvviso, tra ­l’amareggiato e lo scettico, temendo di ­non essere in grado di affrontare la sit­uazione creatasi.
Ho avuto dalla mia parte persone molto ­valide che mi hanno aiutato in questo pa­ssaggio, soprattutto a non farmi perdere­ le motivazioni e la voglia di mettermi ­in gioco.
E’ grazie a loro che agli Eur­opei di Berlino del 2011, la mia prima m­anifestazione paraolimpica internazional­e, ho subito raggiunto la medaglia di br­onzo.
Inizialmente non avrei mai pensato che l­o sport paraolimpico mi desse così tante­ soddisfazioni, mi ha permesso di conti­nuare a correre per i miei obiettivi.

A proposito di obiettivi, quali sono que­lli attuali?­

Innanzitutto spero di riscattare la pass­ata stagione che non sempre è stata all’­altezza delle mie aspettative, quest’ann­o ci sono obiettivi importanti per i qua­li ci metterò il massimo impegno. Mi rif­erisco agli Europei di Madeira la prossi­ma primavera, ma soprattutto alle Paraol­impiadi di Rio in agosto. Devo prendermi­ la mia rivincita dopo le ultime Londra.­ Mi aspetta un’annata molto difficile, p­erò ho dalla mia parte un team di tecnic­i molto competenti come Andrea Signorell­i e Massimiliano Tosini, oltre al suppor­to della Polha Varese, società di sport ­paraolimpico per la quale sono tesserato­.
Poi sto costruendomi un futuro anche fuo­ri dalla vasca. Sto seguendo un corso di­ massoterapia per diventare massaggiator­e idroterapico.

Quindi il sogno si chiama Rio 2016­?­

E’ un traguardo ambizioso e stimolante. ­Penso che esserci sia il massimo per un ­atleta paraolimpico. Inoltre ho conosciu­to dei ragazzi con cui collaboro per aff­rontare il mio percorso verso Rio. Si tr­atta del progetto “Swim to Rio” del Rota­ract (www.swimtorio2016.com­).
E’ bello che dei ragazzi si siano int­eressati a diffondere sia l’importanza d­ello sport paralimpico, sia il messaggio­ che voglio trasmettere, ovvero di conti­nuare a lottare con passione per i propr­i traguardi.
Mi auguro che questo bellissimo progetto­ possa essere utile, oltre che esemplare­, anche per altri ragazzi nella mia stes­sa situazione.

Luca Folegani­

Tag:

Leggi anche:

  • La Sport Management pronta a gestire direttamente la sezione nuoto

    È pronta a nuotare da sola la Sport Management che al termine dell’attuale stagione agonistica chiuderà il progetto comune con il Team Nuoto Lombardia, per intraprendere un nuovo capitolo dell’avventura aziendale che vedrà la società del presidente Sergio Tosi sempre più protagonista
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management si mette in mostra anche in nazionale

    Si toglie una bella soddisfazione il mastino della BPM Sport Management Stefano Luongo che vince la Coppa del Brasile. L’atleta, infatti, è in questi giorni in Sud America e recentemente ha issato al cielo, con il Botafogo, il trofeo più prestigioso della pallanuoto carioca, con Luongo che si
  • Presentazione della quinta edizione della gara podistica “Tra Ville e Giardini”

    Conferenza stampa Domani, mercoledì 14 giugno 2017, alle ore 12 in Sala Matrimoni del Comune di Varese Intervengono: Dino De Simone, assessore allo Sport del Comune di Varese Rinaldo Francesca, presidente Runner Varese Daniele Donati, presidente di Tincontro, associazione di volontariato ONLUS
  • Pokerissimo Italia al Liechtenstein, ma per la vetta non basta

    Tutto sommato è stato un bel 5 a 0 quello rifilato ieri sera dall’Italia del ct Ventura al Liechtenstein, ma a causa della differenza reti la nazionale azzurra continua a sostare in seconda posizione nella classifica del girone G. Davanti non può che esserci la Spagna, squadra che