Somma Lombardo: il ritorno di viale Mattai del Moro

L'amministrazione Bellaria farà ricomparire la dicitura originaria in viale XXV aprile

19 maggio 2016
Guarda anche: Malpensa
sommalombardo
Un sindaco sommese, amministrazione 1923-1927, è stato nel tempo più o meno deliberatamente “dimenticato”.

La sua presunta colpa, essere stato rappresentante in quegli anni del Blocco Costituzione che vinse le elezioni all’alba del fascismo.
Da alcune testimonianze, prime fra tutte i libri del giornalista locale Ignazio Vanelli, emerge la figura di un filantropo, un benefattore sorretto dalle grandi finanze che si era costruito.
L’unico segno rimasto in città che portava il suo nome, un viale con circa 200 tigli, fin dal dopoguerra ha preso il nome di viale XXV Aprile. Gli abitanti hanno comunque continuato a chiamarlo viale Mattai del Moro e oggi i figli, nipoti e pronipoti tramandano questa abitudine seppur a volte non ne sappiano il motivo.
A questo link c’è una piccola pubblicazione free che riassume senza pretese le ricerche e le prove ancora osteggiate da una piccola parte politica (ma si tratta più di singolarità che di linea di partito). L’amministrazione Bellaria ha annunciato e disposto appunto per domani la sostituzione dei cartelli stradali indicati la via con nuovi cartelli che riportino la dicitura “già viale Mattai del Moro”. Apparentemente un’inezia, in realtà un primo passo per il riappropriarsi di una memoria storica identitaria.
Al cambio di cartelli presenzieranno alcuni rintracciati discendenti Mattai del Moro che ormai risiedono fuori Somma; la figlia ottuagenaria di Angelo De March, fondatore della sezione alpini di Somma Lombardo e legato a doppio filo alla storia del viale; un rappresentante della sezione Tiro a Segno di Somma Lombardo, sezione tra le più antiche d’Italia, ancora oggi utilizzata per i campionati nazionali della disciplina, e fondata dal poi sindaco Ercole Mattai del Moro; i rappresentanti dei quartieri sommesi, che hanno caldeggiato l’iniziativa. A tutti ovviamente si aggiungono il sindaco Stefano Bellaria, l’assessore alla cultura Raffaella Norcini e quello all’ecologia Edoardo Piantanida (in autunno partirà un progetto di riqualificazione totale del viale).
L’appuntamento, durata massima prevista 30 minuti, è il 19 maggio alle ore 12,00 in fondo al viale, presso la villa del custode (di una tenuta mai realizzata, ma questa è un’altra storia!)

Tag:

Leggi anche:

  • Andrea Piccolo vince la 41° Piccola Tre Valli Varesine

    Sono stati 129 i ragazzi categoria Allievi che hanno partecipato alla 41° edizione della Piccola Tre Valli Varesine, tradizionale gara valevole come 2° prova del Giro della Provincia e 3° Trofeo Veneto Banca. A tagliare per primo il traguardo, dopo 60 chilometri di gara, Andrea Piccolo del
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo