Somma Lombardo: il ritorno di viale Mattai del Moro

L'amministrazione Bellaria farà ricomparire la dicitura originaria in viale XXV aprile

19 maggio 2016
Guarda anche: Malpensa
sommalombardo
Un sindaco sommese, amministrazione 1923-1927, è stato nel tempo più o meno deliberatamente “dimenticato”.

La sua presunta colpa, essere stato rappresentante in quegli anni del Blocco Costituzione che vinse le elezioni all’alba del fascismo.
Da alcune testimonianze, prime fra tutte i libri del giornalista locale Ignazio Vanelli, emerge la figura di un filantropo, un benefattore sorretto dalle grandi finanze che si era costruito.
L’unico segno rimasto in città che portava il suo nome, un viale con circa 200 tigli, fin dal dopoguerra ha preso il nome di viale XXV Aprile. Gli abitanti hanno comunque continuato a chiamarlo viale Mattai del Moro e oggi i figli, nipoti e pronipoti tramandano questa abitudine seppur a volte non ne sappiano il motivo.
A questo link c’è una piccola pubblicazione free che riassume senza pretese le ricerche e le prove ancora osteggiate da una piccola parte politica (ma si tratta più di singolarità che di linea di partito). L’amministrazione Bellaria ha annunciato e disposto appunto per domani la sostituzione dei cartelli stradali indicati la via con nuovi cartelli che riportino la dicitura “già viale Mattai del Moro”. Apparentemente un’inezia, in realtà un primo passo per il riappropriarsi di una memoria storica identitaria.
Al cambio di cartelli presenzieranno alcuni rintracciati discendenti Mattai del Moro che ormai risiedono fuori Somma; la figlia ottuagenaria di Angelo De March, fondatore della sezione alpini di Somma Lombardo e legato a doppio filo alla storia del viale; un rappresentante della sezione Tiro a Segno di Somma Lombardo, sezione tra le più antiche d’Italia, ancora oggi utilizzata per i campionati nazionali della disciplina, e fondata dal poi sindaco Ercole Mattai del Moro; i rappresentanti dei quartieri sommesi, che hanno caldeggiato l’iniziativa. A tutti ovviamente si aggiungono il sindaco Stefano Bellaria, l’assessore alla cultura Raffaella Norcini e quello all’ecologia Edoardo Piantanida (in autunno partirà un progetto di riqualificazione totale del viale).
L’appuntamento, durata massima prevista 30 minuti, è il 19 maggio alle ore 12,00 in fondo al viale, presso la villa del custode (di una tenuta mai realizzata, ma questa è un’altra storia!)

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare