Sicurezza, scappa da posto di blocco: rintracciato e multato

La fuga sabato pomeriggio in piazza Monte Grappa. Conducente e auto ritrovati a Masnago

22 Ottobre 2019
Guarda anche: CronacaVarese Città

Un posto di blocco in piazza Monte Grappa, la certezza di fermare il proprietario di un’automobile sprovvisto di assicurazione. Poi la fuga e il ritrovamento a Masnago: questo l’intervento che ha visto protagonisti, nel pomeriggio di sabato scorso, gli agenti della Polizia Locale di Varese. Meno di due ore di ricerche, condotte grazie a telecamere tecnologiche e ai pattugliamenti delle volanti.

Erano le 14.45 quando, in viale Borri, uno dei varchi per il rilevamento dei veicoli in transito segnalava il passaggio di un’autovettura non assicurata; un’informazione resa disponibile da una particolare tecnologia collegata alle telecamere e subito inoltrata alla pattuglia che, in piazza Monte Grappa, era impegnata in un normale posto di controllo. Dopo circa tre minuti, con gli agenti pronti a fermare il veicolo qualora fosse effettivamente passato dal centro cittadino, l’automobile ha raggiunto la piazza provenendo da via Volta.

Il conducente, a quel punto, è stato invitato a fermarsi e a esibire, come da prassi, i documenti di guida. Nonostante un’iniziale apparente disponibilità, però, l’automobile ha ripreso lentamente la propria marcia, per poi accelerare con decisione e superare – a semaforo rosso – l’incrocio tra le vie Marcobi, Veratti, Bernascone e Sacco in direzione di quest’ultima.

La pattuglia della Polizia Locale ha quindi chiesto l’intervento della Centrale, che ha subito attivato le ricerche del fuggitivo. Dagli accertamenti incrociati tra targa e telecamere poste all’interno del territorio comunale, l’operatore ha evidenziato come la macchina transitava quotidianamente nel perimetro cittadino, entrando e uscendo prevalentemente dal varco presente nel rione di Masnago.

Le attività si sono concentrate su quest’ultimo quartiere, finché, alle 16.25, un’altra pattuglia ha ritrovato l’autovettura parcheggiata in un’area privata, sotto una grande tettoia e nascosta dietro un secondo veicolo. Gli agenti della volante di piazza Monte Grappa, arrivati sul posto, hanno subito riconosciuto il conducente, contestandogli il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Al cittadino sono stati infine elevate altre contravvenzioni: circolazione con veicolo privo di copertura assicurativa, inottemperanza all’alt degli agenti di polizia stradale, passaggio con luce rossa del semaforo, omissione della regolazione della velocità, circolazione con patente sospesa, circolazione senza fare uso delle cinture di sicurezza.

Tag:

Leggi anche:

  • Autolinee Varesine collabora con i Carabinieri per una maggiore sicurezza

    Sempre più efficace la strategica collaborazione tra Autolinee Varesine e le forze dell’ordine, anche sulle linee extraurbane che attraversano dunque svariate località del Varesotto. Nella mattinata del 5 novembre, infatti, il personale di verifica dell’azienda ha organizzato un meticoloso
  • Etichette E Sicurezza Alimentare: Un Aiuto Alle Imprese

    Camera di Commercio sempre più vicina alle imprese del nostro territorio. In questo caso, a quelle che operano lungo tutta la filiera del settore agroalimentare: dalla produzione alla trasformazione fino al confezionamento e alla commercializzazione. Per loro è ora operativo il nuovissimo
  • Online il bando per la realizzazione delle opere per la messa in sicurezza dei percorsi pedonali

    Mobilità sicura e sostenibile tra casa, scuola e lavoro: è online da oggi il bando per la ricerca del soggetto che realizzerà le opere per la messa in sicurezza dei percorsi pedonali. L’importo complessivo dell’appalto è di 551 mila euro e c’è tempo fino al 18 novembre per
  • “Controllo del vicinato” sottoscrizione del Protocollo d’intesa

    La Prefettura di Varese, ha promosso la definizione di un protocollo d’intesa con i Comuni interessati ad iniziative di controllo del vicinato. L’iniziativa si colloca in un quadro nel quale la sicurezza è sempre più percepita dai cittadini come un diritto primario e componente indispensabile